Dettagli Recensione

 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio
 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio 2020-10-04 18:53:11 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    04 Ottobre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un folle savio

Con questo libro Remo Rapino ha vinto l’edizione 2020 del Premio Campiello: riconoscimento assolutamente meritato perché trattasi di una storia ricca di umanità, narrata direttamente in prima persona dal protagonista stesso, quel Liborio Bonfiglio che si racconta e che racconta la propria vita dalla sua nascita fino agli ultimi momenti prima di morire (“Ho preso allora un quaderno con le righe tutte dritte così non vado storto e sono partito con una bella Bic nera, che scrive bene…..devo finire di scrivere questa storia mia di cocciamatte, ci vuole il tempo che ci vuole che ottanta anni non sono pochi”). Liborio stesso si definisce un “Cocciamatte” con qualche rotella fuori posto (“...c’ho sempre pensato per vedere di capire come mai sta coccia mia da quasi normale s’è fatta na coccia matte, tutta na matassa sgarbugliata fuori di cervello”), seppur allo stesso tempo risulti colmo di un’umanità e di un candore quasi fanciullesco tali da riuscire a esprimere concetti e massime sul senso profondo della vita estremamente saggi e condivisibili (“Adesso lo so le cose e capisco pure i segni di allora, ma ci sono dovuto passare in mezzo alla tormenta per capire quello che significa acqua e vento e che vuol dire quando parlano del destino che sta già scritto, ma per imparare a leggere ci vuole tutta la vita”). Liborio è cosciente della sua differenza, dei suoi tanti “segni neri” come li chiama lui, quei dolori e quelle sofferenze che hanno condizionato negativamente la sua vita, come ad es. il non avere mai conosciuto il padre, figura che nel corso del romanzo ritorna continuamente nei suoi pensieri, come si trattasse di una litania ripetuta e che cerca di trovare disperatamente nel taglio dei suoi occhi (“A me mia madre mi diceva che io avevo gli occhi uguali ai suoi. Questo solo so”). Proprio la ripetizione di concetti, ricordi, personaggi rappresentano un po’ il marchio di fabbrica del romanzo, quasi come si trattasse di una filastrocca in cui le strofe (la storia) si alternano al ritornello, che ogni volta si allunga in funzione delle persone che Liborio incontra nel corso della sua esistenza: il maestro di scuola elementare Cianfarra Romeo, Teresa Giordani l’unico vero amore della sua vita che lo ha tradito per sposare un commerciante, gli amici operai della Ducati a Bologna e il dottor Mattolini direttore del manicomio nel quale il povero Liborio viene internato a seguito di un alterco finito male con un superiore in fabbrica.

“Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio” è un romanzo che colpisce ed arriva al cuore del lettore, anche se la scelta delle continue ripetizioni di cose già dette forse a lungo andare stanca un po’, oltre alla non sempre agevole lettura, a causa della scelta di Rapino di fare parlare Liborio con un linguaggio e con espressioni gergali, popolari tipiche della tradizione abruzzese (terra natia dell’autore) in certi casi addirittura onomatopeiche (“ nella testa un’altra volta, più di prima, tutto un bistanclaque…un tata tatan tatatan, un tutum…”). Ulteriore valore aggiunto è inoltre risultata la scelta di ambientare le vicende del protagonista sullo sfondo della storia d’Italia e merito di Rapino è di essere riuscito a fondere sapientemente la Storia con la lettera maiuscola- in particolare gli anni della Resistenza dal 1943 in poi ed il periodo della lotta di classe durante gli anni del boom economico- con le vicende personali di Liborio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna