Dettagli Recensione

 
Gli spodestati
 
Gli spodestati 2012-07-04 11:45:03 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    04 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

GLI SPODESTATI

Gli spodestati è il libro della sopravvivenza, della lotta quotidiana per rimanere aggrappati alla vita. Ma è’ anche un libro che parla di morte, quella morte che può arrivare in qualsiasi momento, se il proprio nome compare su di una lista.
E’ il libro che ti fa vedere il “bicchiere mezzo pieno o mezzi vuoto” a seconda della prospettiva con cui si guarda la vicenda. E’ un libro che una volta finito deve essere metabolizzato, per decidere da quale parte stare. E’ lecito o meno fare “un patto con il diavolo” per salvare almeno il salvabile?
Il romanzo racconta la storia del ghetto ebraico di Lodz in Polonia, che per 5 anni ha “ospitato”diverse decine di migliaia di persone in condizioni di vita al limite della sopravvivenza. L’idea di far diventare questo ghetto una indispensabile “grande fabbrica” per l’industria bellica tedesca e salvare quindi la vita ad alcune miglia di persone, fu del discusso presidente ebreo Chaim Rumkowski, messo dai tedeschi a capo del ghetto, come loro unico interlocutore.
Il libro cerca di raccontare, nella maniera più neutrale possibile, la quotidianità di questo luogo, con le difficili e discutibili scelte prese da questo enigmatico personaggio polacco per salvare più persone possibili dallo sterminio. Era lui che doveva compilare queste liste per poi consegnarle ai Tedeschi per provvedere alla deportazione. E’ chiaro che essere o non essere su questi elenchi cambiava il giudizio sul suo operato da parte della popolazione.

Lo stile di narrazione non mi è sembrato irresistibile, con alcune parti del romanzo un po’ “macchinose”, ma visto l’importanza del tema trattato, questo piccolo neo, passa in secondo piano per fare posto allo stupore e all’indignazione di fronte a tanta crudeltà. Il racconto dello sgombero dell’ospedale pediatrico da parte del SS, è un qualcosa che ricorderò per sempre nella mia memoria.

Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le tue recensioni sono sempre fonte di ispirazione per le mie letture, vista la comune passione per la storia !
grazie Denis :-)))
In risposta ad un precedente commento
Gondes
06 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia, direi proprio che è un genere che avrà sempre il nostro favore, e poi c'è sempre qualcosa da imparare!
Ciao e buona lettura-
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù