Dettagli Recensione

 
Intenso come un ricordo
 
Intenso come un ricordo 2015-09-02 17:57:17 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    02 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SI PUO PERDONARE?

“Intenso come un ricordo” è uno di quei libri che ti lasciano sempre qualcosa, che poi cerchi di metabolizzare anche nei giorni successi alla fine della lettura. Da subito mi sono chiesto se la storia che mi apprestavo a leggere era realmente accaduta, ma proseguendo con la lettura mi sono reso conto che era del tutto ininfluente, perché quello che la Picoult ci racconta pagina dopo pagina è purtroppo molto simile alle vere storie dei sopravvissuti ai campi di sterminio.
La narrazione scorre molto bene perché intercalata fra passato e presente, con continui collegamenti per non fare dimenticare al lettore la struttura del libro. Naturalmente la parte del racconto che “sostiene” tutto il romanzo è il racconto della vita prima all’interno dei ghetti ebraici, e poi la successiva deportazione con tutte le mostruosità che tutti conosciamo.
Il senso del libro si può sintetizzare cercando di capire se coloro che hanno aiutato Hitler in questo folle progetto fossero veramente consapevoli di quello che stavano facevano. Più volte l’autrice ci mette di fronte alla domanda: se fossimo nati nella Germania nazista, saremo stati anche noi nazisti? Il male viene da dentro oppure è una conseguenza dell’ambiente in cui viviamo o dalle persone che frequentiamo?
All’interno della storia troviamo infatti un ex nazista che dopo essersi trasferito in gran segreto negli Stati Uniti dopo la fine della seconda guerra mondiale, vive per 70 anni una vita da pensionato modello, ricevendo la stima e l’ammirazione di tutti i suoi nuovi concittadini. Solo dopo i suoi sensi di colpa verrà fuori a piccole dosi il suo passato, quando cioè sentirà il bisogno di chiedere perdono alle persone a cui decenni prima a fatto del male. Nella religione ebraica però il perdono può essere concesso solo dalla persona che ha subito il torto e non da altri, come invece succede nella religione cattolica.
Non ho dato il massimo punteggio perché il finale mi è sembrato un po’ troppo teatrale con un colpo di scena da libro giallo, comunque ciò non toglie che è un bellissimo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai