Dettagli Recensione

 
Il linguaggio segreto dei fiori
 
Il linguaggio segreto dei fiori 2016-01-31 13:14:41 lapis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    31 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

O ciclamino, mio ciclamino

Un terreno arido, secco e polveroso, su cui non cresce un filo d’erba e dove non potrà mai esserci gioia. Così si sente Victoria perché a diciotto anni non ha mai conosciuto l’affetto di una famiglia, il calore di una casa, la serenità del quotidiano.

Un terreno coltivato a diffidenza e odio. Una diffidenza che nasconde la fragilità e la paura di chi ha dovuto sopportare troppe delusioni e vede la solitudine come unica difesa dall’ennesimo fallimento emotivo. Un odio verso il mondo che si traduce implicitamente nella domanda “Perché io?” e nell’amara convinzione di essere sbagliati, di non meritare amore.

Eppure proprio su questo terreno, inaccessibile alle persone e ai sogni, c’è spazio per i fiori. Victoria li difende, li coltiva, li cura: sono amore. Li usa per tradurre emozioni o desideri secondo un antico codice vittoriano: sono comunicazione. Li tiene a sé come legame con l’unica persona che abbia provato a farle da madre e le abbia donato affetto sincero: sono speranza.

Vanessa Diffenbaugh è riuscita a delineare un personaggio complesso e profondo, pervaso di emozioni vivide, in cui immedesimarsi: la paura di amare e di lasciarsi amare, il senso di colpa e di inadeguatezza, la difficoltà di superare le proprie barriere emotive. Ed è stata in grado di farlo senza strumentalizzare i sentimenti, ma mantenendo una narrazione onesta e delicata. Davvero apprezzabile a mio avviso il non avere ecceduto tanto nei toni del dolore quanto nello zucchero del romanticismo, come se un principe azzurro potesse con la sua sola apparizione cancellare anni di sofferenze e far breccia nelle recinzioni protettive del cuore.

Invece la bellezza di questo romanzo sta proprio nell’autenticità dei sentimenti narrati, veri nella loro durezza e capaci per questo di entrarti dentro. E nei fiori, ovviamente, che non fanno solo da sfondo ma partecipano alla storia con il loro fascino, i loro profumi e i loro colori, e si fanno portatori di un messaggio di speranza, riconciliazione e perdono.

E oggi mi sembra di guardare con occhio diverso il ciclamino che sta sul davanzale della mia finestra: oggi non è più solo un bel fiore rosa ma è una “timida speranza”, anche per me.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Manu, complimenti, veramente una bella recensione. Hai risvegliato in me le emozioni che ho provato leggendolo e soprattutto sei riuscita a descriverlo con profondità, dicendo e non dicendo, svelando e non svelando, provando emozioni ed invitando chi legge a provarne altrettante.
Brava!
In risposta ad un precedente commento
lapis
01 Febbraio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie di cuore, Maria! Non so come ringraziarti, sei sempre carinissima :)
Sono contenta che il commento ti sia piaciuto perchè il libro, nella sua semplicità, regala emozioni belle e vere e la speranza è di riuscire a non sprecarle nelle parole... Grazie ancora, un abbraccio. Manu
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna