Dettagli Recensione

 
Caino
 
Caino 2018-02-13 09:20:06 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Dio uomo, L'uomo Dio.

Con “Caino” Josè Saramago ci porta a spasso per la Bibbia rileggendo in chiave ironica e dissacrante episodi aventi ad oggetto l’emblema indiscusso della cattiveria. Lo scopo principale dell’autore è quello di comprovare il male assoluto di (e in) Dio per giungere infine a una condizione di nulla assoluto poiché risultato di un duello ad armi pari tra essere umano e divinità. Tesi di fondo dell’opera è nuovamente il male. Un male che è portatore di disperazione e cupezza, un male che intimorisce e impaurisce perché senza confini. L’uomo è, in particolare, al contempo, tanto bene quanto malvagità. Se preso in considerazione come gruppo la componente negativa prende il sopravvento su quella positiva della bontà; epilogo inevitabile è l’autodistruzione. A cornice di questa visione, un Dio capriccioso, burattinaio, giocoliere che si diverte a vessare la sua stessa creatura. Non esiste argine alcuno a questo fenomeno.
Un’opera, quindi, quella presentata, che non lascia alternative nel pensiero del lettore. Se nei Vangeli questo veniva trasportato nel dubbio, veniva spinto a interrogarsi sulla contrapposizione tra bene e male che è parte intima dell’essere umano stesso per infine intuire e – forse anche accettare/giustificare – la ricerca e il desiderio di fede, con “Caino” ciò non è accade. La creatura si sostituisce a un creatore e termina così la storia. Fatto questo, non c’è altro da raccontare. La vicenda è finita. Conclusa.
Stilisticamente Saramago è riconoscibile sin dalle prime battute, soprattutto per il suo connotato della punteggiatura. Nonostante il portoghese calchi molto la mano e si spinga lautamente oltre rispetto al passato, l’opera è più fruibile, invita alla riflessione e porta all’interrogazione di quel mistero che è l’intimo caos di ognuno di noi. E per riflesso o conseguenza, lo stesso caos va oltre alle iperboli narrative nutrendosi del sangue degli innocenti, delle ingiustizie, della povertà, delle malefatte, del dolore. L’unico che può, forse, cambiare le cose è l’uomo. Chissà. Due piani, due metri, due misure.
Non una semplice lettura proprio a causa di questo rimarcato spingersi al di là di, ma comunque un altro Saramago da conoscere e da non perdere.

«Come tutto, le parole hanno i loro che, i loro come e i loro perché. Alcune, solenni, ci interpellano con aria pomposa, dandosi importanza, come se fossero destinate a grandi cose, e, guarda un po’, non erano altro che una leggera brezza che non sarebbe riuscita a muovere la pala di un mulino, altre, parole comuni, parole solite, parole di tutti i giorni, sarebbero arrivate ad avere, in definitiva, conseguenze che nessuno avrebbe osato prevedere, non è per questo che erano nate, eppure hanno finito per scuotere il mondo.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
siti
13 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
La pensiamo allo stesso modo, Maria.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
13 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Identico. Davvero. E' stato un Saramago dissacrante ma anche eccessivo. Un'esperienza inaspettata che va oltre ogni ipotesi.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri