Dettagli Recensione

 
Il giardino di Amelia
 
Il giardino di Amelia 2017-02-10 12:04:28 Belmi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    10 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Doña Amelia

Siamo in Cile, a metà degli anni ottanta, sotto la dittatura del generale Pinochet. A causa di un cane, due persone molto eterogenee si trovano a contatto.

Da una parte abbiamo il giovane sovversivo Miguel Flores che mentre è in fuga dalla polizia si ritrova a inciampare in un cane e quindi arrestato. La sentenza è delle più semplici, l’esilio. La sua metà è un paesino di campagna a qualche ora dalla città e li incontrerà la Signora Amelia, una ricca latifondista.

“E lei grandissima stronza, la oligarchia in odore di fascismo solo per questioni di classe, sfruttatrice di contadini, lei ti ha teso una mano”.

Marcela Serrano ci porta nella sua terra e ne racconta le ingiustizie e le sue incongruenze. La storia affronta temi importanti come l’esilio, la vita di campagna, la lotta di classe, la fiducia, la tortura e il perdono. A differenza di “Dieci donne” qui ho trovato una Serrano un po’ più superficiale. Sono molte le cose che dice, ma sono molte di più quelle che non dice. Se molte le possiamo immaginare grazie alla lettura di altri testi e quindi colmare le lacune con quelle, rimane comunque il fatto che la Serrano non mi ha mai fatto entrare nella storia. Alla fine della lettura la sua scelta può essere comprensibile quando i “nodi vengono al pettine”, ma non sufficiente per scusarla.

Mi aspettavo un testo diverso conoscendo “le corde” che quest’autrice è capace di toccare; questa volta sono poche le corde toccate, direi solo leggermente “pizzicate”. Importante come sempre l’argomento scelto, mai dimenticare un passato, poi così non proprio lontano..

“Ascoltami bene, gli aveva detto, ora ti leggo un pensiero di Imre Kertész, lo scrittore ungherese che poco tempo fa ha vinto il Nobel: “Nessuna persona torturata, nessuna, rimane senza macchia, lo so perfettamente e non chiedermi perché. Non potrai mai più parlare di innocenza, al massimo di sopravvivenza””.

Buona lettura.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Complimenti Fede, hai reso perfettamente l'idea del romanzo. Mi hai chiarito le idee. Come sempre, bravissima!
Sono d'accordo con le tue osservazioni. Ciao Federica.
lapis
11 Febbraio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi accodo ai complimenti! Non solo un bel commento, ma davvero utilissimo per farsi un'idea del romanzo.
Grazie mille. Ciao, Manu
In risposta ad un precedente commento
Belmi
11 Febbraio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Maria, troppo gentile :-)
Fede
In risposta ad un precedente commento
Belmi
11 Febbraio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Annamaria e visto che hai letto anche te il libro mi fa piacere sapere che sei d'accordo con lè mie osservazioni.
Federica
In risposta ad un precedente commento
Belmi
11 Febbraio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Prego Manu, i tuoi complimenti fanno sempre piacere.
Fede
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna