Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror C'è un cadavere al Bioparco
 

C'è un cadavere al Bioparco C'è un cadavere al Bioparco

C'è un cadavere al Bioparco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Dopo la felice soluzione del caso del bambino scomparso, il commissario Buonvino si gode la quiete ritrovata del parco di Villa Borghese e le gioie dell’amore. Ma è una tregua di breve durata: un cadavere abbandonato nel rettilario del Bioparco, il giardino zoologico della capitale, rappresenta una brutta gatta da pelare per il nostro eroe, che si dà il caso sia erpetofobico e provi un terrore atavico per qualsiasi tipo di rettile. Come ci è finito il corpo di un uomo nudo dentro la teca dell’anaconda? E com’è finita nella pancia del gigantesco serpente la testa di quella persona? Sono solo alcuni degli interrogativi senza risposta tra i quali il commissario e i suoi impavidi quanto scombinati agenti si barcamenano nel tentativo di risolvere quello che appare un vero e proprio rompicapo. Quasi ci trovassimo nel più intricato dei gialli di Agatha Christie, Buonvino dovrà dar fondo a tutto il suo acume e alle sue capacità deduttive per sbrogliare i fili di una complessa indagine in cui gli indizi scarseggiano e i sospettati abbondano, smascherando infine il colpevole.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
C'è un cadavere al Bioparco 2021-10-31 07:44:16 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Ottobre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buonvino e l'anaconda

Torna Walter Veltroni e la sua felice creatura di carta, il commissario Buonvino, ne C’è un cadavere al bioparco, edito da Marsilio. Dopo aver pubblicato Assassinio a Villa Borghese, Buonvino e il caso del bambino scomparso, Walter Veltroni torna a stupirci, raccontando le imprese di un commissario di stanza all’interno della fascinosa Villa Borghese a Roma, ove, in teoria, non dovrebbe mai accadere nulla. Ma …
In questo romanzo Buonvino è alle prese con un cadavere alquanto inusuale: un uomo viene trovato morto all’interno del Bioparco, e più precisamente all’interno della teca che ospita l’anaconda. L’uomo è stato ucciso recidendogli la testa , data in pasto al serpente, e il corpo nudo stritolato, invece, dalla stessa anaconda. Chi ha compiuto un delitto così atroce? E a chi appartengono i resti della povera vittima?
Il commissario è oltremodo terrorizzato, perché è erpetofobico, e quindi prova un terrore atavico verso qualsiasi tipo di rettile; così non sarà facile per lui condurre queste indagini.
L’ambientazione nel bioparco di Roma è , sicuramente, la seconda protagonista di questo libro. Resa con perizia di particolari e precisione assoluta, non si può guardare ad essa se non con accresciuto stupore:
“A quel tempo l’area circostante in origine denominata “campagna” di Villa Borghese, contava dodici ettari, che alla fine degli anni Venti sarebbero arrivati agli attuali diciassette. Hagenbeck aveva sostituito gran parte delle gabbie con dei più accoglienti fossati, nel tentativo di allestire degli ambienti che almeno simulassero, spesso con il ricorso a tecniche scenografiche, l’habitat naturale delle specie ospitate. Allora lo zoo non aveva finalità scientifiche, e neanche educative. Era solo un luogo di spettacolo. “
Il libro risponde bene alle caratteristiche del genere a cui appartiene. La trama è solida e ben congegnata, i personaggi vividamente descritti. Nel complesso una storia dei giorni nostri costruita con sapienza narrativa, che si legge tutta di un fiato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha amato le precedenti storie: Assassinio a Villa Borghese e Buonvino e il caso del bambino scomparso.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri