Dettagli Recensione

 
Il giardino di Amelia
 
Il giardino di Amelia 2022-09-19 18:17:53 archeomari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    19 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia non decolla

Conoscendo l’autrice da “L’albergo delle donne tristi” mi aspettavo maggiore profondità nella storia, maggiore originalità nei personaggi e invece sono rimasta delusa.
Ho avuto la sensazione di una spiacevolissima superficialità, nella trama e anche soprattutto nel finale che mi è sembrato scontato. Ho sperato fino alla fine in qualcosa di migliore, in qualche passaggio sublime che giustificasse la lettura, ma non è arrivato. Dirò di più: se l’autrice volesse passare per femminista, a conti fatti non lo è. Basti pensare a questo Miguel Flores, dinanzi al quale capitolano tutte le donne importanti che ruotano attorno alla protagonista, Donna Amelia. L’unica che non lo porta a letto, scusate la brutalità.
Lo sfondo storico nel quale la storia si è ambienta è interessante: siamo in Cile, sotto la dittatura di Pinochet e Miguel Flores è un esule politico che trova asilo presso la ricca vedova latifondista donna Amelia, proprietaria della Novena, che lo accoglie sotto la sua ala protettrice.
Il luogo in cui lei abita è un locus amenus, natura, albe, tramonti, fiori magnifici, frutta rigogliosa da gustare e una ricchissima biblioteca.
Il paradiso. E lei è la regina incontrastata, servita, riverita, con una storia alle spalle interessante, intelligente, dai pensieri profondi che il lettore sottolineerà a profusione.
Interessanti le riflessioni sulla tortura come aggressione che toglie anima ed umanità, meravigliosi i passaggi sulla lettura e sull’infanzia come paradiso perduto.
Ma finiscono qui le note positive.
Miguel, molto più giovane di lei, tradirà la sua fiducia nascondendo nelle terre della Novena delle armi e, quando verrà scoperto, lui riuscirà a scappare, ma la sua povera benefattrice subirà le torture dagli scagnozzi del regime per colpa sua.
Dopo tanti anni di lontananza, Miguel, divenuto scrittore famoso di libri per bambini, vissuto completamente senza sensi di colpa in Inghilterra, preso dalla nostalgia e dalla gratitudine cercherà di tornare in Cile, ma… lascio a voi scoprire il resto.
Ho avuto la sensazione di girare come una falena impazzita attorno ad una lampadina, la lettura non mi ha dato soddisfazione e non mi ha lasciato quasi niente. Mi sento ingannata, perché le prime trenta pagine mi avevano incantata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

La similitudine con la "falena impazzita attorno ad una lampadina" come rende bene la sensazione del lettore/lettrice al cospetto di certi libri molto volentieri evitabili!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna