Dettagli Recensione

 
La luce sugli oceani
 
La luce sugli oceani 2017-07-31 09:43:17 Antonella76
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    31 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"I bambini amano sempre", ma..



Come si può commentare questo libro senza fare spoiler?
Impossibile, ma ci provo.
Quindi la prendo alla larga e parto dicendo che, per me, il titolo è bruttissimo, di quelli banali che proprio "allontanano", la copertina è orrenda e respingente, la scrittura è piana, lineare, semplice (forse troppo)...ma la storia prende.
Tocca una tematica forte che non ti permette di rimanere indifferente, cerca di farti prendere una posizione netta, mentre tu sei lì che oscilli continuamente.
Vorresti schierarti con decisione dalla parte del "giusto", ma poi non ce la fai, ti lasci trasportare...e alla fine non lo sai neanche più cosa sarebbe davvero "giusto" fare.
Il tema della maternità è difficile da affrontare perché va a toccare la parte più indifesa dell'universo...i bambini.
Alla fine a pagare sono sempre loro.
Sono i bambini che sanano le ferite degli adulti inferte dal loro stesso egoismo smisurato, mentre a loro non rimane che il tempo "gran dottore", quello che aggiusta tutto, che fa dimenticare...
"I bambini amano sempre"...sì è vero, ma a che prezzo?
Io, comunque, la mia decisione l'ho presa, mi sono schierata e, alla luce di questo romanzo, dico "no".
No, la maternità non è un diritto da perseguire a tutti i costi.
Non può essere sorretta da un "mors tua, vita mea".
Non si dovrebbe mai basare la propria felicità sull'infelicità di qualcun altro...perché in questi casi il dolore si moltiplica, si propaga a macchia d'olio, sempre.

Ma questo è anche un romanzo sulla differenza fra solitudine e isolamento, sugli opposti di "luce" e "ombra" generati dal Faro, che poi è anche metafora di amore e colpa, salvezza e pericolo...sulla possibilità di riscattare i propri errori.
È un libro sulla "perdita": tutti perdono qualcosa, nessuno escluso.

La storia è intensa e struggente, credevo di dare fondo alla scatola dei kleenex, ed invece no, niente lacrime...forse a causa di una scrittura troppo lieve, non incisiva, descrittiva, ma non penetrante, senza picchi di pathos, senza affondi.
Peccato, poteva essere un gran libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Bella recensione! Hai colto anche il mio pensiero su un libro interessante proprio perché è impossibile non schierarsi. Elena
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri