Dettagli Recensione

 
La regina scalza
 
La regina scalza 2014-07-29 09:13:46 Zine
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Zine Opinione inserita da Zine    29 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il crollo a tre quarti

Reduce dalla lettura di “La cattedrale del mare”, in cui avevo trovato nella scrittura di Ildefonso Falcones dei lati positivi che speravo potessero evolversi nelle opere successive, mi sono accinta alla lettura degli altri due romanzi scritti da questo autore.
“La mano di Fatima” non mi ha favorevolmente colpita, anzi. Per quanto la prosa fosse scorrevole e l’argomento di sicuro interesse (la rivolta moresca in Spagna), non ho avvertito alcuna affezione per i personaggi. L’elefantiaca dimensione del romanzo non ha aggiunto nulla alla trama e il mio interesse è scemato sempre più col proseguire della lettura. Contrariata, in quanto ritengo che questo autore spagnolo sia capace di ben altro, mi sono intestardita e ho caricato a testa bassa il terzo romanzo, “La regina scalza”. Il rapporto con questa storia è stato più intenso, ed ecco quindi la recensione.
Il romanzo prende in esame due piaghe rimaste nella storia d’Europa come macchie indelebili, su cui però spesso si fa un colpevole silenzio. Ricordiamo senza fallo gli orrori dei lager e dei genocidi del XX secolo, ma ci siamo scordati che episodi analoghi si sono verificati a più riprese nell’arco dei secoli, nella civiltà occidentale.
“La regina scalza” tratta sia della schiavitù dei neri, deportati dall’Africa e mandati a lavorare nelle piantagioni coloniali americane, diventando meri oggetti di proprietà la cui unica possibilità di essere liberi – di norma – era la morte, sia le contraddizioni e l’emarginazione del popolo zingaro, giunto in Europa da qualche secolo e fin da subito perseguitato per il disordine sociale di cui si è sempre fatto promotore.
Falcones cerca di gettar luce su questi aspetti imbarazzanti della storia spagnola (e non solo) facendoci vivere la situazione dal di dentro, scegliendo come protagoniste una schiava liberata, la bella e insicura Caridad, e la sfrontata zingarella Milagros, cui la vita insegnerà che i capricci hanno breve vita e la dignità è molto difficile da conservare.
Attraverso l’arco di alcuni anni, si dipanano le vicende di queste due amiche. La prima, abituata a subire e ad eseguire gli ordini, riscoprirà la propria femminilità, la bellezza dei propri canti dolorosi, la capacità di scegliere da sé il proprio destino, e troverà un uomo da amare senza essere costretta a diventare un oggetto sessuale, una bambola muta e obbediente. La piccola Milagros, ballerina e cantante assisterà invece all’arresto e alla persecuzione della propria gente. Impuntandosi su un matrimonio sconveniente con una famiglia rivale, pagherà sulla propria pelle la scelta sbagliata, perdendo la libertà e la dignità.
Falcones tenta l’azzardo di scegliere due donne come protagoniste, e riesce nell’intento di renderle vere e profonde, capaci di attirare il lettore nelle loro vicende e far desiderare di saperne di più, di leggere ancora qualche pagina prima di posare il libro sul comodino. Le descrizioni storiche e geografiche sono inserite con maggiore naturalezza rispetto alla prima opera, a volte perfino con l’utilizzo di dialoghi, mai troppo didascalici.
Lungo la trama si muovono molteplici personaggi, tutti dotati di una personalità propria, ben definita. L’orgoglio gitano si respira in ogni riga che Falcones dedica loro, pur nella descrizione priva di tatto dei loro difetti e dei loro mille modi di aggirare la legge. La pena e la desolazione di Caridad rispecchia il vuoto della schiavitù. La musica è il legante delle loro storie, espressione del dolore come della gioia, arte meravigliosa che restituisce umanità anche ai reietti, agli ultimi della società.
Le note dolenti iniziano a un centinaio di pagine dalla fine. A parte il crescendo di violenza (le descrizioni molto grafiche di stupri e omicidi non mancano e, a mio avviso, sono spesso gratuite), sul finire ho ritrovato i difetti che mi avevano fatto storcere il naso con “La cattedrale del mare”. I personaggi mutano considerevolmente in funzione di ciò che l’autore ha deciso di fare accadere e psicologie così ben modellate pagine prima sfumano e si sfaldano ai bordi, facendo perdere il contatto con le vicende narrate.
Si chiude con un finale quasi poetico, un’immagine toccante ma appiccicata sopra una chiusura frettolosa e poco profonda, che quindi non fa dimenticare il pesante calo di qualità dell’ultima parte del romanzo. Un libro divorato solo al 75%.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
111
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
ciao Valentina, ho letto con interesse la tua recensione in quanto ho avuto modo di leggere questo romanzo appena fu pubblicato e trovo che la tua opinioni sia vicinissima alla mia.
A maggior ragione la tua recensione prende le mosse dopo la lettura dei precedenti romanzi, per gli opportuni raffronti. Io non ho letto altro di Falcones, avrei la mano di Fatima ma se sconsigli pure quello, mi dedicherò ad altro....
In risposta ad un precedente commento
Zine
30 Luglio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Buongiorno Silvia! "La mano di Fatima" proprio non l'ho digerito...è uno dei pochissimi romanzi che ho deciso di abbandonare non finito, è tutto dire! E' un peccato, questo autore ha buone idee ma poi non riesce ad arrivare fino in fondo con lo stesso entusiasmo o almeno con la tecnica narrativa sufficiente a far digerire un finale costruito e affrettato. Peccato...
In risposta ad un precedente commento
Skippy
12 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao! Scusate se mi intrometto. Io trovo invece che la mano di fatima sia il romanzo più bello di questo autore e ti consiglio di leggerlo, perchè comunque leggere non è mai tempo sprecato!
E' un romanzo costruito su fatti realmente accaduti ma poco noti, ovvero il tentativo dei musulmani di creare un testo che avvicinasse la religione cristiana a quella musulmana al fine di evitare altre guerre, e che l'autore coglie come spunto per creare una storia davvero appassionante e commuovente. Praticamente da' un senso a quei reperti storici ritrovati e cerca di farci entrare in un mondo a noi noto solo attraverso pregiudizi e pubblicità negativa. Mi scuso ancora per l'intromissione ma da lettrici penso che ci capiamo ;) ciaoooo
In risposta ad un precedente commento
Zine
18 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Macché intromissione, mi fa piacere scambiare opinioni con chi ha percepito diversamente un libro che ho letto! In realtà ho abbandonato il romanzo quando ormai ero alle ultime duecento pagine, l'ho letto quasi tutto...Temo che il nozionismo, il desiderio di raccontare la Storia più che una storia, abbiano prevalso. Adoro i saggi storici, ma da un romanzo mi aspetto altro, soprattutto una profondità dei personaggi che Falcones ancora non riesce a costruire appieno perché finisce sempre per piegarli alla scaletta di eventi che si è preimposto. Penso, però, che possa ancora migliorare.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri