Dettagli Recensione

 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio
 
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio 2021-01-02 16:26:21 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    02 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un uomo solo

Se la solitudine potesse avere un volto, sarebbe quello di Liborio Bonfiglio.
Il volto di un uomo giunto al termine del lungo e tortuoso sentiero della vita, disseminato di perdite e delusioni, di incomprensioni e vuoti mai colmati.
Liborio è un'anima pura, mossa da pensieri e desideri semplici e genuini, cui la vita ha riservato poca fortuna come lui stesso ci narra in prima persona, regalandoci una cavalcata nel suo passato che coincide con le tappe più significative della storia del nostro paese dal dopoguerra alle soglie del ventunesimo secolo.
Il protagonista di queste pagine è un “vinto” dalla vita, è un bambino che ha subito l'abbandono del padre, è un ragazzo che viene sradicato dal piccolo paese di provincia per servire la propria patria durante la guerra, è un giovane uomo che varca le soglie di una realtà chiamata “fabbrica”, è un adulto quando un groviglio di concause gli apre le tetre porte di un edificio bianco chiamato manicomio.

Un plauso all'autore, Remo Rapino, per aver creato un volto a rappresentazione degli “ultimi”, di coloro che vivono alla periferia di una società sorda e cieca oltre che restia a porgere la mano in loro soccorso.
Un esempio di esclusione e mancata integrazione che brucia forte come sale sulla ferita, un lungo monologo di un vecchio rassegnato ma con fotogrammi lucidi confitti come chiodi nel cuore ferito.

Meritato Premio Campiello 2020 per l'excursus narrativo, per la cura dedicata alla costruzione del protagonista che culmina con la scelta coraggiosa di coniare un linguaggio nuovo alle orecchie del lettore, una miscellanea dialettale e gergale a tratti complessa da masticare ma che è l'arma vincente e innovativa per far esplodere tutto il realismo di questa storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Una presentazione invitante, Silvia. Non pensavo proprio che questo libro fosse a tale livello. Meno male che della recente produzione letteraria italiana arrivi qualche buona notizia!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna