Dettagli Recensione

 
Storia di un corpo
 
Storia di un corpo 2012-11-24 17:39:23 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    24 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il commovente diario di una vita

Confesso che Pennac, con Camilleri, è uno dei miei scrittori preferiti. I romanzi imperniati sulla vittima predestinata Benjamin Malaussène, autentico e volontario capro espiatorio nell’ufficio reclami della sua ditta, hanno spopolato, così come i romanzi sulla scuola ( illuminante il “Diario di scuola”) per non parlare dell’altrettanto illuminante racconto “La lunga notte del dottor Galvan”, da leggere e meditare. Il Pennac de “La storia di un corpo” ( meglio l’originale “Journal d’un corps”) lascia all’inizio perplessi : è un Pennac nuovo, al quale non si era abituati, un Pennac dallo stile più personale, intimistico, diretto, che ci introduce in un mondo tutto suo, fino nei particolari più segreti e non facilmente confessabili. L’Autore narra di un diario (quanto vi è di autobiografico?) che il protagonista lascia alla figlia (amatissima), un diario che ripercorre quasi giorno per giorno, lo snodarsi di una vita, dall’età di 12 anni sino agli ultimi giorni di agonia: non è un diario di avvenimenti (sappiamo infatti poco della vera vita del protagonista, se non i tratti essenziali), ma è un racconto del suo rapportarsi con i sensi, dai primi turbamenti giovanili, all’affievolirsi senile dei sensi stessi in un povero corpo martoriato da un susseguirsi di esami diagnostici fino alla prognosi infausta (sindrome mielodisplastica) ed all’accettazione serena della fine. La scrittura è tipicamente diaristica, a volte concisa in poche righe stringate, a volte più elaborata, tesa a descrivere con gioiosa curiosità, sensazioni strettamente personali, dal modo curioso di farsi la barba all’espulsione spontanea e del tutto personale di un polipo nasale, dalle riflessioni sull’immagine allo specchio alla lapidazione (sic !) giovanile a colpi di fichi, da un elenco delle paure nell’infanzia all’affievolirsi del desiderio nell’età presenile… Un Pennac nuovo, ancora inesplorato, che attraverso la descrizione minuziosa dei rapporti del suo personaggio con i sensi e con il suo corpo, mette inconsciamente a nudo la sua anima, sempre con leggerezza e con ironia. Il diario ha momenti anche lunghi di pausa, sintetizzati da “Note” consistenti in lettere alla figlia, una specie di trait d’union fra varie epoche della vita. Prima dell’indice finale, è interessante un curioso (e utile) indice analitico per argomenti, che può facilitare la rilettura di riflessioni sfuggite ad una prima lettura frettolosa. In conclusione, chi conosce Pennac ed è un estimatore dei suoi romanzi troverà qui un Pennac nuovo che, se al primo approccio stupisce e disorienta, finisce poi pian piano, giorno dopo giorno, a conquistare il lettore : la storia di un corpo diventa la storia di una vita intensamente vissuta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Daniel Pennac
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 

24 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Eccomi qua, finalmente, a commentare la mia prima volta con Pennac, autore francese che da almeno tre decadi scrive libri di successo pubblicati in tutto il mondo. Che dire. Storia di un corpo mi è pesantemente piaciuto, nonostante non sia del genere che più preferisco. E’ un libro a tratti divertente e leggero, e a tratti pensoso e intenso. Che racchiude tra le sue pagine tutta la magia della parola scritta in grado di evocare sentimenti ed emozioni, cercando in qualche modo di dare un senso all’esistenza umana. Compito arduo, per altro, ma riassunto qui nel senso che noi siamo il nostro corpo, che possediamo e che ci possiede, che amiamo e odiamo, che viene amato e odiato, con cui noi cresciamo e invecchiamo (ma forse è vero l’esatto opposto). Con una lacrima sempre pronta a uscire, che sia di gioia o di tristezza, seguiamo una storia che è poi la storia di ognuno di noi. Del nostro corpo e del cerchio (vitale) che è la nostra vita. Di grandiose e vulnerabili creature. Umane.
complimenti per la recensione, Cesare! la trovo molto curata e dettagliata sotto il profilo stilistico, quindi molto utile per chi ancora non conosce nulla di Pennac...
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri