Dettagli Recensione

 
L'arciere di Azincourt
 
L'arciere di Azincourt 2013-09-26 19:57:02 Carpineti
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Carpineti Opinione inserita da Carpineti    26 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cornwell sottotono

La figura dell'arciere, un ruolo chiave nelle guerre del 1400 viene approfondita e a giusto titolo valorizzata. Soprattutto si approfondiscono tutti i temi legati agli strumenti dell'arciere dalla costruzione di una freccia alla scelta del legno più adatto per la costruzione di un arco, che se ai giorni d'oggi ricorda un giocattolo da bambini o l'epoca dei Pellerossa, per diversi secoli nelle guerre ha avuto un ruolo chiave, a volte anche sottovalutato. I maestri e' risaputo in questo campo erano gli inglesi e in questo libro che è soprattutto un racconto romanzato di un fatto storico, gli arcieri dell'esercito di Enrico V svolgono un ruolo chiave per la vittoria di una grande battaglia contro i francesi.
I fili principali necessari per tessere il racconto sono tutti presenti e compongono un tessuto narrativo ben bilanciato: abbiamo un contesto storico ben delineato, abbiamo un protagonista arciere e una diatriba famigliare, c'è una guerra, chiaramente, e una storia d'amore che lega il tutto.
Il libro e' scritto bene, e' scorrevole, avvincente ma...per un verso l'ho trovato un po' "insipido". Mi spiego meglio. Il libro ruota attorno alla campagna militare voluta dal re Enrico V e tutte le pagine creano una grossissima aspettativa per lo scontro con l'esercito francese che alla fine effettivamente divampa in modo sanguinoso e brutale e viene anche ben raccontato, ma, tutto il libro e'una preparazione strategica e psicologica alle ultime settantacinque pagine. Ribadisco, un finale da urlo,con un intero libro in buona parte preparatorio all'epilogo. Questo il lato negativo di un libro che ho apprezzato; i personaggi sono intriganti, la storia e' interessante e ben delineata e lo scontro finale con questo enorme clangore, nel fango sotto una pioggia di febbre potrebbe essere preso in esame per un cast cinematografico.
Consigliarlo? Cornwell ha lavorato meglio in altri romanzi, soprattutto napoleonici...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Gondes
27 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Rece ben argomentata, ma devo dire che per me è uno dei libri più belli che ho letto di questo periodo storico. La battaglia finale vale da sola il costo del libro. Un libro che ricordo con molto piacere. Ciao, buona lettura.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo