Dettagli Recensione

 
La profezia di Caravaggio
 
La profezia di Caravaggio 2013-08-06 17:15:32 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amor vincit omnia

I prodromi dell’arte nell’infanzia

Come sempre, i fatti dell’infanzia agiscono in modo determinante nella vita di una persona. Così è anche per Michelangelo (un nome che, nell’arte, sembra una garanzia!) Merisi detto il Caravaggio, segnato in tenera età da un doppio lutto: un contatto fisico e prematuro con la morte (“Mio padre e mio nonno sono morti nello stesso giorno per colpa della peste”) costituisce la prima drammatica esperienza con l’ombra e l’estetica dell’oscurità che annerisce ogni sfondo (“Si rese conto che era morto … qualcosa si stava muovendo in quell’oscurità e lui la poteva sentire. Era l’illuminazione improvvisa di chi fa un patto con la morte. Di chi è in fin di vita o è pronto al sacrificio estremo. Dell’assassino e della vittima. Guarda nell’oscurità, gli disse. Cosa si materializza dall’ombra? Che cosa emerge quando osservi ciò che si credeva nascosto? Continua a guardare e un giorno vedrai la forma. Il tuo sguardo sarà la luce che penetra il mistero”).

L’altro evento importante è il rapporto con Fabrizio, il figlio più piccolo di Costanza Colonna, la marchesa di Caravaggio che nella sua famiglia accoglie l’orfano Michelangelo e lo avvia all’esercizio della pittura. Con Fabrizio, Michelangelo intesse un rapporto d’amicizia anche carnale; e questa relazione sfiora l’altro grande mistero che – insieme a quello della morte - avvolge la figura di Caravaggio: la presunta omosessualità del pittore. Sarà per Fabrizio che Caravaggio si consegnerà al nemico, ottenendo la fine riservata ai delinquenti che venivano affogati in mare dentro a un sacco … Questa è la teoria che Matt Rees formula nel suo romanzo, disconoscendo di fatto le altre ipotesi storicamente più accreditate sulla morte del pittore (“La sua morte è tuttora un enigma, e gli storici dell’arte in genere la raccontano come una faccenda contorta in cui s’intrecciano scambi d’identità barche scomparse e spiagge malariche in Toscana”).

La storia

Il romanzo è scandito in tre sezioni biografiche: la fase romana del pittore (1605) che si consuma in frequentazioni improvvide, nell’amore per la popolana Lena e nelle risse che lo conducono a commettere un omicidio; la fase maltese (1607; a Malta Caravaggio approda grazie a Fabrizio con un intento: “Essere nominato Cavaliere l’avrebbe liberato per sempre dalla minaccia di un’esecuzione capitale”); la fase del transfuga tra Sicilia e Napoli (1608) con l’incubo degli agguati tesi dai suoi antagonisti e persecutori.
Di fatto, la storia è una splendida passeggiata tra i meravigliosi quadri di Caravaggio (in un articolo ad hoc approfondisco questa dimensione del romanzo e la concezione artistico-pittorica che ne trapela), personaggio dal temperamento irruente (“Caravaggio non era altro che uno scavezzacollo milanese”) e innovativo (“Da ora in poi ogni nuova opera d’arte esposta nelle chiese di Roma sarà o una copia dello stile di Caravaggio … oppure il feroce rifiuto da parte di quegli artisti che preferiscono rimanere ancorati alle maniere del secolo passato”): un artista che non seppe approfittare dei favori di un mecenate, il cardinale Francesco del Monte (“Scommetto che vi chiama sempre per chiedere aiuto quando viene arrestato e gettato ubriaco nelle prigioni a Tor di Nona, non è così?”), né dell’opportunità che gli venne offerta a Roma (“Dopo tanti anni in cui Caravaggio era stato tenuto fuori dalle commissioni papali in favore di artisti ben più convenzionali, era finalmente giunto all’apice del prestigio e del valore economico. Aveva fatto colpo sul principale conoscitore d’arte della nuova amministrazione vaticana. Avrebbe dipinto Camillo Borghese, papa Paolo V”).

La mia valutazione

Nonostante quanto dichiarato nella copertina, il romanzo non è un thriller storico, bensì la biografia romanzata di un personaggio sempre in bilico tra zuffe (“Una rissa, a colpi di spada, davanti a palazzo Farnese qualche giorno fa. Gli uomini dei Colonna sono entrati dal cortile”), vizi, maledizione e arte (“Sì, sapeva cosa significa essere vivo. Solo un artista o un assassino o Dio in persona potevano saperlo, cioè coloro che creano o che distruggono. Sono loro gli unici a saper descrivere quale sia il vero prezzo di ogni respiro”) in un contesto storico dominato da conflitti dinastici (quelli tra i Colonna e i Farnese: “Fabrizio è nei guai, Michele … Ha ucciso un Farnese, un membro di una famiglia potente, e il Santo Padre ha bisogno del loro supporto tanto quanto di quello dei Colonna”) che condensano le velleità di dominio di spagnoli e francesi (“Il conflitto tra i Farnese e i Colonna continuava, e il papa tergiversava tra i due avversari”).
La biografia romanzata culmina in un’affascinante teoria sulla misteriosa scomparsa di un uomo sconvolto, passionale, sempre pronto a rovinarsi pur di dare corpo al disagio esistenziale, alla sincerità e alle tensioni interiori (“La sua influenza sul mondo della pittura è stata immensa. Rubens ha esportato il suo stile nell’Europa del Nord. Velasquez ha introdotto la sua estetica in Spagna. Ancora oggi è un pilastro centrale nello stile degli artisti contemporanei, di fotografi e registi come David Hockney e Martin Scorsese”).
Un romanzo consigliato a chi ama l’arte figurativa e la mitica figura di un uomo che ha compendiato mirabilmente genio e sregolatezza, tramutando questa magica antinomia in capolavori che catturano e abbagliano – a distanza di quattro secoli – anche il senso estetico più spiccatamente contemporaneo.

Bruno Elpis

P.S. Come sempre, i commenti che pubblico in qlibri vengono ripresi nel mio sito, www.brunoelpis.it
Questo commento è abbellito con le riproduzioni di alcune opere del Caravaggio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... libri d'arte. A chi ama il romanzo storico-artistico.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Mmmmolto interessante! Grazie Bruno!!!
Ho letto questo autore grazie al romanzo su Mosart e non mi era dispiaciuto. Dopo la tua rece prenderò in esame anche questo nuovo titolo. Grazie Bruno
Ultimamente Caravaggio sta destando l'interesse di diversi autori!
Tempo fa, Bruno, lessi di Fioretti "Il quadro segreto di Caravaggio" e non mi era dispiaciuto anche se non aveva la pretesa di essere una biografia romanzata completa.....
Quindici giorni fa sono stata a Malta ed ho potuto ammirare le due opere di Caravaggio conservate presso la cattedrale di Valletta, memore dei brani letti nel romanzo di Fioretti!
La tua segnalazione è molto interessante per chi volesse approndire
Molto interessante questo libro Bruno, sono andata anche sul tuo sito a vedere gli approfondimenti delle opere.
Ogni volta che vedo un quadro di Caravaggio rimango ammaliata dalla sua capacità espressiva nei volti....però non l'ho mai amato molto proprio per quei toni così cupi che usa. Mi da' un senso di tristezza!!!
Ottima comunque la tua segnalazione per approfondire la conoscenza di un'artista immortale!!!
Grazie

07 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho trovato interessante la tua recensione. Mi interessano i temi storici ed è chiaro che una biografia romanzata, se scritta bene, è più piacevole di una semplicemente commentata.
Quindi mi assicuri il rispetto delle fonti storiche? Ci sarebbe di pura invenzione solo il finale?
A proposito del tuo sito, le illustrazioni che hai inserito si trovano anche nel libro?
Grazie.
@ Fonta, Gondes & Dany: grazie! ;-)

@ Silvia: dunque hai visto anche la “Decollazione di San Giovanni”? ;-)

@ Casilda: io non posso certificare l’assoluto rispetto delle fonti storiche, perché ho soltanto letto e interpretato il romanzo! Tuttavia la storia è credibile e a me sembra un’ottima ricostruzione (ripeto: romanzata) della fase finale della breve vita di Caravaggio.
No, il romanzo non è illustrato. Belle riproduzioni delle opere del Caravaggio le puoi trovare anche sul sito dell’autore www.mattrees.net che – pensate un po’ – ha twittato il commento riportato in home page di www.brunoelpis.it ringraziandomi! :-D
In risposta ad un precedente commento
Fonta
07 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Anch'io avevo letto il romanzo di Fioretti..ma non mi aveva entusiasmato Silvia!!! Bellissima Malta vero??? =)
Carravaggio è un personaggio che si presta a storie e romanzi e come autore direi che è semplicemente uno dei più grandi della storia dell'arte..io lo adoro!
Poi il suo ritratto mi ricorda le vecchie 50.000 lire e direi che lo apprezzo sempre anche a distanza di anni =) =) =)
Bellissima recensione!Grazie per avermi "accontentato"! Mi piace molto come hai organizzato questo commento e penso che quando credi di essere prolisso, è solo perché sei estremamente rispettoso del materiale letterario che tratti e non lasci nulla al caso. Caravaggio è stato il mio primo, violento incontro con l'arte, ancora bambina, le sue tele, che qui a Roma si possono ammirare in diverse chiese e musei, mi ammaliarono e inquietarono, con il loro realismo e la loro crudezza: impossibile dimenticare l'emozione provata. Il bellissimo percorso che ho trovato sul tuo sito, è l'occasione che aspettavo per ripartire alla volta di un itinerario tutto dedicato a questo incredibile artista,magari dopo aver letto il libro di Rees! Ciao. Domitilla.
In risposta ad un precedente commento

08 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Davvero? Visiterò il suo sito, allora. Grazie per la risposta. Lo aggiungo alla libreria, comunque.
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Guardando il sole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri