Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Milano non ha memoria. Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate
 

Milano non ha memoria. Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate Milano non ha memoria. Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate

Milano non ha memoria. Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nelle vicinanze del commissariato di Lambrate si consuma l'ennesimo assassinio di un extracomunitario. Una fitta serie di depistaggi viene messa in atto per deviare le indagini del commissario Lorenzi da una verità sconvolgente. Chi sono Gladio, Alfa e Vittoria? Che ruolo svolge il club privato Audace sul Naviglio Grande? Che segreto nasconde il camper abbandonato a pochi passi dalla sede del commissariato? Quali particolari conosce Tina, la vecchia staffetta partigiana? Mentre Layla, giovane moglie del migrante ucciso, combatte per difendere l'onore della sua famiglia, Cristina Petruzzi, giornalista di Radio Popolare, e la free-lance Marta Jovine conducono un'inchiesta parallela. Sarà però il commissario Lorenzi, tormentato dalla storia d'amore con la reporter della famosa emittente, in un finale tragico, a svelarci come nel nostro paese la libertà sia a rischio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Milano non ha memoria. Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate 2016-08-07 13:14:16 catcarlo
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    07 Agosto, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si può dare di più

L’ambientazione milanese, in prevalenza a Lambrate con qualche importante deviazione sui Navigli, ha il suo fascino sottile (specie sul sottoscritto) e l’intreccio giallo con intense sfumature noir, malgrado alcune sbavature, tiene fino al colpo di scena finale: sebbene quest’ultimo non si possa definire inatteso, le pagine dedicate all’investigazione sanno coinvolgere grazie a un ritmo e a una scansione che costringono il lettore a chiedersi che succederà alla prossima svolta della vicenda. E’ tutto il resto che non funziona: la quarta indagine del commissario Lorenzi – alla ricerca dei responsabili della morte di alcuni immigrati pacifici e integrati – è circondata da un contorno manicheo che divide i buoni e cattivi, il che sarebbe accettabile se l’operazione non avvenisse per vie rozze e troppo esplicite. L’autore guarda il mondo dall’esterma sinistra: i colpevoli stanno ovviamente sulla sponda opposta e sono dei sadici malvagi che paiono usciti da un fumetto di supereroi a stelle e strisce mentre la polizia e il potere continuano a pendere dalla loro parte, al netto di poche stimate eccezioni. Non bastassero le caratterizzazioni, d’ogni tanto ci scappa un pistolotto che c’entra come i cavoli a merenda e anche la storia dei due vecchi partigiani, pur se raccontata in modo teneramente efficace, finisce per risultare superflua: insomma, se il romanzo illustra una tesi va bene, basta che questa sia implicita negli avvenimenti, se no, come qui, può essere causa di sbruffi, altrimenti immeritati, che nascono spontanei quando la tensione narrativa va a farsi benedire. Al confronto, hanno meno peso certe banalità – non se ne può più di vissuti tutori dell’ordine che si portano a letto la figona di turno (oltretutto ignorandone un’altra di lui perdutamente innamorata) - e scopiazzature, evidenti in svariati tratti salienti dei poliziotti del commissariato che assomigliano in maniera eccessiva a quelli di Vigata, incluso un simil-Catarella di origine sarda: è perciò sperabile che, in futuro, Marchitelli riesca a trovare l’equilibrio fra le varie parti e, magari aggiungendo il lavoro di lima sulla lingua, arrivando così a un risultato che sia all’altezza delle aspettative create.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri