Dettagli Recensione

 
L'albero della febbre
 
L'albero della febbre 2013-07-07 07:51:18 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    07 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ingenua, il mite e il mascalzone

La protagonista di questa storia ambientata alla fine dell'800 è Frances, una donna abituata all'agiatezza dell'Inghilterra nobile e poi trasportata dalla vita nel mondo del Sudafrica. E' una donna che all'inizio ti sembra fragile, ma molto velocemente, durante la lettura, inizi a mal sopportare. Ti chiedi inizialmente cosa può diventare una persona quando non ha più niente a cui aggrapparsi, quando vive la sensazione di non appartenere a niente ed a nessuno, stai un pò dalla sua parte, ma molto velocemente capisci che la sua è solo un'ingenuità ed un'indolenza, che a tratti porta la stessa Frances ad avere disgusto di se stessa. Durante il viaggio verso il Sudafrica viene soggiogata e dominata dal carattere forte di un mascalzone, dalla sua scanzonata eleganza e dal suo fascino. Alla fine della storia, e per fortuna non troppo tardi, Frances comprende che il voler bene può passare anche attraverso il silenzio di una persona molto mite e apparentemente molto poco affascinante. A fare da sfondo una natura sudafricana, di cui avrei apprezzato maggiori descrizioni, anche perchè la capacità narrativa ed in special modo descrittiva dell'autrice è davvero potente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

mmm...pensando al sudafrica mi viene in mende wilburn smith con le sue magiche atmosfere...grazie per la segnalazione :-)
prima o poi lo leggerò...
mi spiace il fatto che possa peccare nelle descrizioni, per me elemento basilare in un simile romanzo...
In risposta ad un precedente commento
Pelizzari
08 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Lei è molto brava nel descrivere, perchè ti senti proprio parte della scena, però l'aspetto naturalistico, in un romanzo così, secondo me andava valorizzato di più. Però senz'altro da leggere, e comunque scrittrice da tenere d'occhio !!!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù