Dettagli Recensione

 
Vivida mon amour
 
Vivida mon amour 2021-04-26 17:12:30 cesare giardini
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    26 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pene d'amore di un neodottore.

Dimenticate l’Andrea Vitali cantastorie di Bellano, accantonate (per poco, naturalmente) il maresciallo Maccadò, i suoi carabinieri, la burbera suora dell’Ospedale, i personaggi che animano la cittadina lacuale: lo scrittore cambia registro e ci propone una languida storia d’amore, la cronaca puntuale e particolareggiata di un vero e proprio colpo di fulmine. Certo, le persone interessate non potevano essere più diverse l’uno dall’altra. Lui, giovanotto di buona famiglia, timido, neolaureato in medicina, qualche supplenza qua e là, sempre a corto di soldi e sempre in cerca di un’auto in prestito, lei, una strana ed eccentrica ragazza, bella e sicura di sè, ma poco acculturata, famiglia di agricoltori e vivaisti di fiori e piante. Anni ’70-’80, gli amori si coltivavano nel cuore e con gli sguardi, il primo bacio era una conquista. Il fatale incontro avviene ad una festa, lui incrocia una sua occhiata, lo colpiscono il vestito ed i malleoli (sic!) di lei: ne esce stracotto, un’infatuazione bella e buona che spinge il nostro baldo e romantico giovane a mettersi alla ricerca di lei attraverso peripezie varie. La trova, iniziano le telefonate ed il corteggiamento. Le uscite serali mettono a dura prova il rapporto tra i due. Capita che lei, alla prima uscita, emani uno sgradevole olezzo di aglio, costringendo l’accompagnatore a tirar giù discretamente il finestrino, e che poi incontri un amico in un locale e si perda in chiacchiere con lui trascurando il suo spasimante. Capita anche che , alla seconda uscita, lei non sopporti, offesa, di essere considerata dalla padrona del ristorante la sua fidanzata: abbandonano il locale, si buca la gomma della macchina ( di bene in meglio!), finiscono la serata in un altro locale ( il “Papillom”, proprio così, si pronuncia come si legge!) che però sta per chiudere. Ma non basta: per far colpo, lui la invita una terza volta in un rinomato ristorante, il “Douce France”, che però ha chiuso i battenti per ferie. Ma il colpo di grazia arriva quando, finalmente, il nostro Romeo rivela il suo amore e le sue intenzioni alla bella scontrosa: la risposta è un netto NO, e qui sembra finire tutto. Disperazione, rassegnazione, silenzi, il tempo passa. Ma l’imprevedibile fanciulla (lui non sa ancora pronunciarne il nome, se Vìvina o Vivìna, questione di accenti: alla fine lei si rivelerà come Vivida) si rifà viva, rimprovera il suo silenzio e gli confessa di averlo messo alla prova. Vai a capire le donne!
Il finale non riserva l’attesa sorpresa che ci si sarebbe potuto attendere, dato l’andazzo degli eventi: anzi, invece di un colpo di scena (che so io, l’apparizione di un vecchio spasimante, un figlio altrui in arrivo, o simili), i due coronano con un bel matrimonio il faticoso e costante corteggiamento del neo dottore.
Ma, ecco la sorpresina finale, che lascio ai lettori il piacere di scoprire. Vivida è ormai la padrona dell’azienda di famiglia (piante e fiori), e lo sposino diventa, suo malgrado…
Come si suol dire, la bella Vivida ha acchiappato due piccioni con una fava.
Il romanzo si legge con curiosità e con piacere. Lo stile è forbito, tipo romanzo fine ottocento, con divagazioni curiose e sospiri amorosi: ogni tanto, qualche imprecazione (e non solo) ci riporta al Vitali della plaga di Bellano e dintorni, così, per farci capire che è sempre lui che scrive e che sa anche deliziare il suo pubblico con altri tipi di storie.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Andrea Vitali.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri