Dettagli Recensione

 
Opinioni di un clown
 
Opinioni di un clown 2019-02-11 11:30:25 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    11 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Opinioni di una vittima

“Opinioni di un clown” di Heinrich Böll è quello che il titolo ci promette: il flusso di pensieri di un uomo (che per l’appunto, fa il clown) nel momento più difficile della sua vita. È proprio nei momenti più difficili che gli uomini cominciano a rievocare il passato, a interrogarsi su quelle che sono le cause che li hanno condotti a tale miseria.
È proprio questo che Hans Schnier, il nostro protagonista, fa in questo libro.
Abbandonato dalla sua donna (che lui considera sua moglie, ma che tale non è), si abbandona alla malinconia e lascia che anche la sua professione vada in malora; una professione inusuale per il figlio di una famiglia ricca (e controversa), ma nella quale sembrava poter avere un brillante futuro.
Il libro scorre bene nonostante non accada quasi nulla; rimaniamo difatti soprattutto nei pensieri del nostro clown: riviviamo alcuni dei suoi ricordi, sporcati dal suo punto di vista; ci destreggiamo tra le sue opinioni della società e dei cattolici; assistiamo al suo continuo vittimismo, al suo piangersi addosso, al suo continuo scaricare la colpa del suo stato sugli altri; ci arrabbieremo a causa dei suoi gesti impulsivi, dei quali a volte anche lui stesso si pente.
Heinrich Böll tratteggia un uomo controverso, complesso, rendendolo profondamente umano; nel bene e nel male, e nonostante sia un uomo pieno di difetti non possiamo fare a meno di empatizzare con lui, di lasciarci emozionare dal suo dolore. Un personaggio a tutto tondo che prende vita; "Opinioni di un clown" sembra quasi l’autobiografia di una persona che ha vissuto per davvero, segno che Böll ha fatto un lavoro egregio, in questo senso.
Oltre a partecipare allo sconvolgimento dei suoi sentimenti, verremo messi a conoscenza anche delle sue opinioni: sul cattolicesimo, che molto spesso viene adoperato come una semplice etichetta; sull’entusiasmo e la rigidità dei tedeschi appartenenti a un partito nazista agli albori, e sull’ipocrisia di quegli stessi tedeschi quando quest’ultimo incontrò il suo spaventoso fallimento e la condanna da parte del mondo. È forse anche questo quello che tormenta Hans: l’essere circondato da uomini pieni di difetti proprio come lui, ma che se la passano molto meglio perché li nascondono dietro falsità e ipocrisia. Lui, il clown che una maschera è costretto a indossarla per lavoro, è più genuino di tutti gli uomini che quella maschera la indossano per apparire “giusti” in una società malsana e falsa. Hans è l’unica persona genuina, vera; non ha problemi a mostrare a tutti il suo vero io, i suoi pensieri; anche quelli che lo mettono in cattiva luce.
Un paradosso che lascia il lettore spiazzato, all’inizio; amareggiato nel momento in cui si rende conto di quanto quello che legge è vicino alla realtà delle cose, a un mondo in cui se la passano meglio gli ipocriti, coloro che assecondano le convenzioni senza nemmeno comprenderle; mentre chi è vero, chi si interroga sui motivi celati dietro ogni cosa si trova gettato nella disapprovazione e nella miseria.
Dopo aver “osservato” e ascoltato quest’uomo durante tutta la lettura, in molti angoli della sua personalità, il finale non potrà far altro che emozionarci.
A me, ha emozionato.

"I momenti della vita non si possono ripetere e neppure si possono dividere con altri [...] Tanto diaboliche possono essere le conseguenze del sentimentalismo. Gli attimi bisognerebbe lasciarli così come si sono vissuti, mai tentare di ripeterli, di riviverli..."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Una recensione davvero bella, anche per me che non ho letto questo celebre libro.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
11 Febbraio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio,
non so se questo è un libro che possa piacere a prescindere, ma devo dire che io l'ho apprezzato tantissimo, soprattutto ragionandoci su a mente fredda. Dopo un po' ti rendi conto di tante cose nascoste tra le righe: collegamenti, metafore, contrasti; cominci a unire i puntini e ti rendi conto che determinate scelte narrative non sono messe lì a caso, ma hanno un ruolo specifico nella trasmissione del messaggio e nella caratterizzazione delle idee e del contesto.
Questa è una cosa che apprezzo molto in un autore: il non lasciare nulla al caso, e fare in modo che il lettore attento se ne renda conto.

Vale.
Complimenti Valerio davvero un'ottima recensione!
Io il libro l'ho letto un po' di anni fa, ma dovrei rileggerlo!
grazie
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
11 Febbraio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Claudia, sono contento che l'hai apprezzata! Non so se è un libro che si presta bene a una rilettura, ma devo dire che mi è piaciuto davvero tanto!

Vale.
Complimenti Valerio, davvero un'ottima recensione, che mi ha fatto venir voglia di riprovare a leggerlo. Già, perché diversi lustri fa, dopo aver letto Foto di gruppo con signora (che mi era piaciuto molto) iniziai a leggere anche questo, ma smisi piuttosto presto perché lo trovavo terribilmente noioso. Naturalmente sapevo che si trattava di un grande romanzo, e che magari non l'avevo affrontato al momento giusto. Ma il sapore della noia provata mi ha trattenuto finora dal riprovarci. Adesso forse mi hai dato la spinta giusta.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
13 Febbraio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Pierpaolo, sono contento che tu abbia apprezzato la recensione, al punto da invogliarti a riprovare la lettura. Sicuramente influisce il momento in cui si legge una determinata opera, ma non posso comunque negare il fatto che questo sia un libro particolare, che può facilmente annoiare qualcuno che ha preferenze letterarie diverse. Non mi stupisce, insomma. Oltretutto, io l'ho apprezzato ancora di più dopo aver metabolizzato la lettura, nei giorni successivi. Non è dunque un libro che colpisce forte mentre lo si legge, ma che si sedimenta una volta finito.
O almeno, così è stato per me!

Vale.
siti
13 Febbraio, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Il tuo commento è bello e interessante, a me il libro non piacque molto anche se gli riconosco tutta l'importanza che ha nella storia personale dell'autore e dell'epoca che ha vissuto e rappresentato. Una vittima? Mi pare più un deciso nichilista che ha scelto proprio così di affermare il suo individualismo. Bel personaggio!
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
19 Febbraio, 2019
Ultimo aggiornamento:
08 Marzo, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura,
l'ho definito una vittima perché scarica spessissimo la colpa dei suoi tormenti e della sua miseria sugli altri; ma è probabile che sia corretta anche la tua interpretazione. È un gran bel personaggio, sì, e mi rendo conto che sia un libro piuttosto particolare. Non succede molto.
A me è piaciuto anche di più una volta che l'ho chiuso, rimuginandoci sopra; durante la lettura ero anch'io indeciso.

Vale.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri