Dettagli Recensione

 
Il medico di corte
 
Il medico di corte 2013-03-13 15:30:17 siviaggiare
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
siviaggiare Opinione inserita da siviaggiare    13 Marzo, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si dimentica

Tutto probabilmente inizia proprio per la sollecitudine di un giovane medico verso re Cristiano VII di Danimarca, che soffre di crisi violente e di lunghe fasi depressive e confusionali. Sin da piccolo il futuro re era stato educato, come dicevano a corte, “molto severamente”, con punizioni fisiche e violenze psicologiche continue che ne avevano scientemente distrutto l’equilibrio (ma non l’intelligenza ed il talento artistico): soffriva di ogni tipo di terrori, si sentiva colpevole di tutto e cercava di essere punito, aveva una personalità doppia ed una maturità gravemente incompiuta. I contemporanei pensavano a Cristiano come ad un folle bisognoso di essere governato anche con la frusta anziché come ad un monarca che avrebbe potuto guidare i destini del regno. In questo vuoto di governo, la corte godeva di molto potere, si concedeva lussi e viveva nella corruzione mentre il paese andava a rotoli. Struensee, il medico tedesco che provava tenerezza e interesse per il giovane re, viene accolto da Cristiano con fiducia, con serenità, e riesce a restituirgli un po’ di tregua dai suoi incubi. Insieme studiano riforme dello Stato che portino nella realtà danese i principi dell’illuminismo: il giovane re, che era da anni in corrispondenza con Voltaire ed aveva incontrato a Parigi i maggiori illuministi, dà carta bianca al suo amico medico, lo nomina primo ministro e permette alla Danimarca di diventare, nell’arco di una ventina di mesi, l’avanguardia in Europa in fatto di libertà, naturalità, razionalità.
Tutto troppo veloce, però, e senza curarsi dei nemici di corte, che riescono a travolgere tutto con un complotto di cui il medico, persona buona e troppo poco scaltra, non sarà l’unica vittima.
Secondo me “Il medico di corte” è un libro bello ed importante, con una scrittura particolare che aderisce – nel tono, nelle scansioni- all’atmosfera settecentesca in cui si svolge la storia. E’ un libro che sembra calmo nei suoi ritmi, mentre narra una vicenda che invece è febbrile, dove il tempo è sempre troppo poco, dove in quattro anni succedono cose che forse avrebbero avuto bisogno di almeno un decennio. E’ un romanzo in cui la parola “paura” viene a galla quasi in ogni pagina: paura di essere davvero in grado di amare ed essere amati, di osare, di guarire, di ridere, di aiutare. Il motto della giovanissima regina era “Signore, lasciami innocente, fai grandi gli altri”, ed era la stessa aspirazione del re Cristiano VII, e quella del medico di corte che, incredulo egli stesso, si era fatto statista per amore del progresso umano.
Un romanzo che consiglio molto a tutti: quelli che hanno pazienza e quelli un po’ impazienti e con la voglia di correre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Commento approfondito e invitante. Aggiungo alla wish list, grazie.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù