Narrativa straniera Romanzi Cortesie per gli ospiti
 

Cortesie per gli ospiti Cortesie per gli ospiti

Cortesie per gli ospiti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nella torrida atmosfera di una città sul mare oppressa dalla calura estiva, Mary e Colin, due turisti inglesi, si imbattono in un inquietante anfitrione. Robert, questo il suo nome, racconta ai nuovi amici, sul filo di un irrefrenabile crescendo, un passato di sottili crudeltà domestiche e di sottomissione a un padre estremamente autoritario. Prigioniera, più che padrona della casa in cui agli ospiti si vanno preparando particolari cortesie, Caroline, moglie di Robert, "dava l'impressione di avere un piacevolissimo segreto". Ma è l'intero romanzo a celare un segreto, e McEwan, come in un thriller, lascia affiorare di volta in volta un nuovo, significativo indizio, preparando un finale apocalittico e liberatorio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.9  (7)
Contenuto 
 
3.4  (7)
Piacevolezza 
 
3.4  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cortesie per gli ospiti 2017-08-19 18:58:50 martaquick
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    19 Agosto, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'OSCURITà CELATA

Il terzo romanzo di McEwan che leggo non posso dire che mi sia piaciuto molto ma non mi ha lasciato nemmeno indifferente.
Le premesse incuriosiscono e ti spingono a correre con gli occhi tra le pagine e la descrizione della coppia Colin e Mary, tra noia e improvvisa passione, è davvero realistica e lo scrittore si conferma ai miei occhi nuovamente un maestro nei piccoli dettagli della vita.
Proseguendo però non mi sono sentita coinvolta nella storia, solo incuriosita, anche se il finale totalmente inaspettato è atteso e quindi è come se ti togliesse un peso, finalmente sappiamo cosa si nasconde dietro a Caroline e Robert.
Ogni coppia e ogni famiglia cela qualche segreto ma c'è chi ne ha più oscuri degli altri. In questo caso McEwan ci ha trascinati in mezzo a violenza e ombre ben nascoste dall'apparenza.
Non mi sento propriamente di sconsigliarlo ma ho preferito di gran lunga Espiazione e non mi fermerò nella lettura degli altri libri dell'autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2016-06-05 21:13:32 Antonella76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    05 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Torbido McEwan...



Sono senza parole, leggermente spaesata e un tantino sconvolta da questa storia.
Non credo di aver compreso fino in fondo le dinamiche psicologiche che costituiscono la base del racconto...ma una cosa mi è chiara: McEwan ha saputo incollarmi alle pagine con una scrittura molto bella, piacevolmente descrittiva (ed io non amo le descrizioni) ed ermetica dal punto di vista emozionale e psicologico.
Tutto è appena accennato, leggermente abbozzato...ma questo, invece che demotivarmi, mi spingeva ancora di più a leggere.
Atmosfere noir in un luogo non ben identificato (forse Venezia), 4 personaggi molto particolari che non si fa in tempo a conoscere bene, epilogo che ti lascia l'amaro in bocca e un senso generale di stordimento...
Solo 134 pagine...molto accattivanti, ma farei volentieri un paio di domande all'autore...
Ottimo McEwan...inquietante, ammaliante e torbido come piace a me.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2016-04-29 21:07:20 f.martinuz
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    29 Aprile, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ottime premesse, scarso finale

Che tipo di cortesie si possono riservare ad un ospite? Strette di mano, tavoli addobbati, piatti suc-culenti, vini pregiati, sigari dolci, letti morbidi. Un accoglienza degna di un magnifico ospite ma che lascerebbe intendere scarse prospettive di un evoluzione interessante del romanzo. Ecco allora che le cortesie con cui McEwan attira il lettore sembrano, stando al titolo in copertina, alludere ad un mistero, ad un invito ingannevole oltre il quale si celano orride rivelazioni e angoscianti segreti. Grandi premesse per grandi aspettative.

McEwan catapulta la coppia di protagonisti, Colin e Mary, in una città esotica affacciata sul mare dalle forme simili a Venezia. I due, legati da una relazione fondata su silenzi, sesso e figli distanti, si dedicano ad una villeggiatura oziosa spesa tra la camera d’albergo e le viuzze della città. Questa monotonia è interrotta dall’incontro con un uomo del posto che una sera, dopo aver raccontato loro della propria infanzia e delle sue origini, riesce a portarli, stanchi e assonnati dopo la nottata all’addiaccio, alla propria dimora. Qui avviene l’incontro tra tutti gli elementi del racconto: Colin e Mary da un lato e Robert e Caroline dall’altro. Sin da subito emergono ambiguità e cose non dette, frecciate e sommesse richieste di soccorso che convincono la coppia a non far più ritorno in quella casa. Come da copione vengono meno al loro intento, quasi irresistibilmente attratti dalla casa con la terrazza sul mare, cadendo così in trappola. Ed è proprio qui che il romanzo si scioglie, si liquefà, perde di consistenza.

Indubbia la maestria letteraria di McEwan sia nel descrivere l’altrettanto ambiguo rapporto di coppia tra i due come anche nel preparare il terreno per il finale ingenerando suspense e attesa ma cade sul più bello. Si incarta in un finale senza spiegazione esaustiva, caratterizzato da un rotolare precipitoso verso la conclusione. McEwan imbroglia una matassa che fino ad allora era stato in grado di districare ottimamente e fa decadere la tensione creata fino a quel punto. Insomma ottime premesse tradite da un pessimo finale.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2014-12-13 17:40:03 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    13 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ingannevole esteriorità

A similitudine dei confini inesplorati dell’universo anche l’animo umano è imperscrutabile al di là dei vari stereotipi spesso osannati sulle persone al di sopra di ogni sospetto. Penso che la frenologia di Lombroso, dell'800, sia stata, giustamente, superata e archiviata in ogni sua ipotesi relativa all’accostamento dei lineamenti e fattezze del corpo umano circa la potenzialità criminale dell’individuo in relazione, appunto, a certe caratteristiche esteriori.

La vicenda narrata ci induce a ribadire come le apparenze traggano spesso in drammatico inganno. Sullo sfondo di una città (Venezia?) colma di contrasti ambientali, una coppia di turisti si trova a essere protagonista di una vicenda grottesca e misteriosa; essi, infatti, incontrano per puro caso (oppure no? il dubbio rimane) un’altra coppia di residenti in tale città che offre loro ospitalità in un palazzo d’epoca arredato in maniera poco sobria e addirittura “barocca” nel senso di ridondanza; trascorrono alcuni giorni e le modalità di cortesia iniziale vengono ben presto sostituite con vere e proprie imposizioni fino a rendere il soggiorno dei due malcapitati turisti pesante e inquietante.

La lettura è scorrevole e il quadro emozionale diventa sempre più scalpitante e inarrestabile; coloro che ospitano rivelano in maniera crescente la loro vera indole fatta di cinismo, perversità e malvagità creando un vortice che avvolge i due sventurati , oramai prigionieri degli eventi, fino a un epilogo sconvolgente.

Ecco, allora, che si intravvede, troppo tardi, il vero significato di queste “cortesie”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2012-12-28 16:01:02 maria.luperini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
maria.luperini Opinione inserita da maria.luperini    28 Dicembre, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'immaginazione e la verità

"Dopo un po' Mary si sedette e mise una mano in quella di Colin. (...) Gli avrebbe parlato della sua teoria (...) che spiegava come l'immaginazione sessuale, l'antico sogno maschile di picchiare e femminile di essere picchiata, incarnassero e denunciassero un potentissimo e unico principio organizzativo, che distorceva tutti i rapporti, tutte le verità" (pag. 133).
Un libro che parla di quotidianità e noia, e del ritmo lento di una vacanza, di una coppia che fa del silenzio un'abitudine e incarna così, senza volere, la vita stessa di una città di mare, violentata dall'afa estiva e dalle torme di turisti, che potrebbe essere Venezia, ma anche no e non importa. Persino lo stile avanza piano e scava nei dettagli, con la stessa lentezza e precisione con cui i protagonisti vivono le loro giornate, quasi che l'autore volesse presentarci il mondo con i loro occhi e ci accompagnasse dietro ai loro passi svagati per vicoli e piazzette, spiagge e monumenti. Poi, improvviso e inaspettato, l'incontro con Robert, che è proprietario di un bar e gira con una macchina fotografica a tracolla, che li invita a casa sua. Qui la moglie Caroline, afflitta da dolori fisici ma con occhi "straordinariamente splendenti", parla d'amore e si prende cura degli ospiti. A poco poco, un po' per uno strano destino, un po' per qualcosa che attira Mary e Colin verso i loro anfitrioni, la storia e con essa lo stile con cui viene narrata virano decisamente alla tensione di un noir. Non è un libro consigliabile agli amanti dei gialli, ma a chi ama i romanzi psicologici, perché dietro il segreto sta molto più che la soluzione d'un enigma, c'è l'analisi spietata e affascinante di ciò che attrae e che lega gli uomini e le donne.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2011-12-14 17:30:08 dama
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
dama Opinione inserita da dama    14 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

" SCORTESIE"

L' inizio non lascia presagire quello che poi accadrà....grande la mente di McEwan ma anche perversa, la lettura è veloce le descrizioni sono meticolose e tutto fa pensare alla città di Venezia, ma in realtà lo sa solo l'autore quale sia. L'incontro tra una coppia "normale" ma forse un po' annoiata e un'altra molto particolare rappresenta una miscela esplosiva! E' come se l'autore volesse suggerire a chi è in vacanza di non fare amicizia con nessuno....aiutoooo!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cortesie per gli ospiti 2009-12-29 15:02:50 Lucia Madia
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Lucia Madia    29 Dicembre, 2009

Il libro di certo ti conquista...

Questo libro mi e' piaciuto perche' e' un'opera assolutamente plausibile. tutto e' inventato ma e'raccontato in una maniera assolutamente realistica e molto dettagliata, senza assolutamente annoiare il lettore. in poco piu' di 100 pagine, una storia che ti prende come se si fosse al cinema, in una citta' mai nominata ma che chiaramente e' divertente indovinare che e' venezia... un amore vero, non cinematografico, del sesso molto spinto ma anche stanco, si unisce con una quantita' di descrizioni psicologiche che non mi faranno dimenticare presto questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto "doppio sogno", la storia di una coppia in vacanza, che si incrocia con un'altra coppia, assai diversa.
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri