Dettagli Recensione

 
Battle Royale
 
Battle Royale 2012-05-18 08:14:05 joshua65
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
joshua65 Opinione inserita da joshua65    18 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Japanese whispers

Kurosawa, Nagatomo, Kawasaki, Fujiyama, Hirohito, Yamamoto. Si, sono proprio le prime parole che mi vengono in testa quando mi dicono di pensare al Giappone, come quando mi chiedono “conosci il francese?”, “Oui, Je suis Caterine Deneuve!”.

La sintesi dell’ovvio, o la tuttologia in una scatola di fiammiferi, scatta subito alla parola Japàn, con l’accento sulla a. Il Giappone per me è un mistero, ma un mistero noioso, che non ti fa venire voglia di svelarlo. Piuttosto lo lascio dentro un cofanetto impolverato.

Per cui: “senso di nausea”, quando vedo mia figlia leggere i manga al contrario e poi impilarli ordinati negli scaffali della sua libreria, sempre più colorata e stracolma. Per me, cresciuto ad Alan Ford e Dare Devils, Goldrake e Heidi (che poi come facevano ad essere realizzati in Giappone? così diversi, eppure …), non resta che andare via rapidamente. Perplesso.

Tenta e ritenta, l’ultima volta sono uscito dalla stanza con “Battle Royal”, forse perché è un libro, o più probabilmente perché esortato dall’ennesimo: “Papà, leggilo!”

Infatti, “Battle Royale” è un best seller assoluto, è un libro cult che ha ispirato diversi manga e videgiochi. Inizia alla grande con quarantadue ragazzi confinati in un’isola che sono costretti ad uccidersi tra loro, il superstite vince. E la battaglia (o il gioco, se volete) si scatena subito, cattiva, violenta, assurda. Richiama immediatamente al “Signore delle Mosche” o a “1984”, sviluppandosi freneticamente e scandita tragicamente dal numero di studenti rimasti, riportati alla fine di ogni capitolo. Alcune morti sono efferate, altre improbabili, altre ancora casuali, tutte quante però descritte dettagliatamente.

Follia allo stato puro, direte? Forse sì. Oppure no. Perché quando ti allarghi troppo, caro Takami, poi rischi di esagerare, vanifichi la dirompenza del messaggio, rischi di non trasferire drammaticità, mantenendo la trama troppo distante dal lettore, e forse anche troppo assurda.

E’ un libro che ha ispirato diversi manga, dicevamo, e forse questo è il suo limite, dopo seicento e passa pagine, rimani un po’ così, come quando mangi sushi con molto appetito. Capolavoro o “boiata pazzesca?”

Voglio salvare qualcosa però. Tengo per me le riflessioni che mi hanno accompagnato durante la lettura. “Ma chi sono io? Shuya o Shogo? Shinji o Yutaka? “La migliore risposta la da, per me, Mitsuko a Hiroki:

“Le persone buone sono così. Ma anche tra loro ci sono quelle che possono diventare cattive. Altre invece finiscono per restare buone tutta la vita. Tu sei una di queste”

Sayonara

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Il signore delle mosche, 1984 e vorrebbe leggere Hunger Games
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Bella la recensione e ancor piu' l'ironia :D
E a me che purtroppo non parlo una parola di francese hai dato un buon suggerimento per quando qualcuno mi porra' la fatidica domanda !!!
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
18 Mag, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
è il caso di dire: cosa non si fa per i figli! :))...
Nooooo, non credo leggerò mai niente di simile! Per me vale la tua seconda frase del secondo periodo: Giappone=mistero, ma un mistero che spesso, fatto salvo qualche autore, preferisco non svelare... Bravo Josh! è sempre un piacere leggerti! :)
Grazie ragazze!!! Purtroppo l'ironia mi parte quando sento "voglia di spararla grossa", o forse sono io cronicamente refrattario agli eccessi. Anche se questo libro non è proprio da buttare, dai (lo dico più a me stesso ;-) )
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri