Narrativa straniera Romanzi Signori Bambini
 

Signori Bambini Signori Bambini

Signori Bambini

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Monsieur Craistang, professore di francese a Belleville, sorprende tre suoi allievi che si passano sotto banco uno schizzo satirico: una folla inferocita marcia dietro uno striscione che recita "Craistang ti faremo la pelle". La punizione è immediata: per il giorno successivo dovranno portare un tema basato sull'ipotesi che i genitori possono ritornare bambini e i bambini diventare improvvisamente genitori. Ma lo scambio dei ruoli da ipotetico si fa ben presto reale e i "signori bambini" Igor, Joseph e Nouredine si trovano a dover fare la parte degli adulti in una complicata e condraddittoria Belleville contemporanea.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Signori Bambini 2013-11-08 17:59:24 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    08 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo troppo distopico per essere vero

Joseph Pritsky, Igor Laforgue, Nourdine Kader.
Ecco le generalità dei tre (neanche troppo) piccoli protagonisti che faranno infuriare il loro professore Crastaing a tal punto da vedersi affibbiare il seguente tema per punizione:
"Una mattina ti svegli e ti accorgi che, durante la notte, sei stato trasformato in adulto. In preda al panico, ti precipiti in camera dei tuoi genitori. Loro sono stati trasformati in bambini. Racconta il seguito."

A partire da qui, Daniel Pennac, croce e delizia, genio e sregolatezza del panorama letterario contemporaneo, costruirà una trama dove accadrà tutto ed il contrario di tutto.

Ma partiamo dall'analisi del titolo del romanzo;
Si tratta di un ossimoro bello e buono, ma non per questo si può definire paradossale. Perché talvolta il destino costringe glabri giovincelli a doversi fare carico giocoforza di situazioni delicate ed a dimostrare di essere più grandi della loro età effettiva sulla carta d'identità. E chissà che non possano anche regalare lezioni di vita ad persone adulte solo a livello anagrafico, che sono cresciute nell'agiatezza più totale e che forse non sono nemmeno autosufficienti.

Quest'ultimo caso riguarda proprio i tre 'ragazzini', che ben presto, come nel più crudele dei sortilegi, si ritroveranno adulti per davvero. Adulti che erano ragazzini arroganti ed indisponenti sino al giorno prima, e che ora dovranno prendersi cura non solo di loro stessi, ma anche dei rispettivi familiari, ritornati magicamente all'età dell'infanzia. Un vero e proprio ribaltamento della prospettiva, simile a quello filosofico che Kant aveva definito 'rivoluzione copernicana'.

Lo scrittore francese è geniale nell'affidare la narrazione onnisciente al defunto padre di Igor, e ne nascerà un intreccio talmente complesso che sarebbe improprio anticipare anche solo il minimo colpo di scena sugli sviluppi della vicenda.
Sul piano tematico, vanno messe in evidenza le considerazioni taglienti che l'autore scrive prima sulla famiglia ("La verità è che la famiglia è una specie in via di estinzione [...] Totalmente dissolta dagli enzimi mediatici!"), e poi sui giovani della società in cui viveva ("Sono diventati fluorescenti, hanno scarpe da ginnastica che luccicano quando loro schizzano via nella notte, i walkman gli fanno teste da mosche e sordità da vecchietti, parkinsoneggiano come veri rocker, accorciano zazzere e gonne nella speranza di allungarsi, mangiano granaglie a colazione e rancio yankee a mezzogiorno, smadonnano come a noi era proibito fare e si sparano film che a noi era vietato vedere.").
Con sedici anni d'anticipo, ossia quasi una generazione addietro a quella attuale, Pennac è dannatamente chirurgico nello smascherare le ipocrisie, le storture e le anomalie di fondo di una società non autosufficiente per evidenti demeriti propri ed incapace di educare i propri figli nella già difficile arte dello stare al mondo.

Una scrittura divertente ed immediata, ma che non manca di riflessioni profonde e ricche di un sarcasmo accusatorio;
Una metrica stilistica in equilibrio perfetto tra sagacia, ironia, comicità, (in)umanità e tenerezza;
Una grande attenzione per il tema dell'immaginazione, che "non significa menzogna", ma vuole stimolare ciascuno di noi lettori a carpire il senso delle cose attraverso quei piccoli dettagli che ai molti appaiono superficialmente pleonastici ed insignificanti;
Un ritmo narrativo incalzante, con i dialoghi che spaziano dal discorso diretto all'indiretto, passando per l'indiretto libero ed il soliloquio. Un andirivieni gestito in maniera splendida, perché tutto è espresso in modo chiaro ed il lettore non può che rimanere sorpreso per la facilità con cui Pennac presenta un romanzo così intricato per la trama e le tematiche.
Questi sono alcuni degli aspetti di un romanzo sull'infanzia, arricchito da una verve immaginativa fuori dal comune e sostenuto da un sottile filo umoristico al quale Pennac non rinuncia mai.

"E gli altri aspetti di cui non ci hai parlato?", vi chiederete voi.
Ah no, quelli li lascio scoprire a voi. Non senza prima salutarvi con l'augurio una Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
'1984' di Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Signori Bambini 2013-09-08 08:26:21 BettiB
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
BettiB Opinione inserita da BettiB    08 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Adulti si nasce, bambini si diventa

“Immaginazione non significa menzogna”. Così il libro comincia, e così il libro finisce... e questo gioco di “chiudere il cerchio” qui funziona a meraviglia, ha un significato e ti rimane nel cuore.
Frizzante, irriverente, comico, ma anche toccante, coinvolgente, commovente. Prima di iniziare la lettura di questo libro (qualche anno fa, lo ammetto) non avrei scommesso un euro sulla sua piacevolezza. E invece. E invece l'ho adorato, perché è leggero e scorrevole, ma con uno stile tanto semplice e diretto dipana argomenti delicati e scene amarognole tanto da far salire le lacrime agli occhi. Un piccolo libro di crescita perfetto per qualsiasi adolescente – e non solo!

Il romanzo inizia in un'aula delle medie, dove tre ragazzini di dodici anni, Igor, Joseph e Nourdine, se la ridono guardando la caricatura buffamente disegnata del loro cattivissimo professore di francese, Monsieur Craistang. E' il tipico professore scorbutico e arcigno, con pretese troppo grandi agli occhi dei suoi poveri alunni, spaventati a morte. Quando Craistang trova la caricatura assegna un compito di punizione ai tre allievi: un tema in cui si ipotizza che durante la notte i ragazzini siano diventati adulti, mentre l'adulto più vicino a loro sia regredito a bambino di sette, otto anni. Ovviamente i tre lazzaroni decidono di non fare il compito. I problemi nascono quando, la mattina dopo, la traccia del tema diventa realtà! Da qui partono avventure e disavventure, problemi e soluzioni “infantili”... immaginate tre ragazzini costretti a dover affrontare le incombenze della vita quotidiana: gestire i bambini, capire cos'è successo loro, scorrazzare per la città in posti molto poco raccomandabili in cerca del professore – che nel frattempo è stato trasformato lui stesso in bambino.
Non vi dico altro, se non che il finale è ricco di commozione e lascia un grosso sorriso in faccia.

Ciò che ho adorato più di tutto è la crescita dei personaggi. All'inizio ci troviamo dei perfetti stereotipi: il professore cattivo, i due amici monelli, il ragazzino straniero. Ma durante le loro avventure la vita dei quattro viene a galla, si scoprono retroscena tristi e difficili da mandar giù, situazioni pesanti persino per un adulto. Lo stesso professore nasconde molto più di quello che potrebbe sembrare e alla fine l'alone di terrore che lo circonda da generazioni tra i suoi alunni scema via. Tutta la vicenda viene raccontata dal padre di Igor (morto per un'errata trasfusione di sangue), che altri non è che un fantasma con cui il bambino parla al cimitero, forse per sentirsi meno solo. E' proprio la storia di Igor, suo padre e la sua povera madre quella che mi ha toccato di più. Un bambino già troppo grande costretto a guardare la madre piangere e distruggersi per la morte del marito – che comunque si dimostra iperpresente, e alla fine capirete perché!

Un libro dolce e profondo, un velocissimo racconto di scuola con un sacco di sfumature fin troppo realistiche. Pennac ha creato davvero un capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove le ragioni finiscono
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri