Dettagli Recensione

 
La regina scalza
 
La regina scalza 2014-10-06 15:29:26 Nadiezda
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    06 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Reina descalza

Da molto tempo leggo i libri di Ildefonso Falcones perché sono storie che non annoiano e ci portano ad amare i protagonisti in un modo così maniacale che terminato il libro sentiamo la loro mancanza.
Come sempre si tratta di un romanzo storico, ed è ambientato principalmente in Spagna.
Tutto però ha inizio a Cuba dove conosciamo Caridad, una schiava nera che ha imparato a lavorare il tabacco per ricavarne dei pregiati sigari.
Caridad diventerà libera perché durante il lungo tragitto verso le coste spagnole il suo padrone muore, però non riesce a godere della sua libertà perché tutti gli uomini che incontra cercano di approfittare di lei e del suo corpo.
Un giorno però un gitano di nome Melchor Vega incrocia la sua strada. Lui è diverso dagli altri e non la tratta come una schiava, ma la fa sentire una donna.
Questo gitano appartiene ad una delle più importanti e fiere famiglie dei gitani, la sua gente non si è mai piegata al volere del re anche a costo di morire, mentre i Garcia pur di scampare alle terribili persecuzioni abbasseranno il capo al volere del monarca.
Melchor farà conoscere Caridad alla sua stupenda nipote Milagros ed alla figlia Ana.
Caridad e Milagros diventeranno grandi amiche, la giovane gitana inizierà a chiamarla Cachita, ma le tragiche vicende porteranno lontane le due donne.
Le vicende di questi gitani e della giovane morena, faranno penare persino il lettore che si ritroverà in ogni capitolo a dover affrontare una nuova disgrazia.
Nessun protagonista avrà vita facile, ma anche se la storia in molti tratti è tragica, le pagine voleranno via in un soffio.
Ci lascerà, come dicevo all'inizio, un vuoto dentro quando terminerà il libro perché questo autore ha il dono di farci innamorare dei protagonisti.
Milagros con il suo entusiasmo, la sua voglia di vivere, la sfrontatezza ed il suo coraggio convincerà il lettore a proseguire la storia fino alla fine.

Che altro voglio aggiungere?
Le storie narrate da questo scrittore non annoiano mai ed inoltre risultano sempre collegate ad un periodo storico ben collocabile nella linea del tempo.

Vi auguro una buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo