Dettagli Recensione

 
Signori Bambini
 
Signori Bambini 2013-11-08 17:59:24 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    08 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo troppo distopico per essere vero

Joseph Pritsky, Igor Laforgue, Nourdine Kader.
Ecco le generalità dei tre (neanche troppo) piccoli protagonisti che faranno infuriare il loro professore Crastaing a tal punto da vedersi affibbiare il seguente tema per punizione:
"Una mattina ti svegli e ti accorgi che, durante la notte, sei stato trasformato in adulto. In preda al panico, ti precipiti in camera dei tuoi genitori. Loro sono stati trasformati in bambini. Racconta il seguito."

A partire da qui, Daniel Pennac, croce e delizia, genio e sregolatezza del panorama letterario contemporaneo, costruirà una trama dove accadrà tutto ed il contrario di tutto.

Ma partiamo dall'analisi del titolo del romanzo;
Si tratta di un ossimoro bello e buono, ma non per questo si può definire paradossale. Perché talvolta il destino costringe glabri giovincelli a doversi fare carico giocoforza di situazioni delicate ed a dimostrare di essere più grandi della loro età effettiva sulla carta d'identità. E chissà che non possano anche regalare lezioni di vita ad persone adulte solo a livello anagrafico, che sono cresciute nell'agiatezza più totale e che forse non sono nemmeno autosufficienti.

Quest'ultimo caso riguarda proprio i tre 'ragazzini', che ben presto, come nel più crudele dei sortilegi, si ritroveranno adulti per davvero. Adulti che erano ragazzini arroganti ed indisponenti sino al giorno prima, e che ora dovranno prendersi cura non solo di loro stessi, ma anche dei rispettivi familiari, ritornati magicamente all'età dell'infanzia. Un vero e proprio ribaltamento della prospettiva, simile a quello filosofico che Kant aveva definito 'rivoluzione copernicana'.

Lo scrittore francese è geniale nell'affidare la narrazione onnisciente al defunto padre di Igor, e ne nascerà un intreccio talmente complesso che sarebbe improprio anticipare anche solo il minimo colpo di scena sugli sviluppi della vicenda.
Sul piano tematico, vanno messe in evidenza le considerazioni taglienti che l'autore scrive prima sulla famiglia ("La verità è che la famiglia è una specie in via di estinzione [...] Totalmente dissolta dagli enzimi mediatici!"), e poi sui giovani della società in cui viveva ("Sono diventati fluorescenti, hanno scarpe da ginnastica che luccicano quando loro schizzano via nella notte, i walkman gli fanno teste da mosche e sordità da vecchietti, parkinsoneggiano come veri rocker, accorciano zazzere e gonne nella speranza di allungarsi, mangiano granaglie a colazione e rancio yankee a mezzogiorno, smadonnano come a noi era proibito fare e si sparano film che a noi era vietato vedere.").
Con sedici anni d'anticipo, ossia quasi una generazione addietro a quella attuale, Pennac è dannatamente chirurgico nello smascherare le ipocrisie, le storture e le anomalie di fondo di una società non autosufficiente per evidenti demeriti propri ed incapace di educare i propri figli nella già difficile arte dello stare al mondo.

Una scrittura divertente ed immediata, ma che non manca di riflessioni profonde e ricche di un sarcasmo accusatorio;
Una metrica stilistica in equilibrio perfetto tra sagacia, ironia, comicità, (in)umanità e tenerezza;
Una grande attenzione per il tema dell'immaginazione, che "non significa menzogna", ma vuole stimolare ciascuno di noi lettori a carpire il senso delle cose attraverso quei piccoli dettagli che ai molti appaiono superficialmente pleonastici ed insignificanti;
Un ritmo narrativo incalzante, con i dialoghi che spaziano dal discorso diretto all'indiretto, passando per l'indiretto libero ed il soliloquio. Un andirivieni gestito in maniera splendida, perché tutto è espresso in modo chiaro ed il lettore non può che rimanere sorpreso per la facilità con cui Pennac presenta un romanzo così intricato per la trama e le tematiche.
Questi sono alcuni degli aspetti di un romanzo sull'infanzia, arricchito da una verve immaginativa fuori dal comune e sostenuto da un sottile filo umoristico al quale Pennac non rinuncia mai.

"E gli altri aspetti di cui non ci hai parlato?", vi chiederete voi.
Ah no, quelli li lascio scoprire a voi. Non senza prima salutarvi con l'augurio una Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
'1984' di Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri