Dettagli Recensione

 
Il barone e il guardacaccia
 
Il barone e il guardacaccia 2020-04-19 16:54:18 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    19 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il padrone del padrone

Il Barone e il guardiacaccia è un romanzo ambientato nella Francia del 1848 ( Napoleone III), all’epoca del conflitto tra i bianchi monarchico-clericali e i blu repubblicani. Nell’ambito di quel conflitto si inserisce il rapporto teso fin dall’inizio tra padrone e guardiacaccia che stanno in campi specularmente rovesciati rispetto alla loro posizione sociale. Infatti il nobile è quello contrario ai privilegi della nobiltà e vorrebbe espropriarsi delle terre a favore della causa. Il guardiacaccia invece preferirebbe un padrone che facesse il padrone anziché un tipo strano che dirige male la proprietà e che manifesta comportamenti poco consoni. Il guardiacaccia è anche guardiano dei valori morali e famigliari messi in pericolo dalle stranezze del padrone, dalla sua frequentazione di donne leggere per scopi anche lì un po’ diversi dai soliti rapporti tra un padrone e donne leggere. Il grado di follia generale aumenta nel corso della storia, fomentato da dubbi, sospetti, pettegolezzi, dal desiderio del padrone di andare a Londra da Victor Hugo, idealizzato in sommo grado, cui il padrone attribuisce chissà che poteri e capacità nell’ambito di una eventuale rivolta. La stranezza del padrone viene a poco a poco letta dal suo subalterno come incapacità di vivere, come follia fino al totale apparente rovesciamento di ruoli che innesca la vera follia del padrone e non solo. Il romanzo prende una piega inquietante, e la lettura diventa tesissima. E’ molto bello il modo di narrare di Vallejo come se il narratore leggesse i pensieri della gente, in particolare del guardiacaccia. Nel finale c’è una interessante sovrapposizione tra i due antagonisti, quasi una identificazione,come se il male perseguito fino in fondo, portasse alla fine a una specie di vera e concreta uguaglianza psicomorale o di sovrapposizione, come sei due antagonisti diventassero in qualche modo una stessa persona che porta su di sé l’impronta di entrambi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Ciao Mario.
Un commento invitante, ma non conosco assolutamente questo autore.
Autore a me sconosciuto, ma sono troppo tentata dalla recensione. La figura del guardiacaccia merita approfondimento, così la libero dall'alone "Amante di Lady Chatterley" e da quello bonario e magico di Hagrid nella saga di Harry Potter. Chiedo scusa per gli accostamenti osceni.
Ma metto in carrello virtuale. Subito.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri