I Melrose I Melrose

I Melrose

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Vita e avventure di Patrick Melrose, dall'infanzia violata all'adolescenza segnata dalle droghe, all'ingresso nell'età adulta, sempre in lotta con i propri fantasmi. Un ritratto al vetriolo di una famiglia ricca e infelice, che ha il brio satirico del miglior Evelyn Waugh e l'umanità straziata e partecipe di un'autobiografia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I Melrose 2016-09-17 03:57:24 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    17 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Patrick

Il romanzo è diviso in quattro volumi di cui il primo è bellissimo. Tutta la storia è autobiografica e scritta da St Aubyn dietro al desiderio di auto-comprensione e terapia, di uscire dalle proprie ossessioni e fare una vita normale, cosa quasi impossibile per un ragazzino abusato dal padre dai 5 agli 8 anni. D'aiuto a Patrick/Edward possono essere il carattere forte e tenace e il fatto che all'età di 8 anni il rapporto di forza con il padre si è rovesciato e il padre è stato messo da Patrick di fronte alle proprie responsabilità e con le spalle al muro. Credo sia positivo anche il fatto che il rapporto con il padre fosse di odio e non di ambivalenza, quindi un rapporto chiaro. Rovesciato il rapporto con il padre, ormai reso incapace di nuocere, bisogna dire che Patrick fa di tutto per sostituirlo e per distruggersi.
Diventa il proprio peggiore nemico, con un meccanismo subdolo e incalzante cui è difficile sfuggire. Patrick cerca di evadere da se stesso con ogni mezzo (alcool, droghe, sesso), poi cerca di farsi una famiglia normale e sposa una donna materna come non era sua madre ma poi quando hanno figli il matrimonio entra in crisi per il contrastante desiderio di Patrick di essere padre ma soprattutto figlio e come figlio entra in competizione con i propri figli. Certo, bisogna dire che sua moglie Mary è un tantino esageratamente materna. Il libro è duro, ironico, di un' ironia fredda e cinica, a volte per questo stancante, che è la cifra della noia esistenziale del mondo aristocratico che a volte contagia il lettore. Per questo i dialoghi dell'alta società stancano pur nella loro ostentazione di intelligente e gelida ironia, spesso denigratoria degli assenti o anche dei presenti, stancano per il loro assoluto e visibile vuoto. La sincerità e la lucidità d'analisi sono assieme allo stile (raffinato ovviamente dato il pedigree dello scrivente) il principale pregio del romanzo. In fondo, non è nemmeno così spietato e cinico, è soprattutto sincero. Porto ad esempio il terzo libro in cui viene espressa l'idea della necessità del perdono per chi perdona perchè l'odio è un veleno soprattutto per chi ne è il soggetto e non l'oggetto. Patrick arriva a un modo di vedere la vita e le cose molto cristiano, non essendo cristiano e ne è abbastanza consapevole e sorpreso lui stesso. Si avvicina anche a una quasi comprensione del padre, genio frustrato, forse vittima a sua volta di abusi. Bisogna dire che l'essere Patrick così concentrato su se stesso in vari momenti nuoce al romanzo che diventa un po' troppo monocorde. Però la sincerità in letteratura è impagabile. I romanzi sono in decrescendo, non come stile ma come interesse del lettore. il primo è meraviglioso, avrei solo voluto che Patrick fosse più presente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
I Melrose 2016-09-17 01:29:08 Visitatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Visitatore Opinione inserita da    17 Settembre, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Duro, cinico e nello stesso tempo umanissimo

Libro duro, cinico e nello stesso tempo umanissimo, volutamente esasperato nel concetto più ipocrita del perbenismo delle classi sociali più elevate, che altro non fanno che a cascata, fare da specchio a tutte le altre. Qui non si salva nessuno, dai ricchi, ricchissimi, a tutto l’entourage che li circonda e ne imita gli atteggiamenti con pose scimmiottate e naturalmente inasprite dalla ricerca di similitudini non nate dai privilegi di nascita.
I Melrose è una saga famigliare in cui, le dinamiche parentali raccontate, per quanto difficoltose, assurde e violentemente dolorose sono riconoscibilissime in tante famiglie. Evitando gli estremi a cui arriva questa “simpatica” family che non rinuncia a distruggere la generazione successiva in tutti i modi possibili, i Melrose, di generazione in generazione applicano le famose dinamiche psicologiche del “faccio esattamente il contrario per non trovarmi di fronte ad uno specchio e rivedere mia madre/mio padre”, sento tanti “fremiti nella forza” (cit.) di fronte a queste parole, è facile riconoscersi senza entrare nei loro eccessi in David, Eleonor, Mary o Patrick, figlio e figura portante di tutto il romanzo.
Il linguaggio di Aubyn è ricco, ricercato, pieno di sfumature, con dialoghi intelligenti, cinici e pieni di “umorismo nero”.
Assolutamente implacabile con i suoi personaggi, ne descrive ogni vizio e debolezza con l’occhio cinico e allenato di chi ha vissuto l’ambiente sociale descritto. Oso dire che l’enfasi con cui vengono messi a nudo i difetti di ogni personaggio è certamente più spiccato dello sforzo con cui ne ha descritto i rari pregi.
Una saga di cui mi manca l’ultimo tassello, il libro finale “Lieto fine”, titolo che è tutto un programma pensando a quanto letto finora.
Stralcio del libro se per caso l’interesse non fosse ancora acceso: "Aveva bisogno di ricongiungersi con la sua specie, con le numerose schiere di animali ruttanti sulla spiaggia, divisi solo da una lama di rasoio o da una ceretta, e con un folto manto di pelliccia; scontando con atroci mal di schiena la loro pretenziosa posizione eretta, ma desiderando segretamente di avanzare zoppicando e trascinando le nocche nella sabbia, guaendo e grugnendo."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore