Dettagli Recensione

 
La stanza segreta di Anna Frank
 
La stanza segreta di Anna Frank 2015-01-11 06:50:15 VERA MAZZOTTA
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da VERA MAZZOTTA    11 Gennaio, 2015

Nell'Alloggio Segreto

Ho comprato il libro per caso. Una mattina da ‘viaggiatrice per caso’ con la necessità di ingannare l’attesa ed il tempo che mi separava da un evento atteso, desiderato ma già ora parte del passato. Ho letto il Diario di Anna Frank più di una volta e tanti libri di sopravvissuti a quel periodo oscuro, memorie, testimonianze dirette di una crudeltà e disumanità oggi solo, temo, sopita ma confesso di avere una specie di venerazione per Anna Frank e tutto quello che l’ha riguardata, per cui questo libro non lo ho neanche sfogliato. L’ho comprato, iniziato e finito in una giornata. Non mi ha deluso come temevo ma al tempo stesso mi ha lasciato con una sensazione di non completezza. L’ idea di mettersi nei panni di Peter Van Pels, l’adolescente con cui Anna e Margot si sono trovate a dividere l’Alloggio segreto è bella e anche riuscita sotto molti punti di vista. La storia viene rivissuta attraverso gli occhi di un adolescente alle prese con le emozioni forti, le contraddizioni di un adolescente alla ricerca della propria identità di uomo in un momento in cui le Identità vengono invece scientemente annullate: quelle dei deportati nei campi di sterminio o di lavoro come di chi da quei Regimi totalitari, quelli come altri, si è fatto ingannare e li ha sostenuti. Il rimando a ‘Se questo è un uomo’ di Primo Levi è evidente. Peter è nello 'stadio' precedente, non è ancora un uomo: pensa, immagina, dubita, prova rabbia, si ribella, piange, ride, si emoziona, si innamora. Sono le tappe obbligate nel cammino della costruzione di Sé e di una coscienza civile, ma non è ancora un Uomo anzi, mette in dubbio spesso la possibilità di poterlo diventare in quella segregazione forzata nè si rende conto,come potrebbe?, che sono proprio quelli i sentimenti che lo stanno costruendo come tale indipendentemente dall’ identità ‘culturale’ che lo classifica come Ebreo Olandese in cui fatica a riconoscersi. Peter diventa Uomo nel momento stesso in cui tristemente e paradossalmente rinnega ogni forma di umanità spinto dall'unico istinto rimasto, quello di sopravvivenza. Lo stile è semplice. Asciutto. Elegante. Le emozioni arrivano dirette attraverso le parole ma la fine lascia, almeno me, con un sensazione di indefinibile incompletezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Primo Levi. Se questo è un uomo.
Il Diario di Anna Frank
Eva Schloss. Sopravvissuta ad Auschwitz
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù