Dettagli Recensione

 
Cortesie per gli ospiti
 
Cortesie per gli ospiti 2016-04-29 21:07:20 f.martinuz
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    29 Aprile, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ottime premesse, scarso finale

Che tipo di cortesie si possono riservare ad un ospite? Strette di mano, tavoli addobbati, piatti suc-culenti, vini pregiati, sigari dolci, letti morbidi. Un accoglienza degna di un magnifico ospite ma che lascerebbe intendere scarse prospettive di un evoluzione interessante del romanzo. Ecco allora che le cortesie con cui McEwan attira il lettore sembrano, stando al titolo in copertina, alludere ad un mistero, ad un invito ingannevole oltre il quale si celano orride rivelazioni e angoscianti segreti. Grandi premesse per grandi aspettative.

McEwan catapulta la coppia di protagonisti, Colin e Mary, in una città esotica affacciata sul mare dalle forme simili a Venezia. I due, legati da una relazione fondata su silenzi, sesso e figli distanti, si dedicano ad una villeggiatura oziosa spesa tra la camera d’albergo e le viuzze della città. Questa monotonia è interrotta dall’incontro con un uomo del posto che una sera, dopo aver raccontato loro della propria infanzia e delle sue origini, riesce a portarli, stanchi e assonnati dopo la nottata all’addiaccio, alla propria dimora. Qui avviene l’incontro tra tutti gli elementi del racconto: Colin e Mary da un lato e Robert e Caroline dall’altro. Sin da subito emergono ambiguità e cose non dette, frecciate e sommesse richieste di soccorso che convincono la coppia a non far più ritorno in quella casa. Come da copione vengono meno al loro intento, quasi irresistibilmente attratti dalla casa con la terrazza sul mare, cadendo così in trappola. Ed è proprio qui che il romanzo si scioglie, si liquefà, perde di consistenza.

Indubbia la maestria letteraria di McEwan sia nel descrivere l’altrettanto ambiguo rapporto di coppia tra i due come anche nel preparare il terreno per il finale ingenerando suspense e attesa ma cade sul più bello. Si incarta in un finale senza spiegazione esaustiva, caratterizzato da un rotolare precipitoso verso la conclusione. McEwan imbroglia una matassa che fino ad allora era stato in grado di districare ottimamente e fa decadere la tensione creata fino a quel punto. Insomma ottime premesse tradite da un pessimo finale.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Proprio bella la tua recensione.
Ero curioso di leggere opinioni su questo libro. L'autore gode di molta considerazione. Di lui ho letto solo "Espiazione", considerato il suo capolavoro, che ho trovato bello, ma inferiore alle aspettative. Forse si tratta di uno scrittore un po' sopravvalutato ?
In risposta ad un precedente commento
f.martinuz
30 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio.
Io lo trovo un buon scrittore e non lo ritengo sopravvalutato. Questo libro mi era stato consigliato e mi ha deluso; sicuramente ha scritto molto meglio come "Miele", "Lettera a Berlino".
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il peso
La vita prima dell'uomo
Mao II
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna
Lo squalificato
I quaderni di don Rigoberto
Il lampadario
Carne e sangue
Casa di giorno, casa di notte
In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta