Dettagli Recensione

 
Il vagone
 
Il vagone 2012-09-14 06:14:05 ant
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ant Opinione inserita da ant    14 Settembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Discesa agli inferi

Libro breve, ma intensissimo che lascia sicuramente il segno.
L'autore in questo romanzo ci narra della peggiore atrocità commessa dai nazisti che , per quanto mi riguarda, non è lo sterminio nei forni crematori, ma la disumanizzazione compiuta attraverso le deportazioni in lunghissimi viaggi in treno, senza dare né acqua, né cibo, né possibilità di usufruire di servizi igienici ai malcapitati prigionieri.
Un incubo e una discesa negli inferi più bui che Rykner ci descrive pagina dopo pagina, il treno dei deportati parte in un giorno caldissimo di luglio 1944.
Ammassati e stipati come polli d'allevaento i prigionieri partono dalla Francia per raggiungere la Germania, lo scrittore ci fa toccare con mano la sofferenza umana iniziando a descrivere prima la necessità di poter occupare un minimo di spazio in un luogo super affollato, poi inizia un crescendo di sofferenze che è spaventoso.
Mancanza di acqua, mancanza di aria, impossibilità di poter soddisfare i propri bisogni organici, fino al clou: scoppia una rissa all'interno del vagone e molti prigionieri completamente impazziti e abbruttiti iniziano a picchiarsi selvaggiamente fra loro fino ad ammazzarsi, ne muoiono più della metà,ma...il treno continua verso la sua meta, con i cadaveri ammucchiati all'interno.
Da queste pagine si capisce che lo scrittore vuole mettere in primo piano proprio questo concetto: i nazisti avevano calcolato tutto, anche le risse, i cadaveri ammucchiati etc per poter disporre di esseri umani ormai devastati.
Molto toccanti le digressioni riguardanti l'arrivo a Dachau dei pochi sopravvissuti, voglio riportare alcuni brevi passaggi
"Qualunque cosa siamo, qualunque cosa facciamo,saremo sempre più forti di loro,perché siamo più umani...è la ns sofferenza a impedirci di assomigliare a loro. Io voglio essere quello che resiste loro,anche da morto, e che mai gli assomiglierà.Voglio esserlo. Lo sono..."

Molto intenso questo libro
certo non per bambini

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri che parlano di come gli esseri umani possano compiere atrocità inenarrabili
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù