Narrativa straniera Romanzi Intenso come un ricordo
 

Intenso come un ricordo Intenso come un ricordo

Intenso come un ricordo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Sage Singer è una ragazza solitaria. Evita ogni contatto con il mondo, nasconde il proprio volto sfregiato in seguito ad un incidente, si rifugia in una relazione clandestina perché le consente di non impegnarsi fino in fondo. Finché non stringe amicizia con un vecchio signore, Josef Weber. Insegnante in pensione, di origine tedesca, Weber è un filantropo benvoluto da tutti nella piccolo comunità in cui vive. Ma un giorno, contando sul rapporto di stima e affetto che li lega, Weber chiede a Sage un favore molto particolare che sconvolgerà la ragazza. Scioccata, confusa, Sage non acconsente ma non può rifiutarsi di ascoltare la confessione dell’anziano amico. Weber è stato nelle SS ed era fra le guardie di Auschwitz. E la nonna di Sage è una sopravvissuta ai campi di sterminio…



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Intenso come un ricordo 2015-09-02 17:57:17 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    02 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SI PUO PERDONARE?

“Intenso come un ricordo” è uno di quei libri che ti lasciano sempre qualcosa, che poi cerchi di metabolizzare anche nei giorni successi alla fine della lettura. Da subito mi sono chiesto se la storia che mi apprestavo a leggere era realmente accaduta, ma proseguendo con la lettura mi sono reso conto che era del tutto ininfluente, perché quello che la Picoult ci racconta pagina dopo pagina è purtroppo molto simile alle vere storie dei sopravvissuti ai campi di sterminio.
La narrazione scorre molto bene perché intercalata fra passato e presente, con continui collegamenti per non fare dimenticare al lettore la struttura del libro. Naturalmente la parte del racconto che “sostiene” tutto il romanzo è il racconto della vita prima all’interno dei ghetti ebraici, e poi la successiva deportazione con tutte le mostruosità che tutti conosciamo.
Il senso del libro si può sintetizzare cercando di capire se coloro che hanno aiutato Hitler in questo folle progetto fossero veramente consapevoli di quello che stavano facevano. Più volte l’autrice ci mette di fronte alla domanda: se fossimo nati nella Germania nazista, saremo stati anche noi nazisti? Il male viene da dentro oppure è una conseguenza dell’ambiente in cui viviamo o dalle persone che frequentiamo?
All’interno della storia troviamo infatti un ex nazista che dopo essersi trasferito in gran segreto negli Stati Uniti dopo la fine della seconda guerra mondiale, vive per 70 anni una vita da pensionato modello, ricevendo la stima e l’ammirazione di tutti i suoi nuovi concittadini. Solo dopo i suoi sensi di colpa verrà fuori a piccole dosi il suo passato, quando cioè sentirà il bisogno di chiedere perdono alle persone a cui decenni prima a fatto del male. Nella religione ebraica però il perdono può essere concesso solo dalla persona che ha subito il torto e non da altri, come invece succede nella religione cattolica.
Non ho dato il massimo punteggio perché il finale mi è sembrato un po’ troppo teatrale con un colpo di scena da libro giallo, comunque ciò non toglie che è un bellissimo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Intenso come un ricordo 2015-07-08 15:27:11 aeglos
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    08 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CONDIVIDERE IL PASSATO CON QUALCUNO.......

..........Condividere il passato con qualcuno è diverso dal riviverlo da sola. Assomiglia meno ad una ferita, e più ad una medicazione.
Ed è questo che forse serve a Minka, dopo aver vissuto unìesperienza e un'esistenza di dolore, un'adolesecnza nella quale, piano piano, si è vista portare via le persone a lei più care. In questo libro troviamo la storia narrata nel presente (LEO e SAGE) e nel passato (JOSEF e MINKA), dove, la parte appunto delle storie vissute è sicuramente la parte più toccante e malinconica.
Josef è un vecchietto amato da tutti, creduto una persona buona e generosa, ma Sage purtroppo viene a sapere da lui stesso i crimini che ha commesso nel passato. Josef infatti ha fatto parte delle SS ed era una guardia di Auschwitz e la nonna di Sage è una sopravissuta ai campi di sterminio.
Sage può perdonarlo? Può dargli ciò che lui chiede? Quando un ebreo subiva maltrattamenti, ingiustizie, ad un certo punto della sua esistenza penso desiderasse la morte. Come è possibile considerare la propria vita un bene così da poco? Ma leggendo questo libro comincio a capire che quando la tua esistenza è un inferno, la morte può essere solo un Paradiso.
Si può incolpare il nazista che è nato in una nazione antisemita e che ha ricevuto un'educazione antisemita, se da adulto uccide cinquemila ebrei? Perdonare non è qualcosa che si fa per qualcun altro, E' qualcosa che si fa per se stessi. Equivale a dire:tu non sei così importante da potermi stringere in una morsa. Equivale a dire: tu non puoi rinchiudermi nel tuo passato. Io ho diritto ad un futuro.
Sage, tutto ad un tratto, si trova a dover capire cosa vuole realmente fare, vorrebbe capire qual'è la cosa giusta da fare. E' facile dire che farete le cose giuste ed eviterete quelle sbagliate, ma quando vi avvicinate quel tanto che occorre ad una data situazione, capirete che non si tratta di bianco e nero, ma di tante gradazioni di grigio.
Per fortuna vicino a lei s'intrufola Leo, un ragazzo che nella sua vita cerca i nazisti, quei pochi che ancora può trovare in circolazione vista l'età. Lui apprezza Sage per quello che è, persino con le sue grandi cicatrici causate da un vecchio incidente.
Un libro che sicuramente penetra nel cuore, fa rivivere momenti di terrore, angoscia, un racconto che vuol far tornare a galla ciò che è stato...per non dimenticare MAI.
I nazisti potevano certo portare via tutto....amici, parenti, oggetti materiali, cibo.......
ma MAI i loro sogni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri sul nazismo come IL MURO INVISIBILE e AVEVANO SPENTO ANCHE LA LUNA
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini