Il brigatista Il brigatista

Il brigatista

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Spiaggia di Castelporziano, luglio ’79. Durante il Festival dei poeti due militanti delle Br vengono arrestati in una sparatoria. Uno dei due, Jacopo Varega riesce a scappare dall’ospedale in cui è stato ricoverato, e a Roma si apre la più grande caccia all’uomo dai tempi del rapimento Moro. Pochi giorni dopo la giornalista televisiva Ornella Gianca riceve una telefonata: dal suo nascondiglio in un appartamento disabitato della periferia romana, Varega ha deciso di rivelare il nome di chi lo ha tradito e di raccontare, davanti a una telecamera, il decennio dell’odio, iniziato il 12 dicembre del 1969 con la strage di piazza Fontana a Milano. Con il ritmo serrato di un thriller, tra snodi storici e intrecci sentimentali, entriamo nella mente del brigatista per indagare le ragioni che spinsero un gruppo di giovani a imbracciare le armi e uccidere. Questa è la storia della caccia ai brigatisti da parte degli uomini del generale Dalla Chiesa, ed è la storia dell'Italia. L’Italia eversiva delle stragi e della strategia della tensione; l’Italia della cacciata di Lama dall’università, dei poliziotteschi, dell’epidemia di colera a Napoli e della diffusione dell’eroina. L'Italia di Aldo Moro, del commissario Calabresi, di Indro Montanelli e Gian Maria Volonté. Un paese in cui la verità è sempre stata una contraddizione, un intrigo internazionale, ma anche una questione privata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il brigatista 2021-01-18 18:10:34 luvina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    18 Gennaio, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La goccia sulla pietra rovente

E’ il 29 giugno 1979, sulla spiaggia di Castelporziano durante un happening di poesia vengono arrestati due appartenenti alle BR Jacopo Varega e Irene Lotti. Varega, ferito, viene portato in un ospedale da dove evade il giorno dopo. Dal suo rifugio contatta Ornella Gianca la giornalista televisiva di TeleGiove che aveva ripreso il suo arresto e le rilascia un’intervista fiume nella quale racconta la sua storia degli ultimi dieci anni che è pure la storia tragica di un intero Paese, l’Italia degli anni di Piombo.
Attraverso il racconto di Varega, alias Vladimiro, conosceremo fatti e personaggi reali che vanno ad intrecciarsi con fatti e vite di personaggi creati dall’autore che però hanno l’importanza di reggere la trama fiction (quasi un thriller) e anche lo scopo di far rivivere al lettore il mood di quegli anni, il modo di vestire, di parlare, di vivere. Il punto di forza di questo romanzo (una vera e propria docu fiction) è proprio questa commistione, per mezzo della quale Iovane ci racconta anche retroscena veri, presunti e/o plausibili di eventi che hanno cambiato le sorti del Paese.
L’autore Antonio Iovane, un giornalista di radio Capital, usa una scrittura pulita, incisiva ma mai banale che aiuta moltissimo il lettore ad immedesimarsi in quel periodo storico molto ben narrato nonostante Iovane sia nato nel 1974. Anche la trama fiction è molto realistica e ricca di personaggi molto ben caratterizzati; il personaggio che in un certo senso fa da filo conduttore con tutti gli altri è Marina, una studentessa femminista (ovviamente come lo si era negli anni ‘70) che conosciamo all’inizio del libro e che alla fine riflette anche la perdita di “impegno” da parte dei giovani iniziando così gli anni del riflusso -”Non sarà Dalla Chiesa che sconfiggerà le Brigate Rosse …… sarà John Travolta”-
Pregio di Iovane è anche aver creato una storia nella quale, con un finale sorprendente, ci palesa che il privato molto spesso si confondeva con il politico, a differenza di quello che veniva sostenuto in quegli anni, e che i sentimenti, positivi o negativi che siano, prima o poi vengono fuori proprio perché siamo uomini non automi.
“Il brigatista” è una lettura godibile, istruttiva e piacevole che mi sento di consigliare soprattutto a coloro che non hanno vissuto quel periodo storico perché potranno scoprirlo non solo attraverso il racconto dei tragici episodi più noti o per mezzo delle vite private dei molti personaggi, ma anche attraverso lo sguardo aperto dell’autore sul giornalismo mediatico di quegli anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il brigatista 2019-10-20 22:50:44 annamariabalzano43
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    21 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come raccontare la storia oggi


La letteratura, si sa, è espressione di un’epoca, ne interpreta le tensioni, le contraddizioni, le aspirazioni sociali e politiche. Il romanzo, con la sua prosa, ora semplice, ora complessa, è stata ed è la forma più idonea a raggiungere un vasto pubblico. Tra tutte le forme di romanzo, quella che oggi torna ad essere al centro dell’interesse dei lettori è il romanzo storico. Certamente cambia la narrazione se si considerano le origini del genere, dai tempi di Walter Scott o di Stendhal o anche di Alessandro Manzoni. In quei casi ci troviamo di fronte a periodi storici ben documentati sullo sfondo dei quali si muovono personaggi del tutto fittizi. Il mutare dei tempi, una realtà complessa e inquietante, fatta spesso di violenza e disincanto hanno prodotto un nuovo genere di romanzo storico che può senz’altro definirsi romanzo-documento. Certamente non si può negare l’insegnamento del passato, ma oggi si sente l’esigenza di far muovere sulla scena personaggi realmente esistiti, sia pure a volte celati dietro maschere, unicamente per motivi di rispettosa opportunità. Nascono così opere come “M, il figlio del secolo” di Scurati, documentatissimo romanzo sull’ascesa di Mussolini, o anche “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci, la storia vera della famiglia Florio. È con questa esigenza di realismo che si muove anche Antonio Iovane, che ricostruisce, dando spazio alla fantasia solo quel tanto necessario a soddisfare il legittimo istinto creativo dell’artista, uno dei periodi più bui della storia italiana, dalla strage di piazza Fontana al rapimento Dozier.
Ciò che è interessante, in questo libro, è che il lettore ha la possibilità di muoversi insieme ai personaggi, ponendosi dal loro punto di vista di fronte agli eventi narrati. Con equilibrio e mai con faziosità Iovane rappresenta le illusioni e le disillusioni di un gruppo di giovani fanatici di un’ideologia degenerata in azioni disumane e aberranti, così come rappresenta le contraddizioni esistenti nel mondo dell’informazione, della politica, delle forze dell’ordine. Un mondo dove tutti sono buoni e cattivi, dove l’uomo riesce forse solo nel suo incoffessabile intimo ad ammettere la verità su se stesso.
Un accenno doveroso si deve alla copertina, che rispecchia il contenuto del libro: un’immagine, che con una certa audacia si potrebbe definire “cubista”, rappresenta un volto umano scomposto. È questa la condizione dell’uomo contemporaneo, dell’uomo in assoluto, alla ricerca di una ricomposta unitarietà del proprio essere. Un’immagine che non si riferisce solo al protagonista, dunque, ma a ogni personaggio del libro, espressione della nostra tormentata epoca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri