Dettagli Recensione

 
Disturbo della quiete pubblica
 
Disturbo della quiete pubblica 2013-11-20 12:37:22 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    20 Novembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La distruzione dell'uomo borghese

John, borghese di successo, fa un lavoro che non ama ma che gli garantisce ottimo stipendio e stima dei colleghi, ha una moglie bruttina con cui ha un rapporto abbastanza stabile e formale, un figlio, degli amici noiosi. Tutto sommato conduce una vita moderatamente insopportabile e di certo non all'altezza dei suoi sogni di gloria. Il suo desiderio è da sempre quello di sfondare come produttore nel mondo del cinema, essere alto e avere una ragazza stupenda. Come conseguenza delle sue nevrosi e frustrazioni ha un episodio psicotico da cui si riprende molto presto ma che gli causa un ricovero coatto in una clinica dove viene a contatto con il terribile mondo della malattia mentale. Da lì, l'idea di fare un film di questa sua esperienza grazie anche alla relazione che intreccia con una volubile e ricca ragazza che ha tutto quello che manca a sua moglie: spontaneità, bellezza, impulsività, senso artistico. In realtà il cocktail Pamela-cinema sarà troppo per lui, e l'arido, spietato cinismo del mondo cinematografico avrà la meglio sulla sua precaria salute mentale mandando in frantumi il suo fragile equilibrio, con un piano cinicamente premeditato e abilmente sceneggiato.
Tutto sommato John è molto solo, non incontra nessuno che gli piace veramente dal punto di vista umano. E forse il dramma della condizione di borghese è questa fragilità nei rapporti con le persone, tra formali e superficiali, tra ingessati e vuoti in cui una vera comunicazione è quasi sempre assente.
Il problema di John sarà quello di avvicinarsi troppo ai suoi sogni, così tanto da vedere che sognare non è lo stesso di arrivare. Il sogno realizzato ha tutte le imperfezioni e le crudezze della realtà.
Il libro è piacevolissimo, ha uno stile brillante, molto ironico e caustico ma un retrogusto amaro. Bellissimo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Bullet Park di Cheever
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Grande Yates, ironia a palate anche se amara.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
20 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Il libro è bellissimo anche se non è stato apprezzato come meritava. Non è considerato tra i migliori di Jates, a torto secondo me.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Masen'ka
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Masen'ka
Il peso
La vita prima dell'uomo
Mao II
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna
Lo squalificato
I quaderni di don Rigoberto
Il lampadario
Carne e sangue
Casa di giorno, casa di notte
In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso