Dettagli Recensione

 
L'estate dell'amicizia
 
L'estate dell'amicizia 2015-06-12 08:09:27 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    12 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amicizia, letteratura e storia.

Ostenda, estate 1936 lo scrittore Stefan Zweig contempla lo spazio intorno a sé, scrive ed osserva, detta la sua storia alla segretaria ed amante Lotte Altmann fino al solito punto in cui sa che si bloccherà.
E’ un amore timido, riservato, silenzioso quello che lega il cinquantenne letterato alla ventiseienne segretaria, eppure è un sentimento sincero e puro come pochi.
Ed accanto a questo affetto ritrovato uno strano sodalizio d’amicizia lega Zweig, uomo di mondo, autore di bestseller, proprietario di tenute e beni di ogni genere ad un altro letterato del tempo di dieci anni più giovane, Joseph Roth, editorialista culturale della Frankfurter Zeitung, artefice di reportage di modesta fortuna che abita fisso in albergo, bevitore, affabulatore e creatore di opere quali “Giobbe” e “La marcia di Radetzky”, romanzi con cui riesce finalmente ad ottenere la notorietà tanto sperata e che senza esitazione sono messi all’indice e bruciati dalla Germania Nazista. E’ un uomo infelice, perspicace e incattivito, un individuo che cerca la propria salvezza nel passato, nella vecchia Austria, nella Monarchia, in quell’impero che l’ha elevato così in alto da aprire il mondo proprio a lui, ebreo orfano di padre cresciuto lontano dalla grande e magnifica capitale.
Ma non sono soli in quella estate di passaggio, in quei giorni di esilio dal regime i letterati. Accanto a loro spiccano altre personalità del tempo quali Irmgard Keun, Alfred Döblin, Kurt Tucholsky, Egon Erwin Kisch, Hermann Kesten, Ernst Toller, Ernst Weiss, e Heinrich Mann. Ed è con sguardo critico che questi donano nelle loro serate, ritrovi, conversazioni ed uscite l’idea di quello che era il clima del tempo, il preludio di quel che stava per accadere, la fotografia di una civiltà che stava inesorabilmente scivolando verso il baratro. Ognuno con la sua storia, ciascuno con le proprie ideologie e convinzioni, tutti con un’unica grande consapevolezza: non c’è salvezza per chi non esilia da quelle lande in cui scrivere il proprio pensiero, semplicemente vivere, è vietato.
Le vicende narrate da Weidermann sono collocate in un periodo di passaggio, una “ conca” in cui si assiste all’ascesa del nazismo e fascismo in Europa, alla presa di potere di Franco in Spagna, alle sempre più frequenti leggi antisemite, in quello che è un continente ancora inconsapevole degli avvenimenti, silente ai pericoli, cieco alle evidenze. Ma non solo, il tedesco ci offre una panoramica anche sul prima, sui fatti relativi al Primo conflitto Mondiale, nonché a quelli successivi alla seconda e sempre tramite la voce dei suddetti letterati richiama a scrittori caduti nell’oblio, venuti a mancare in tempi diversi e nelle modalità più diversificate.
Non mancano i riferimenti anche ad altri saggisti del tempo quali Huxley e il suo “Il mondo nuovo” ne ad associazioni, club e gruppi quali il PEN formatesi appositamente per dar soccorso agli esiliati, perseguitati politici, fuggitivi che si sono semplicemente permessi di esprimere il loro pensiero.
Scritto sotto la forma di un reportage con uno stile piacevole ed erudito il saggio-romanzo mira a dar voce ai padroni delle parole del tempo dimenticato e ricordato. Uno scritto adatto a chi ama la storia, a chi ha desiderio di un arricchimento vero e proprio, a chi cerca testi di un certo spessore.
Vi lascio con un breve incipit:
«D’altronde, si diventa scrittori proprio per questo, per vedere il mondo in modo diverso, per desiderarne uno diverso e descriverlo diversamente da com’è e da come sarà».

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi cerca romanzi di approfondimento, nello specifico storico e letterario.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Emilio Berra  TO
12 Giugno, 2015
Ultimo aggiornamento:
12 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Interessante recensione, Maria. Prendo nota del titolo del libro. Penso possa interessarmi.
interessante segnalazione, Maria.
non conoscevo questo titolo e ti ho letto con interesse in quanto apprezzo Zweig.
avendo letto parecchi testi dell'autore, in particolare quella che viene definita la sua autobiografia, sarei curiosa di capire se in questo testo è stato rappresentato in maniera convincente Zweig
In risposta ad un precedente commento
Mian88
14 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Non ti nascondo Emlio, e non te lo dico per piacceria bensì perché è la verità, che ci pensavo io stessa mentre lo leggevo. Secondo me può piacerti. :-)
In risposta ad un precedente commento
Mian88
14 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Se hai letto diversi suoi testi credo che possa interessarti Silvia, premetto però che è particolarmente incentrato sulla fase storica in cui egli - così come gli altri letterati del tempo - vertevano e sull'incontro che ha avvalorato quell'estate del 1936 a Ostenda.
Non solo, si, descrive talune delle sue opere ma prevalentemente parla dell'autore quale persona, la sensazione è quella di un reportage sui fatti specifi della cittadina Belga, del prima e del dopo, infine sulle sorti riservate agli scrittori.
Spero possa piacerti :-)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri