Dettagli Recensione

 
I gerani di Barcellona. La saga dei Torres
 
I gerani di Barcellona. La saga dei Torres 2021-06-17 21:25:22 ALI77
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    17 Giugno, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA SAGA FAMIGLIARE INSIPIDA

I protagonisti principali di questo libro sono Rosario e Tobias, due giovani ragazzi che si ritrovano a vivere nella Barcellona prima della seconda guerra mondiale. Tobias torna in Spagna dopo essere andato in America e Rosario ha il sogno di diventare una cantante.
Al di là della trama che ho trovato poco coinvolgente ma che non è sicuramente il peggior difetto di questo libro, passiamo a quello che mi ha davvero sconvolto: lo stile dell'autrice, se si può definire tale.
La narrazione è piatta, insipida, una mera cronaca di quello che succede, un fatto dietro l'altro senza alcuna emozione, i protagonisti non mi hanno trasmesso nulla.
Questo libro ripercorre la storia vera dei nonni dell'autrice, credo che la Pobla sia stata troppo ambiziosa, l'idea sicuramente era buona ma è stata sviluppata male, la scrittura è molto semplice, anzi elementare e ho trovato dei difetti per quanto riguarda la struttura narrativa.
Mi spiego meglio.
I personaggi non sono delineati, sono banali e scialbi, sono descritti in maniera superficiale, non sono riuscita a capire ne come siano fisicamente ben che meno ho trovato un'analisi a livello psicologico.
I dialoghi sono inesistenti, ho trovato che l'intreccio narrativo sia un semplice elenco dei fatti, come se l'autrice si fosse creata una scaletta e l'abbia trascritta senza aggiungere nulla.
E' come se mancasse lo zampino dell'autrice, proprio quel qualcosa che rende la narrazione coinvolgente e appassionante ma anche credibile, non so se questo sia dovuto al poco talento dell'autrice oppure sia legato a un progetto narrativo troppo "grande" per la sua esperienza come scrittrice.
I primi capitoli non sono così disastrosi ma poi il romanzo precipita verso un punto di non ritorno.
Quello che non riesco proprio a superare sono i personaggi che risultano freddi e "solo su carta" non li conosciamo, non sappiamo cosa provano se non marginalmente, non risultano verosimili, manca proprio una sorta di "introspezione" che ce li avrebbe resi "umani e reali".
Ad un certo punto mi sono chiesta cosa stessi leggendo, poteva essere davvero qualsiasi cosa, gli ingredienti per una ricetta o un elenco della spesa.
Credo che in questo libro non esca la vera personalità dell'autrice, potrebbe essere scritto da chiunque questo romanzo, non ho riconosciuto uno stile, è tutto così insipido.
Non vedo nessun lato positivo, la storia tra i due protagonisti non la riesco a valutare perché non riesco ad andare oltre ad una narrazione che sicuramente risulta lenta e poco appassionate.
Non credo che il problema sia il genere inteso come saga famigliare, il vero difetto di questo romanzo è come ci viene raccontata la storia e purtroppo ci vuole uno sforzo in più per rendere un insieme di avvenimenti un libro.
Mi dispiace ma io sconsiglio la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri