Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Con tanto affetto ti ammazzerò
 

Con tanto affetto ti ammazzerò Con tanto affetto ti ammazzerò

Con tanto affetto ti ammazzerò

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


A Villa Roccaromana, una delle dimore marine più affascinanti di Posillipo, si festeggia il novantesimo compleanno della baronessa Elena De Flavis, la cui nobiltà d'animo è riconosciuta in tutta Napoli. L'ispettore Gianni Scapece, tra gli invitati insieme al commissario Carlo Improta, si gode la serata e la conoscenza di Naomi, incantevole nipote della padrona di casa. Tutto scorre con piacevolezza finché qualcuno decide di mettere in scena il finimondo: proprio quando un tenore attacca a cantare Nessun dorma, molti dei presenti iniziano a perdere i sensi, uno dopo l'altro. Nella gran confusione che segue, la baronessa scompare insieme al suo maggiordomo cingalese Kiribaba. Un rapimento? Un suicidio? Un tragico incidente? Il mistero prende una brutta piega quando Scapece e Improta incontrano i tre figli della baronessa, per nulla sconvolti dall'accaduto e interessati piuttosto alla spartizione dell'eredità. È l'inizio di una complicata indagine tra i rancori, le gelosie e le meschinità che a volte distruggono i legami familiari; ma per fortuna l'ispettore e il commissario saranno spalleggiati da un'altra famiglia, quella dei Vitiello e della trattoria Parthenope, fonte inesauribile di buonumore e di trovate geniali.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Con tanto affetto ti ammazzerò 2019-11-28 11:50:21 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    28 Novembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quel che conta davvero

“Con tanto affetto, ti ammazzerò” questa dedica che ne costituisce il titolo sembra indicare, con tutta evidenza, a prima vista, un libro comico, solo un giallo “buono”, divertente, come a dire un allegro e scherzoso romanzo leggero, tipico delle letture estive sotto l’ombrellone, nulla di profondo e di impegnativo.
Niente di più sbagliato: questo dello scrittore napoletano Pino Imperatore è sì un libro che suscita più di un sorriso e qualche sana e schietta risata, ma non solo, a mio modesto parere, è ancor di più, è qualcosa di più sottile, intenso e significativo, direi una vera e propria metafora dei sentimenti umani.
Ambientato naturalmente a Napoli, nella città che del sentimento in tutte le sue sfaccettature, dal tragico al comico al grottesco, è la capitale morale ed un campione altamente rappresentativo, in estrema sintesi la storia si snoda ponendo a confronto gruppi di personaggi contrapposti sotto ogni profilo, ciascuno a sé stante, che rappresentano gli antipodi dell’umana avventura del vivere.
Facciamo subito conoscenza, per esempio, con la ricchissima e aristocratica famiglia dei De Flavis, diretta con piglio energico dall’anziana baronessa Elena, generosa filantropa e costante finanziatrice di svariate e numerose attività benefiche a favore dei più poveri e derelitti della città, supportata per indole e sentimenti dalla sodale nipote Naomi, a cui fanno da contraltare i tre figlioli della baronessa, tre brutte persone, pusillanimi, negative, quanto di più deleterio possa partorire la progenie umana in fatto di egoismo e pura cattiveria. Sono figli degeneri, aberrazioni genetiche dell’anziana genitrice, autentici parassiti che sprecano la loro miserabile esistenza vivendo dissolutamente e sfacciatamente, senza pudore e senza vergogna, alle spalle della ricca madre, non solo, auspicandone addirittura la fine prematura al fine di impossessarsi dell’eredità prima che l’anziana genitrice dilapidi, scioccamente a loro parere, ulteriori somme a favore dei miserabili diseredati che assiste.
Ancora, fa da contraltare a questo nido di cattiverie un altro gruppo eterogeneo e per nulla inverosimile di agenti di polizia in servizio in un commissariato di polizia, i quali ben volentieri sono di fatto supportati, magari anche solo moralmente, nelle loro fatiche, dall’ intera famiglia allargata, pets compresi, dei proprietari della Trattoria Parthenope, dove gli agenti suddetti consumano la loro pausa pranzo e che è diventata in pratica una succursale del commissariato stesso, data la schietta commistione e simbiosi creatasi tra agenti e ristoratori, assai più che amici e sodali confidenti.
Giacché l’elemento comune che accomuna i personaggi di questo gruppo di sodali investigatori istituzionali e no, è la condivisione dei normali buoni sentimenti, la solidarietà, la condivisione, la banale bontà quotidiana frammista al semplice buon senso del padre di famiglia.
Il romanzo di Pino Imperatore, quindi, pone in essere l’eterno conflitto tra bene e male, tra l’egoismo e l’altruismo, l’avidità e la solidarietà, la grettezza e la condivisione.
Lo fa in maniera paradossale, e perciò comica, strappa il sorriso, ma fa anche riflettere, è un riso amaro, alla Eduardo, per intenderci. Fatti i dovuti confronti, così come Eduardo De Filippo faceva sorridere ma anche indignare con la messa in scena dei drammi quotidiani del suo popolo, così Pino imperatore ci fa ridere...e anche un po' storcere la bocca. Poiché, come egli stesso racconta nella post-fazione, il senso ultimo della sua opera è la sua raggiunta consapevolezza che si giunge ad una età in cui ci si accorge che glia anni già vissuti hanno superato di gran lunga quelli ancora da vivere.
Tempo di bilanci, dunque, tempo in cui tutte le grettezze umane si spogliano della loro futile importanza e si sente il bisogno di concentrarsi sulle cose essenziali della vita, per esempio gli affetti.
Quegli stessi che, magari, quando estremizzati, ti farebbero volentieri ammazzare chi ti suscita disappunto.
Ma non ne vale la pena, appunto, meglio concentrarsi solo sugli affetti: questo è quanto, in sintesi, con gradevole sincerità, ci dice Pino imperatore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi conosce Pino Imperatore, e a chi concorda che, in fondo, ciò che conta davvero è vivere nel bene. per bene. Facendo il bene: ciascuno a suo modo.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Con tanto affetto ti ammazzerò 2019-10-29 12:06:24 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    29 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Coinvolgente e, in certi tratti, esilarante

Pino Imperatore mi ha ispirato subito simpatia. Certo, c'è da dire che uno scrittore che fa dell'umorismo il suo cardine e che fallisca in questo fondamentale non varrebbe poi molto. Beh, partiamo dal presupposto che oggi non è poi così scontato che chi debba far ridere effettivamente ci riesca. Pino Imperatore ha tuttavia qualcosa in più: quella napoletanità genuina che dalla sua penna emerge in maniera evidentissima. Umorismo colorito, vivacità, amore viscerale verso la propria terra e l'autoironia necessaria per ridere degli stereotipi che a Napoli vengono affibiati ogni giorno. Da napoletano l'ho apprezzato molto.
La storia di base, che alla fine è un giallo piuttosto ordinario, si colora di personaggi super-simpatici, divertenti, che si rendono protagonisti di siparietti divertentissimi, che servono a stemperare il clima di tensione che un giallo necessita per chiamarsi tale. Faremo la conoscenza del nostro protagonista, l'ispettore Scapece: poliziotto Dongiovanni che le stende tutte con la sua avvenenza e intelligenza; del commissario Improta che col suo ispettore crea una coppia riuscitissima; della variegata famiglia Vitiello, proprietaria della trattoria Parthenope in cui Scapece ama trattenersi per un lauto pasto ma anche per godersi con la bella figlia di uno dei proprietari. Una famiglia variegata ed esilarante (soprattutto nonno Ciccio e il cane: Zorro) che darà il suo ufficioso contributo alle indagini di Scapece, che in “Con tanto affetto ti ammazzerò” si concentrano sulla scomparsa di una nobile napoletana.

La storia ha inizio durante i festeggiamenti del novantesimo compleanno della baronessa Elena De Flavis, in villa Roccaromana a Posillipo. Nel bel mezzo della festa tutti sembrano diventare preda di malori e svenimenti. Nel caos che ne consegue, la baronessa e il suo maggiordomo spariscono misteriosamente. Scapece e Improta, presenti alla festa come semplici ospiti, si troveranno anche in quel caso a vestire i panni dei poliziotti, per scoprire che fine ha fatto la De Flavis.
Tra momenti di pura investigazione e scene scritte appositamente per stemperare e divertire il lettore, saremo spettatori della risoluzione di un caso che alla fine ci porrà di fronte a un vero dilemma morale, spingendoci a interrogarci su cosa è giusto e cosa non lo è, così come lo faranno i nostri protagonisti.

"Io ho quasi sempre vissuto qui, fin dalla nascita. Questa residenza è stata la mia culla e il mio fortino; mi ha protetta, mi ha allietata, mi ha tenuto al riparo dalle tempeste della vita. Ora però è venuto il momento di tirare i remi in barca; gli anni dell'ardore sono lontani. È cosa saggia riposarsi, quando la debolezza si fa onerosa e i ricordi sono fuor di misura. Essere vecchi è un brutto mestiere."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Con tanto affetto ti ammazzerò 2019-08-31 13:44:56 Clangi89
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    31 Agosto, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qualcuno ha detto maggiordomo?

Italianità, colori e sentori della costiera amalfitana, misteri, scogli, mare e voci: ecco le sensazioni che mi hanno coinvolta sin dalla prime righe uscite dalla penna di Imperatore. Con tanto affetto ti ammazzeró ha rappresentato, per me, una lettura distensiva, adatta alle ultime giornate estive mentre l'afa lascia lo spazio alle prime piacevoli brezze settembrine.

Nel corso della sera di gala volta ai festeggiamenti del novantesimo compleanno di Elena De Flavis (Baronessa) mentre una schiera di invitati drogati a loro insaputa crolla in maniera rocambolesca, sparisce l'anziana donna ed il suo maggiordomo, Kiribaba.
L'affascinante ispettore Scapece presente alla festa nella sontuosa villa Roccaromana da il via alle indagini assieme al commissario Carlo Improta. L'attività investigativa non può non essere supportata da una tavolozza di personaggi calorosi, grintosi e dotati di un forte senso di unità e spirito di solidarietà. La famiglia allargata dei Vitiello che ruota attorno all'osteria Partenophe è infatti coinvolta nelle ricerche, nelle ispezioni e nelle perplessità che Scapece, fin da subito, nutre verso i figli della Baronessa, tali Roberto, Emilia e Simone, persone senza scrupoli, avidi di denaro, viscidi ed indifferenti; l'opposto della loro madre, donna di nobili origini quanto d'animo profondo e caritatevole.
Le vie seguite dall'ispettore conducono nelle spettacolari ville dei figli della nobildonna, all'interno delle quali si celano passati nebulosi, rapporti disintegrati e spinosi. Le vicende si arricchiscono di spaccati della vita partenopea e portano a svolte inattese anche grazie all'aiuto canino di Zorro, l'immancabile quadrupede della famiglia Vitiello, al quale è impossibile non provare simpatia e affetto!
Il ritrovamento di un cadavere; la baronessa a quanto pare è defunta ma dov'è il maggiordomo? Che poi è risaputo, il maggiordomo è sempre colpevole secondo la migliore tradizione investigativa (!). Nel mentre il testamento della Baronessa viene ufficialmente letto e qualcosa cambia di improvviso.
Soldi e felicità sono messi a confronto perché "a ben vedere, le ricchezze materiali si riducono a poca cosa dinnanzi alla privazione di un affetto, di un conforto, di un benevolo aiuto. Sono più coerenti e sereni coloro che viaggiano da soli con un carico d'oro in un deserto o quelli che lo attraversano nudo godendo della compagnia di propri simili di cui si fidano ciecamente? "
Ogni personaggio interviene a modo suo, lasciando il proprio zampino ed il proprio intuito per rintracciare il fino conduttore che lega tutti i tasselli che mano a mano si aggiungono.
Nel racconto siamo immersi nei sentimenti e nelle impressioni che animano ed arricchiscono le descrizioni e le curiosità dei luoghi napoletani permettendoci di seguire le ricerche con la splendida ironia e l'attenzione che non mancano mai da parte dell'autore. Imperatore infatti saggiamente affianca personaggi contrapposti e dotati di sfumature psicologiche scure e grigie a soggetti caratterizzati da slanci e passioni coinvolgenti. L'ironia non è mai sinonimo di frivolezza e la trama è scorrevole, piacevole e molto molto pittoresca.
Napoli, sentori e calore umano arricchiscono i contrasti tra dovere ed etica e qui mi fermo altrimenti rovino il finale, dolce e agrumato, amorevole e sofferto che intrattiene il lettore fino all'ultima riga.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Con tanto affetto ti ammazzerò 2019-06-12 07:54:27 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    12 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo alla "napoletana"

Pino Imperatore scrive Con tanto affetto ti ammazzerò, un giallo davvero simpatico, travolgente ed ironico. Mi sono divertita tantissimo a leggerlo. Una lettura di evasione che non vuole dire scarsa qualità, semmai il contrario. Un libro che spesso fa sorridere, che travolge il lettore con simpatia ed affetto. A Villa Roccaromana, casa situata nelle alture di Posillipo, ovvero:
“A picco sulle onde del golfo di Napoli, un luogo di delizie il cui simbolo, visibile soltanto dal mare, era una torretta col tetto a pagoda”.
In tale magnificenza vive la baronessa Elena De Flavis,
“donna di classe e di garbo, ultima discendente della casata dei baroni di San Pizzo, due volte vedova e per cinque volte insignita del titolo di “Filantropa napoletana dell’anno”;
la quale, per festeggiare il proprio compleanno, organizza un ricevimento lussuoso, in cui invita tutte le persone che contano a Napoli, compresi il questore, ma soprattutto l’ispettore Gianni Scapece e il commiissaio Carlo Improta. Una coppia agli antipodi:
“Il commissario, poco più che sessantenne, non aveva un fisico da passerella; era tracagnotto, compatto, tutto muscoli e nervi . (…) Scapece, una ventina di anni più giovane, aveva tutt’altre fattezze: corpo atletico, viso da macho, occhi color argento, capelli neri spruzzati di bianco alle tempie e un sorriso in cui la gioia di vivere si fondeva con la malinconia.”
Ad un tratto la maggior parte degli invitati cadono giù come birilli, narcotizzati e la baronessa con il suo fidato domestico Kiribaba, scompare. Che è successo? E come ritrovarla? Inizia una indagine complessa, all’interno di beghe e rancori familiari, di gelosie e meschinità, di avidità e di sete di denaro.
Un bel giallo, dalle tipiche atmosfere napoletane, rilassanti e gioiose. Una investigazione, però, corretta e profonda. Una ambientazione solare descritta con meticolosità che affascina e stupisce. Una storia ben costruita ed offerta con particolare sapienza ed acume narrativo. Ottimo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri