Dettagli Recensione

 
I Melrose
 
I Melrose 2016-09-17 01:29:08 Visitatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Visitatore Opinione inserita da    17 Settembre, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Duro, cinico e nello stesso tempo umanissimo

Libro duro, cinico e nello stesso tempo umanissimo, volutamente esasperato nel concetto più ipocrita del perbenismo delle classi sociali più elevate, che altro non fanno che a cascata, fare da specchio a tutte le altre. Qui non si salva nessuno, dai ricchi, ricchissimi, a tutto l’entourage che li circonda e ne imita gli atteggiamenti con pose scimmiottate e naturalmente inasprite dalla ricerca di similitudini non nate dai privilegi di nascita.
I Melrose è una saga famigliare in cui, le dinamiche parentali raccontate, per quanto difficoltose, assurde e violentemente dolorose sono riconoscibilissime in tante famiglie. Evitando gli estremi a cui arriva questa “simpatica” family che non rinuncia a distruggere la generazione successiva in tutti i modi possibili, i Melrose, di generazione in generazione applicano le famose dinamiche psicologiche del “faccio esattamente il contrario per non trovarmi di fronte ad uno specchio e rivedere mia madre/mio padre”, sento tanti “fremiti nella forza” (cit.) di fronte a queste parole, è facile riconoscersi senza entrare nei loro eccessi in David, Eleonor, Mary o Patrick, figlio e figura portante di tutto il romanzo.
Il linguaggio di Aubyn è ricco, ricercato, pieno di sfumature, con dialoghi intelligenti, cinici e pieni di “umorismo nero”.
Assolutamente implacabile con i suoi personaggi, ne descrive ogni vizio e debolezza con l’occhio cinico e allenato di chi ha vissuto l’ambiente sociale descritto. Oso dire che l’enfasi con cui vengono messi a nudo i difetti di ogni personaggio è certamente più spiccato dello sforzo con cui ne ha descritto i rari pregi.
Una saga di cui mi manca l’ultimo tassello, il libro finale “Lieto fine”, titolo che è tutto un programma pensando a quanto letto finora.
Stralcio del libro se per caso l’interesse non fosse ancora acceso: "Aveva bisogno di ricongiungersi con la sua specie, con le numerose schiere di animali ruttanti sulla spiaggia, divisi solo da una lama di rasoio o da una ceretta, e con un folto manto di pelliccia; scontando con atroci mal di schiena la loro pretenziosa posizione eretta, ma desiderando segretamente di avanzare zoppicando e trascinando le nocche nella sabbia, guaendo e grugnendo."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

68
17 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao, bel commento, dell' autore ho letto " Senza Parole", i temi discussi mi paiono gli stessi, lo stile è' indubbiamente invitante, l' autore degno di nota.
In risposta ad un precedente commento

19 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao, grazie mi segno il titolo :-)
Aubyn ha la rara capacità di descrivere perfettamente la Upper Class Inglese-
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il peso
La vita prima dell'uomo
Mao II
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna
Lo squalificato
I quaderni di don Rigoberto
Il lampadario
Carne e sangue
Casa di giorno, casa di notte
In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta