L'onore e il silenzio L'onore e il silenzio

L'onore e il silenzio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Il 1924 non è scandito dalle lancette dell’orologio ma dagli sbuffi della locomotiva, che significano progresso. Lo sanno bene nella placida Borgodivalle, scossa dal clangore dei colpi sulle traverse d’acciaio e dal ritrovamento, proprio sotto al moderno ponte in ferro, del corpo senza vita dell’ingegnere Alessi. I lavori si fermano e la cittadina piomba nel caos. Per ripristinare l’ordine e assicurare i colpevoli alla giustizia, è inviato sul posto il brigadiere Maisano, disilluso gregario alle prese con il ruolo dell’indagatore. Lo affiancano nella ricerca della verità il suo tic all’occhio sinistro e l’indolente appuntato Varcone. Mentre antiche ruggini e velenose dicerie serpeggiano ovunque, Maisano sarà costretto al viavai “lungo linea”, e a spingersi nella fitta boscaglia, sulle colline rifugio di latitanti e donne coriacee, inseguendo la sanguinosa pista dell’onore. Anche Gennaro Loiacono, il venerando caposquadra degli operai del cantiere ferroviario, prenderà parte alle indagini, nella speranza che i suoi uomini si tengano lontani dai guai. Gianni Mattencini riavvolge il nastro del tempo per tessere la trama di un giallo intenso e solenne. In un immaginario sobborgo dalle tinte western e dall’atmosfera sospesa, lascia echeggiare le mille voci di un popolo, che da un lontano passato illuminano le contraddizioni del presente.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'onore e il silenzio 2018-12-05 18:03:48 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Dicembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un antico omicidio di 'ndrangheta o no?

Gianni Mattencini, magistrato barese, ha pubblicato Nel cortile e poco oltre e I segreti degli altri. Ora torna in libreria con L’onore e il silenzio: una vicenda che risale all’indietro nel tempo, in un ambito che fu, dove vigevano leggi e morali differenti dalle attuali.
Siamo nel 1924 in Calabria, dove:
“il progresso ha il sapore del sangue”.
Il progresso ha infatti rappresentato per una piccola cittadina calabrese un avanzamento ma al contempo anche un grande scompiglio. Infatti si sta costruendo ed ampliando la rete ferroviaria, quando:
“Prima di loro Borgodivalle vive l’esistenza tranquilla della povertà; l’esistenza dimenticata dei treni che passano in stazione senza fermarsi o senza che ne scenda o ne salga qualcuno. (…) Erano stati loro ad accendere speranze, risvegliando voglie e appetiti.”.
In tale contesto viene trovato il cadavere dell’ingegnere Alessandro Alessi, responsabile capo dei lavori, orribilmente mutilato. E il suo è un cadavere che parla:
“Hai voglia, se parlava. Diceva tutto quello che c’era da dire: punito per uno sgarbo verso una donna.”.
Ad occuparsi delle indagini è il brigadiere Malsano, affetto da uno strano e fastidioso tic all’occhio sinistro, e per lui non sarà facile orientarsi in un mondo di omertà, di falsità, di cose non dette.
Un giallo di un tempo passato, prodromo dell’attualità. Un tempo di valori differenti dagli attuali, dove:
“Il progresso. Perpetrato a costo di sventrare un altro pezzo di bosco, di violare le sponde di un fiume, di turbare la placida vita di un borgo con i suoi ritmi lenti e che adesso vedeva eccitata la fantasia dalle novità che portavano denaro.”.
Un noir di ottimo spessore narrativo, ben congegnato e dal finale sorprendente. Una lettura colta e fascinosa per una trama abile e perfetta. Un finale inaspettato aggiunge qualità ulteriore ad una bella lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri