Dettagli Recensione

 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio
 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio 2020-10-26 15:19:46 Mauro67
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mauro67 Opinione inserita da Mauro67    26 Ottobre, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vedere la storia con la testa del matto, che poi t

Liborio è un cocciamatte, anzi, un quasi cocciamatte, che quando era in manicomio anche il direttore gli ripeteva che tanto matto non era.
Nasce nel 26 in un paesino dove si vede il mare davanti e la montagna dietro. Il padre non lo conosce, sa dalla madre che è fuggito in America e lui ha gli occhi uguali ai suoi, questa cosa lo seguirà per tutta la vita.
Il primo amore, Giordani Teresa, alla quale strappa un bacio alla fine della guerra.
Poi va a fare il soldato. Da lì nelle prime fabbriche a lavorare e nelle piazze a manifestare contro i padroni. Finisce in manicomio per aver picchiato un supervisore.
Torna al paese ma oramai è tutto cambiato e Liborio, nella sua semplicità, non capisce più nulla. Viene deriso ma anche temuto dalla gente perchè matto.
Arriverà il momento dell’addio e nella sua testa si immagina una festa dove sono tutti invitati, gli amici dell’infanzia, i suoi amori, i degenti del manicomio e i colleghi in fabbrica.
Un racconto che dura una vita, scritto come parlerebbe un cocciamatte, dialetto con parole inventate, ma con le considerazioni profonde del filosofo da strada attraverso le quali conosciamo le asprezze della vita, gli orrori della guerra, la vita in fabbrica nei primi anni dell’industrializzazione italiana, la vita in manicomio.
Conosciamo la solitudine di chi nasce sfortunato, abbandonato già prima di venire al mondo e con una testa che gli altri non capiscono.
Alla fine bisogna mettere i sassi in tasca per non farsi portare via dal vento

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna