Dettagli Recensione

 
I giorni del terrore. La storia segreta della rivoluzione
 
I giorni del terrore. La storia segreta della rivoluzione 2015-08-28 15:34:29 pirata miope
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pirata miope Opinione inserita da pirata miope    28 Agosto, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

RISUSCITA IL REGNO DEL DESPOTA TIBERIO

Con “I giorni del terrore” terza parte della sua “Storia segreta della rivoluzione francese”, la Mantel arriva all’ultimo capitolo del dramma messo in scena, ovvero al momento in cui la palingenesi promessa e auspicata mostra l’altro volto e l’utopia diventa distopia. Cosa è cambiato per Parigi e il suo popolo da quando nel 1793 le teste di Luigi XIV e di Maria Antonietta vengono mostrate sulle picche alla folla delirante come un trofeo? La gente continua a morire di fame e come sostiene uno degli eroi della purificazione al monarca despota subentra una tirannia «che uccide con efficienza e per i piaceri della virtù, beandosi delle sue astrazioni sulle tombe ancora aperte. Così leggendo il regno del “simulatore” Tiberio in Tacito, nel quale il sospetto e la delazione riempiono di sangue la città, Camille Desmoulin è folgorato dall’analogia con la Parigi contemporanea, dominata dal Comitato di salute pubblica. La disamina della Mantel è spietata e non lascia speranza a chi crede nell’utopia: « la rivoluzione è come Saturno: divora i suoi figli» avverte qualcuno e proprio sul graduale corrodersi degli entusiasmi nei protagonisti dell’evento che la scrittrice usa la sua sonda fino a trasformarla pagina per pagina in una bisturi tagliente. Camille Desmoulin contempla la miseria dei concittadini dall’alto delle ricchezza accumulate, Georges Jacques Danton siede sullo scranno del re e chissà se il suo cuore ha mai battuto davvero per la rivoluzione, si chiede la moglie. Infine, il più puro e integerrimo, Maximilien Robespierre davanti al degenerare della situazione non sa più quello che vuole. Gli individui sono fragili o disonesti, hanno molti vizi e poche virtù, ma nessuno da solo è mai responsabile di un’ideale che diventa fanatismo, atto a mascherare perversioni collettive. E che altro è la mitica rivoluzione allora se non un momento di follia….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Belle Greene
Io, Monna Lisa
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo