Dettagli Recensione

 
Amore
 
Amore 2018-10-29 17:13:43 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    29 Ottobre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore non ha età

Elizabeth Von Armin pubblica nel 1925 questo romanzo fortemente autobiografico nel quale si narra l’intensa storia d’amore tra l’affascinante quarantasettenne Catherine ed il giovane Christopher, di 22 anni più giovane di lei. Forse ai giorni nostri, ormai abituati a questo tipo di liaison tra donne più grandi e uomini molto più giovani che incarnano la figura del “toy boy”, può apparire normale ma non certamente in quell’epoca, quando le convenzioni sociali e l’ipocrisia borghese imponevano il rispetto di rigide regole per evitare lo scandalo. Catherine è una donna rimasta vedova, con una figlia sposata e incinta. E’ una madre insomma e “Le madri, per essere interamente soddisfacenti, dovevano essere votate al sacrificio, solo il sacrificio e null’altro….Non dovevano desiderare altra felicità…”. Catherine si trova pertanto isolata davanti a questa sua follia (“L’amore non è opportuno. L’amore è splendido e spudorato”) e vede ergersi un muro formato dall’ostilità e diffidenza di parenti come il genero, la consuocera, alcuni amici e conoscenti. Lei stessa per prima è poi assalita da legittimi dubbi visti gli inevitabili nodi al pettine che a lungo andare, una relazione del genere, comporta, tenuto anche conto dell’incontenibile entusiasmo del giovane spasimante (“Era una vera sfortuna che il caso le avesse fatto incontrare l’unico ragazzo su dieci milioni, supponeva, abbastanza matto da innamorarsi di lei…”).

La Von Armin affronta dunque un tema delicato, spinoso e che prende spunto da episodi vissuti in prima persona, attraverso un romanzo godibile, mai noioso, adottando allo stesso tempo uno stile leggero e pregno di un notevole senso dell’umorismo. Indimenticabili risultano le caricature del bigotto genero, pastore anglicano anche lui tra l’altro molto più grande della donna che ha sposato (la figlia di Catherine) e della consuocera. Molto realistiche anche le considerazioni sui rapporti domestici tra parenti, soprattutto quando si tratta di sopportarne la presenza come ospite (“L’ospite è un essere indifeso; una suocera ospite è un essere molto indifeso; una suocera ospite non richiesta è una creatura legata mani e piedi”).
Proseguendo nella lettura però, la spensieratezza e l’umorismo lasceranno progressivamente spazio a temi molto più seri ed anche drammatici, come ne testimonia in qualche modo il finale, direi abbastanza imprevedibile ed inatteso ma allo stesso tempo molto intelligente. L’autrice, attraverso alcuni discutibili comportamenti della sua protagonista, ha il pregio di porre davanti agli occhi del lettore, alcune inevitabili considerazioni sulle potenziali dinamiche correlate a rapporti in cui la differenza di età è così evidente. Allo stesso tempo però introduce interessanti riflessioni sul tema dell’amore, la stessa parola che dà il titolo al romanzo e che alla fine può rappresentare la soluzione a tutti i problemi (“l’amore deve imparare a dare…quando è vero, è anche generoso, non chiede nulla e lascia liberi..”) .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama la letteratura anglosassone...con punte di romanticismo!
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bella presentazione, Gabriele. A me questa scrittrice piace solo quando è scopertamente autobiografica, come quando descrive il suo giardino e il suo rapporto con la natura. Quando inventa storie, mi pare si scopra facilmente l'artificio. Questo libro mi pare appartenga maggiormente al primo filone, ma non l'ho letto personalmente.
Ciao Emilio...si confermo che il libro è assolutamente autobiografico, come viene raccontato nella postfazione...anzi a dirla tutta nella realtà quando successe lei ne aveva 54 e lui 24....Altri libri non ne ho letti, magari più avanti vedremo:)
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri