Dettagli Recensione

 
Uno splendido disastro
 
Uno splendido disastro 2015-10-31 15:27:54 Allora
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Allora Opinione inserita da Allora    31 Ottobre, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

AVVINCE MA NON CONVINCE

Pensate di afferrare trepidanti un giornale patinato che vi mostra in copertina una bella donna ammiccante, ben vestita, ben pettinata e ben truccata. Pensate poi di voltare pagina e scoprire, un fotogramma alla volta, che l’avvenente bellezza in copertina è in realtà il risultato del paziente intervento correttivo di un bravo fotografo e del miracoloso Photoshop.
Ecco svelato il successo del primo volume (e anche l’unico che ho letto) della trilogia della McGuire: ovvero una sapiente operazione editoriale più che “il fenomeno letterario mondiale dell’anno” che si celebra in copertina.
Inutile negare che la trama avvince; merito soprattutto dei rodati meccanismi delle moderne storie d’amore, passionali ma tormentate, a cui la McGuire s’ispira pur non inventando nulla di nuovo.
La bella ma naïve Abby Abernathy è la principessa della nostra storia che incontra sul suo cammino un principe un po’ particolare: Travis Maddox, bello, atletico, intelligente, ma violento e tormentato. I due si innamorano inevitabilmente già nel primo capitolo, anche se ne prenderanno coscienza solo verso la metà della storia. Trascorreranno poi le restanti 200 pagine delle 333 totali del libro a cercare di dimostrarsi il proprio amore, con comportamenti autolesionisti e persino distruttivi, che i nostri “eroi” hanno imparato nel loro passato difficile e talvolta oscuro. Tra un tira-e-molla e l’altro Abby e Travis vivono la loro intensa relazione sullo sfondo di un tipico college americano, che conosciamo nei suoi automatismi grazie ad anni ed anni di comedy adolescenziali. Ad accompagnare i due innamorati, una serie di co-protagonisti più o meno significativi, ma tutti dallo spessore letterario di “cartonati” che riempiono i vuoti narrativi della storia.
Ecco perché questo romanzo non convince. La McGuire è una discreta regista e sceneggia bene il susseguirsi delle scene, ma la scrittura è povera. I dialoghi non solo sono scontati nel contenuto, ma spesso sono scritti male, tanto da costringere il lettore a fare marcia indietro per capire quello che è appena stato messo in scena. I personaggi sono piatti e sospinti all’azione da egoismi adolescenziali ed emozioni bipolari.
SPOILER (?)
Non mi sorprenderebbe leggere tra qualche anno dalla penna di un reporter la cronaca del divorzio di Travis e Abby.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri