Dettagli Recensione

 
Le cose che non so di te
 
Le cose che non so di te 2015-07-25 09:47:16 fraghi88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
fraghi88 Opinione inserita da fraghi88    25 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro eccellente

RECENSIONE

Citazione dal libro

“Quanta strada hanno fatto Vivian e la sua collana, pensa Molly: da un villaggio di case di pietra sulle coste dell’Irlanda ad un palazzo di New York,da un treno in corsa verso l’ovest ad una vita in Minnesota. Per arrivare qui, dopo quasi cento anni, sotto il portico di una vecchia casa nel Maine.”


Un romanzo dai toni esemplari e indimenticabili, un libro dalle sfumature di una storia antica, la quale rende altrettanto essenziale il suo intrecciarsi ad una favola moderna sull’amicizia.
E’ difficile trovare trame così avvincenti sul tema dell’amicizia, ma questo romanzo cattura il lettore su tutti i fronti della storia.
Mi sarei aspettata di tutto da questa lettura, ma quel tutto si sarebbe evoluto apparentemente per me solo nella grande umanità di una vicenda narrante la profondità di un legame tra un’adolescente e un’anziana che si ritrovano a diventare amiche trovando tante cose in comune fra loro.
E invece vi è molto di più: c’è l’epopea della vita di una donna quasi centenaria che si dipana nell’emozionalità dei ricordi ancora vividi della sua infanzia e della sua esistenza di ragazza diventata donna.
Uno stile incalzante, dove la scorrevolezza degli eventi inizia dall’esperienza di Molly, una diciassettenne in affido a due genitori un po’ bizzarri,una ragazzina in preda al tema dell’abbandono e della sua abitudine a vedersi sballottata fin da bambina a più famiglie per essere finalmente accettata e amata per la persona che è.
Ed è qui la bravura che l’autrice ha dimostrato nel saper legare due vicende ambientate in due epoche opposte, ma che nel loro significato hanno molte più cose in comune di quanto credono.
Molly deve svolgere le sue cinquanta ore di servizi sociali, semplicemente per essere stata punita a causa del furto di una copia di Jane Eyre (il suo libro preferito) dalla biblioteca della scuola: è così che incontra Vivian, visto che la madre di Jack, il suo attuale ragazzo, lavora alle dipendenze di questa sorprendente signora di novantuno anni.
Qui la diciassettenne dovrà ripulire il solaio dell’anziana signora dalle cose ormai vecchie e inutili.
La ragazzina presto si accorgerà di quanto quella punizione sia invece un modo per riscattare se stessa insieme alla straordinaria storia di Vivian.
Molly si accorgerà di quanto la donna sia legata alla sua storia in modo profondo e indimenticabile. Non ci sarà quasi niente da buttare, perché i racconti della vecchia signora ricostruiranno il saggio diario di una storia, da cui possiamo tutti imparare veramente qualcosa.
Dentro questo diario di vita c’è la storia di tre donne Niahm, Dorothy e Vivian: tre anime che battono in un solo cuore.
Niahm una bambina dodicenne che parte dall’Irlanda per l’America insieme alla sua famiglia, inseguendo il sogno di una vita migliore.
Ma tutto presto finisce, perché i suoi cari le vengono portati via da un incendio.
Lei rimane sola e salendo sul ‘treno degli orfani’ prenderà la nuova identità di Dorothy.
Mi è piaciuta molto l’idea di inserire in questo romanzo un pezzo di storia vera dedicata ai ‘treni degli orfani’, i quali tra il 1854 e il 1929 portano piccoli bambini senza famiglia verso un destino sconosciuto, dove ognuno di loro si augura di poter trovare un po’ d’amore o comprensione.
Dorothy verrà sbalzata da una famiglia all’altra fino a diventare la figlia adottiva dei Nielsen, i quali tentano di sostituirla con la loro defunta figlia.
A questo punto diventerà Vivian, anche se quando incontrerà a sua insaputa l’amore della sua vita si accorgerà di essere sempre rimasta Niahm in un piccolo angolo del suo cuore.
Ecco che questi tre diversi nomi femminili portano sempre e solo ad un’unica donna.
Ogni baule o scatolone del solaio di Vivian nasconde un vagone indimenticabile e doloroso di ricordi, ed è qui che le vicende di Molly e la donna si intrecciano indissolubilmente trovando tante cose in comune l’una nella vita dell’altra.
La Kline ci fa scoprire tante palpabili emozioni,quando l’ho letto mi è sembrato al contempo di dare vita ad un film da premio Oscar, visto il talento dell’autrice.
Credo proprio che sia uno dei rari casi in cui un film e un libro possano essere belli e profondi alla pari, spero tanto che qualche regista possa davvero crearci una pellicola sopra per tramandare questa storia a chi non ha avuto ancora il piacere di leggerla.
Una lettura che valuto con cinque stelle abbondanti,perché la scrittrice ci ha saputo donare l’emozionante valore di un’amicizia, sapendo aggiungere una parte di storia vera e importante che è tuttora realtà agli occhi dei nostri giorni.
Consiglio vivamente questo romanzo a chi ama le storie del passato e quelle dell’amicizia,ma soprattutto a chi pensa sia essenziale a volte saper ascoltare le persone più anziane,perchè sono loro il vero e unico tesoro per noi giovani in cerca di verità e saggezza.


Francesca Ghiribelli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama storie senza tempo e senza spazio ricche di sentimenti profondi.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna