Narrativa straniera Romanzi Il barone e il guardacaccia
 

Il barone e il guardacaccia Il barone e il guardacaccia

Il barone e il guardacaccia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nell’ovest profondo, un castello ha perso il suo castellano. Siamo in tempo di rivoluzione, nell’immediata vigilia del 1848 nella Francia dei Bianchi monarchici e clericali che si tramandano per generazioni l’ira orgogliosa contro i Blu repubblicani e parigini. È Lambert, il guardacaccia, che dopo la morte del vecchio signore regge il cupo maniero dalle stanze più alte che ampie assieme alla moglie Eugénie e alla figlia Magdeleine, e cura il bosco e la muta di cani di cui va fiero; non s’aspetta che torni a vivere nelle sue proprietà, dalla città, l’erede. Il barone de l’Aubépine des Perrières il Giovane è stato torturato per tutta la giovinezza dalla tirannia del padre; si sapeva quindi del suo odio per quei luoghi. Rivoluzionario nonostante il suo titolo, come Lambert è un tradizionalista convinto, ha un carattere instabile e tormentato, a tratti euforico a tratti depresso: il guardacaccia non riesce a capire che cosa pretenda con i suoi modi a volte inopportunamente egualitari a volte offensivamente sprezzanti, sempre indecifrabili. Così, mentre scoppia la rivoluzione e poi inizia il Secondo Impero di Napoleone III e il barone consuma il tempo in ossessioni di cospirazioni politiche e un erotismo malsano, il guardacaccia scruta il padrone, fra i due inizia un confronto estenuante e angoscioso che dura negli anni, in una suspence crescente che fa fremere per violenze previste e misteri di sangue. Questo romanzo, il secondo di Vallejo pubblicato in italiano, insignito in Francia del premio Giono, è stato paragonato da alcuni critici ai drammi «a porte chiuse» di Sartre, gli estenuanti duelli morali che rivelano la tragedia senza uscite «dell’essere gettati nel mondo». Il barone e il guardacaccia avvinti in un unico destino recitano la tragedia della futilità umana, del fallimento storico, della condanna capitale ad essere anacronistici rispetto al proprio tempo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il barone e il guardacaccia 2020-04-19 16:54:18 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    19 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il padrone del padrone

Il Barone e il guardiacaccia è un romanzo ambientato nella Francia del 1848 ( Napoleone III), all’epoca del conflitto tra i bianchi monarchico-clericali e i blu repubblicani. Nell’ambito di quel conflitto si inserisce il rapporto teso fin dall’inizio tra padrone e guardiacaccia che stanno in campi specularmente rovesciati rispetto alla loro posizione sociale. Infatti il nobile è quello contrario ai privilegi della nobiltà e vorrebbe espropriarsi delle terre a favore della causa. Il guardiacaccia invece preferirebbe un padrone che facesse il padrone anziché un tipo strano che dirige male la proprietà e che manifesta comportamenti poco consoni. Il guardiacaccia è anche guardiano dei valori morali e famigliari messi in pericolo dalle stranezze del padrone, dalla sua frequentazione di donne leggere per scopi anche lì un po’ diversi dai soliti rapporti tra un padrone e donne leggere. Il grado di follia generale aumenta nel corso della storia, fomentato da dubbi, sospetti, pettegolezzi, dal desiderio del padrone di andare a Londra da Victor Hugo, idealizzato in sommo grado, cui il padrone attribuisce chissà che poteri e capacità nell’ambito di una eventuale rivolta. La stranezza del padrone viene a poco a poco letta dal suo subalterno come incapacità di vivere, come follia fino al totale apparente rovesciamento di ruoli che innesca la vera follia del padrone e non solo. Il romanzo prende una piega inquietante, e la lettura diventa tesissima. E’ molto bello il modo di narrare di Vallejo come se il narratore leggesse i pensieri della gente, in particolare del guardiacaccia. Nel finale c’è una interessante sovrapposizione tra i due antagonisti, quasi una identificazione,come se il male perseguito fino in fondo, portasse alla fine a una specie di vera e concreta uguaglianza psicomorale o di sovrapposizione, come sei due antagonisti diventassero in qualche modo una stessa persona che porta su di sé l’impronta di entrambi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri