Dettagli Recensione

 
Non lasciarmi
 
Non lasciarmi 2012-07-03 16:50:54 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    03 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Povere creature.

Ho la presunzione di avere una buona memoria narrativa, compensata da pessime memorie di altro genere: per esempio, scordo facilmente il nome degli autori, soprattutto se stranieri, tanto che sono riuscita a scordarmi di Kazuo Ishiguro dopo aver letto il suo splendido “Quel che resta del giorno”. Dopo questa lettura non lo scorderò mai più.

Il romanzo è distopico, ma non fantascientifico: potrebbe succedere anche adesso. I protagonisti, gli “studenti” mi hanno ricordato molto i replicanti di Blade Runner: esseri senzienti creati per essere sfruttati, umani quanto e forse più di noi, ma disumanizzati per evitare il rimorso. Se i replicanti non vengono uccisi, ma “ritirati”, gli studenti non muoiono, ma “finiscono il ciclo”. Se i replicanti sono rabbiosi e violenti, gli studenti sono stranamente remissivi: non cercano fughe o vendette, si limitano a sognare un improbabile rinvio del loro destino.

“A Madame non siamo mai piaciuti. Ha sempre avuto paura di noi. Come le persone hanno paura dei ragni o di questo genere di cose”.
Gli umani normali giocano appaiono di rado nella storia; la loro crudeltà non è mai descritta in modo esplicito, ma appaiono raccapriccianti agli occhi del lettore, così come nella finzione gli “studenti” appaiono raccapriccianti a loro.

Una grande storia narrata in modo superbo, tanto da stimolare l’inquietudine e, soprattutto la riflessione. Stimola anche una quantità domande scomode, che forse si possono riassumere in una sola: è possibile che succeda davvero? La risposta è ancora più scomoda: a pensarci bene, sta già succedendo, e non è la prima volta. Ci sono già, ci sono sempre stati, i luoghi chiusi in cui si tenta di affrontare la diversità con efficienza, ma anche con compassione: queste istituzioni illuminate sono Hailsham. E poi ci sono, ci sono sempre stati, anche i luoghi in cui i diversi vengono spogliati senza ritegno della loro umanità: istituti, prigioni, ghetti, lager. Centri di accoglienza. Sì, sta già succedendo, è sempre successo. Lo sfruttamento è sempre esistito, così come sono sempre esistiti i diversi, gli speciali, gli esseri umani privati della loro anima per giustificare qualsiasi forma di abuso e di sfruttamento.

Tra gli studenti di Hailsham, quelli che ancora conoscono la compassione, fioriscono anche l’amore e l’amicizia, fiori delicati che sbocciano nella paura e sopra il fango: la narrazione di queste emozioni costituisce la parte migliore, forse la più crudele del romanzo. L’autore tesse una trama che cattura come una tela di ragno; l’esito si intuisce fin dall’inizio, ma si disvela a poco a poco ai protagonisti e al lettore, fino a denudare il suo volto: non c’è rinvio possibile, l’orrore siamo noi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
narrativa distopica
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

19 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Straordinaria questa recensione, bravissima!| Mi piace molto il genere e questo libro va ad allungare la mia già infinitamente lunga lista di acquisti. Concordo l'orrore siamo noi e la tua recensione è drammatica e disarmante.

Tra l'altro ho dato un'occhiata al tuo sito e letto una parte delle tue tesi, tutto molto ben fatto e interessante. :-)
Grazie di cuore DanySanny:-)
Spero davvero di aver reso onore al merito del romanzo. Del resto, la narrativa distopica è uno dei generi che preferisco. Davvero hai letto parte delle tesi? Che eroe:-)
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
03 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Chiamami pure Daniele, quello è un nomignolo un po' infantile di cui mi pento ogni volta che lo vedo; comunque ho letto, naturalmente non approfonditamente, le tue 2 tesi e mi sono piaciute moltissime anche perchè possono essermi d'aiuto e d'ispirazione per quando dovrò farla io anche se prima c'è quella di Maturità
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
03 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Bene ! Son proprio contenta ti sia piaciuto !
Non avevo dubbi che a casa di chiunque altro sarebbe stato meglio che a casa mia :-)
D'accordo Daniele, anche se a me DannySanny sembra simpaticissimo:-) E in bocca al lupo per la maturità e il resto!
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
03 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Antonella! Ma tanto ci sono ancora 2-3 anni....
Devo ringraziarti carissima! La lettura è stata davvero un'esperienza molto intensa:-)
Devo ancora metabolizzare il film (angosciosissimo). Ma è sicuramente un romanzo che vale la pena di leggere.
Davvero, un' OTTIMA recensione.
Bravissima!
Sì Cristina, ne vale sicuramente la pena. E poi i romanzi come questo hanno un effetto catartico.
19 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Obscuritas
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Paese infinito
L'ultimo figlio
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità