Dettagli Recensione

 
La vendetta del vichingo
 
La vendetta del vichingo 2013-11-05 13:20:26 Donatello92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Donatello92 Opinione inserita da Donatello92    05 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo...troppo storico !

Ho acquistato questo libro ad un prezzo stracciato in una bancarella, attratto dal titolo in quanto grande appassionato della cultura nordica e vichinga. La copertina del volume ci teneva a specificare come Severin, che non avevo mai sentito prima d'allora, fosse un maestro del romanzo storico, avendo viaggiato e vissuto di persona il percorso a ritroso di molti esploratori e studiosi prima di lui. Sono stato positivamente sorpreso dalla lettura, ma avrei dovuto prenderlo alla lettera.
A mio avviso il primo errore significativo dell'autore è stato quello di collocare alla fine del romanzo una piccola parentesi in cui specifica che alcuni personaggi ed alcune vicende dell'opera sono ispirate ad una famosa epopea realmente esistita. Questo giustificherebbe molti passaggi scontati ed inaspettati della trama ma, quando vieni a sapero, è ormai troppo tardi. Sono riuscito ad affezionarmi di più ad alcuni personaggi soltanto perchè, sfogliando il volume, me ne sono accorto prima e ho avuto la fortuna di leggere in anticipo questo particolare.
Senza di esso l'opera diviene a tratti scontata, intervallata da lunge digressioni e capitoli veramente esagerati per soffermarsi su particolari che, ai fini del nucleo dell'opera, non contano più di tanto.
Il protagonista è semplicemente fortunato: è sempre al posto giusto nel momento giusto, ne passa di tutti i colori ma ha il fato dalla sua parte e si lascia trascinare, spesso passivamente, dagli eventi. La sua amicizia con il forzuto Grettir fa da perno all'opera, ma anche questa l'ho trovata una forzatura: accade all'improvviso, senza un motivo, e diventa così importante da non poterne farne a meno, nonostante alcune vicende e alcune lontananze.
E' difficile affezionarsi ad alcuni personaggi e certi passaggi sono veramente duri da sopportare, è coraggioso andare in fondo alla lettura senza storcere il naso ed il tutto non viene minimamente coadiuvato dalla mancanza di colpi di scena significativi. Thorgils è abbastanza scialbo, così come tante identità che lo circondano, mentre Grettir va per la sua strada e se lo trascina dietro ma, non essendo il protagonista, non è abbastanza forte da trascinare anche l'opera.
Nel complesso però il tutto risulta godibile, forse un pò di meno se non si apprezzano le descrizioni storiche ed i particolari ad esse affidati. Questo salva l'opera: Severin è davvero un maestro del romanzo storico.
Molte sono le nozioni insegnate attraverso le sue parole, le usanze descritte, i popoli, le città e le culture incontrate dal protagonista, gli utensili, le gerarchie, gli animali, le religioni, i canti e le citazioni epiche. Avrei preferito però che fossero davvero circondate da un'atmosfera vichinga, mentre invece, ancora una volta, risulterà banalissimo il motivo che spinge il protagonista ad essere definito tale.
Nel complesso ho apprezzato l'opera, avendola acquistata per caso, come una piacevole novità. Ne ho tratto il meglio nonostante non sia riuscito ad apprezzarne la trama scontata e poco sopportabile e le identità scialbe dei personaggi, specialmente del protagonista. Alcune sagome però, sono davvero ben caratterizzate.
E, se a distanza di mesi, ricordo ancora il nome di alcuni personaggi o brevi citazioni, un motivo ci sarà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ali d'argento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Io sono il castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una lettera per Sara
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri