Dettagli Recensione

 
Caino
 
Caino 2013-04-16 20:59:51 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    16 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Saramago contro dio (con la minuscola)

Questo libro interessantissimo potrebbe sembrare un intelligente fraseggio letterario ( per non usare il termine più volgare) su temi biblici, temi che si prestano molto bene a un gioco del genere, specie nella loro interpretazione letterale, cioè quella dell'ignorante come potrei essere io o magari (non lo so) Saramago. All'inizio il libro mi è sembrato scritto con il desiderio di ridere che viene al bambino durante la messa domenicale, con uno spirito ingenuo e un po' infantile. In realtà ho cambiato idea abbastanza presto: la narrazione è portata avanti con un accanimento che non può essere considerato bonario e scherzoso. Verrebbe da pensare che Saramago, pur professandosi ateo sia in realtà un credente, uno di quegli uomini che davanti ai tanti mali del mondo se la prendono con Dio perchè non interviene, perchè dà carta bianca all'uomo e si aspetta contro ogni calcolo probabilistico che sappia fare qualcosa di buono. Sembrerebbe che Saramago se la prenda con Dio perchè potendo impedire il male lascia l'uomo libero di fare il male, lascia morire i deboli e ammalarsi i bambini. Di più, se permette queste cose, Lui che può tutto, significa che vuole queste cose. Temi simili ci sono anche in Dostojeskij, anche se non questa ultima, estrema riflessione. A me sembra che un libro simile potrebbe scriverlo solo un credente perchè un ateo non sentirebbe tanto astio per qualcuno che non esiste, sarebbe uno spreco di forze.
Proseguendo comunque nella lettura fino alla geniale e originale conclusione ci si sente sempre più avvinti dal punto di vista di Saramago anche se non lo si condivide ( io non lo condivido). Comunque il libro è bellissimo. La lotta tra dio e l'uomo è portata avanti da caino, in un rovesciamento di ruoli che si accentua andando avanti nel racconto: caino è l'uomo, dio è il male del mondo, il male a cui non c'è rimedio. Non so se la scelta di non usare le maiuscole nei nomi propri e nella parola "Dio" sia una scelta di Einaudi o di Saramago. Io mi sono immaginato che l'autore abbia voluto dare ai personaggi un ruolo in qualche modo collettivo: caino è umano, dio non lo è.
La conclusione, che completa alla perfezione la ribellione di caino, è geniale.
Unico appunto, la scelta di Einaudi di sopprimere le virgolette, è elegante ma credo che non faciliti la vita al lettore occasionale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non ho letto altri Saramago. Benni, Pennac. I fiori blu di Quenau.
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Non l'ho letto ma la tua analisi e' molto interessante, anche il dettaglio della d minusvola.
Bisognerebbe recuperare un'edizione in lingua originale e vedere come e' scritta...
DEVI leggere gli altri Saramago..XD!!!
Mario mi sa che non è la scelta Einaudi di sopprimere le virgole e le punteggiature...è proprio lo stile inconfondibile di Saramago.....lui può!!
Bravo ottima analisi.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
17 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
AH, ecco! Chissà perchè l'ha fatto. Certi autori dovrebbero essere introdotti dall'editore come fa Minimum fax. Ho già la Storia dell'assedio di Lisbona e Cecità da leggere. Sono curioso di dare un'occhiata anche al Vangelo, non riesco a immaginare come abbia potuto scrivere qualcosa tipo Caino con il Vangelo. Mi pare un'impresa impossibile.
Vedremo. Prima gli altri due.
In risposta ad un precedente commento
gracy
17 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento:
17 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi sento di consigliarti Cecità per primo Mario e poi ne parliamo ;)
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
17 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, infatti, io ho letto solo Cecità e pensavo che fosse per l'argomento trattato che mancassero appigli :-D
Questo libro m'ha entusiasmata fino a metà, poi ho fatto fatica a finirlo. Secondo me il più bel libro di Saramago è Cecità, ma se vuoi stare sul filo spirituale devi leggerti Il vangelo secondo Gesù Cristo. Ciao
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
18 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie dei vostri consigli. Allora vada per Cecità.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri