Dettagli Recensione

 
Un divorzio tardivo
 
Un divorzio tardivo 2020-05-14 13:57:52 Chiara77
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    14 Mag, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto un equilibrio sopra la follia

“Perché la vita è un brivido che vola via
E’ tutto un equilibrio sopra la follia
Sopra la follia…”
Perdonatemi l’incursione nella cultura pop e la citazione della famosa canzone “Sally” di Vasco Rossi in apertura alla recensione di questo romanzo di Yehoshua. Ma è proprio questa frase che mi sono trovata a canticchiare mentre procedevo con la lettura: eh sì, la vita è proprio tutto un equilibrio sopra la follia, sembra suggerirci la sapiente ed esperta penna del grande autore israeliano. Ed è anche un equilibrio piuttosto precario, dal quale qualcuno facilmente può scivolare e cadere giù.
Israele, fine anni ’70 del Novecento. Yehudà è appena tornato dagli Stati Uniti per ottenere il divorzio dalla moglie Na’ omi: si tratta di una coppia di coniugi di mezza età con tre figli adulti, che già da alcuni anni stanno vivendo separati. Yael, la figlia maggiore, ha già due bambini, quindi Yehudà è già nonno. Perché adesso vuole il divorzio? Lui attualmente vive negli Stati Uniti ed ha un’altra compagna, più giovane. Ha lasciato Israele in seguito ad un fatto gravissimo che ha portato lui ad una specie di fuga e sua moglie Na’ omi in una clinica psichiatrica. Ma ora vuole il divorzio legale, ne ha bisogno.
Così, nella settimana di Pasqua, seguiamo i protagonisti di questa storia, i componenti della famiglia Kaminka, fra Tel Aviv, Gerusalemme ed Haifa, assistiamo agli avvenimenti direttamente dalla testa e dalle azioni delle persone coinvolte. Sì, perché il romanzo è scritto attraverso il flusso di coscienza dei vari personaggi; iniziamo la lettura proprio dal racconto un po’ sconclusionato e sicuramente non facilissimo da seguire, almeno all’inizio, del nipotino di Yehudà, il piccolo Gadi. In seguito, insieme allo scorrere dei giorni, ci ritroveremo ad entrare nei ragionamenti di Yehudà, dei suoi figli, di sua nuora e dei suoi generi, della stessa Na’ omi; faremo anche un salto temporale nell’anno successivo, necessario per comprendere meglio e senza strani dubbi l’evoluzione della trama.
Che commento si può fare sullo scrittore Yehoshua? Credo che ci siano pochi dubbi sul fatto che ci troviamo ai vertici della letteratura di qualità.
I punti di vista dei personaggi sono riportati secondo un flusso di coscienza che può forse risultare un po’ faticoso da seguire ma che ci permette di entrare nella mente degli attori della narrazione.
La vicenda riguarda una famiglia, le complesse relazioni che si intrecciano con le persone che si amano e quindi, contemporaneamente, si odiano anche un po’, persone che si apprezzano e si disprezzano, che si cercano e si sfuggono.
Il rapporto con l’altro è sempre complicato, difficile, mai scontato o banale, in tutti i vari livelli della scala sociale: una tematica che ritroviamo spesso nelle opere di Yehoshua e, oserei dire, un po’ in generale nella letteratura israeliana.
In conclusione quindi, una lettura affascinante, magnetica, potente: sicuramente da non perdere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Letto parecchi anni fa. Un grande scrittore sicuramente. Trovo però che nei suoi libri non riscontro un ritmo costante 'che si fa leggere' . L'unico suo testo , letto ' d'un fiato ', è stato "Ritorno dall'India".
ciao Chiara, bella recensione. Mi sono appena accostato a questo scrittore, di cui ho letto recentemente Il tunnel.
Questo che tu segnali mi sembra più impegnativo. Lo terrò però in considerazione perché mi fido del tuo giudizio.
Ciao Emilio, invece io mi trovo di solito bene con il ritmo narrativo di Yehoshua. Anche questo mi ha presa pur essendo un flusso di coscienza ( che sinceramente in generale non prediligo affatto nelle mie letture). "Ritorno dall'India" non l'ho letto, lo segno subito.
Ciao Pierpaolo, grazie. Sì, è vero, questo è un po' più impegnativo de "Il tunnel", più che altro per il fatto che è scritto secondo il flusso di coscienza. Se ti piace l'autore e non l'hai ancora letto ti consiglio "L'amante". Grazie mille per la fiducia!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri