Uva noir Uva noir

Uva noir

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In una Bari sonnolenta e distratta, dove i tanti scandali scuotono il perbenismo della città, un bambino scompare, e qualche giorno dopo viene ritrovato senza vita nel giardino della villa di famiglia Le indagini di polizia si rivelano subito piuttosto complesse. Tra i sospettati c'è la mamma del bimbo, donna molto bella e inquieta, meglio conosciuta con il soprannome di Uva 'gnura, Uva nera. Separata dal marito, un farmacista assai noto e rispettato, la donna risulta essere invischiata in affari loschi e frequentazioni malavitose.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uva noir 2014-01-27 12:13:37 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    27 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lolita squisita

Giallo all’italiana, che ha come protagonista questo personaggio straordinario, Lolita, che ho adorato fin dal primo libro in cui l’ho incontrata. Esuberante e spumeggiante. Orgogliosa e fiera. Talmente carismatica da portare il caso di omicidio su cui indaga in secondo piano. Fa da sé e fa per tre. E trova la chiave per risolvere il mistero e trovare il colpevole. Ma ciò che ti rimane di più dentro è la sua irresistibile simpatia, complice la sua naturalezza, la sua bontà, il suo essere pienamente donna del Sud. Complice nel rendere così piacevole la lettura è il linguaggio colorito che anima i dialoghi, vivace, frizzante, farcito di espressioni dialettali che strappano ogni volta un sorriso spontaneo, infondendo allegria pura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uva noir 2012-08-02 04:29:51 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Uva noir” di Gabriella Genisi – commento di Bruno

Terzo episodio del commissario “femmina” Lolita Lobosco, terzo frutto che la simpatica autrice, Gabriella Genisi, offre ai suoi lettori: dopo sferici agrumi (“La circonferenza delle arance”) e gustose amarene (“Giallo ciliegia”), entrambi oggetto di precedente commento su Qlibri, è il turno degli acini zuccherini di “Uva noir”: un giallo dalla struttura semplice, ma incisiva.
In questo nuovo capitolo della saga, il volitivo commissario con cromosoma xx targato Bari è impegnato a risolvere un orribile caso di infanticidio: il piccolo Morris è stato strangolato nel giardino di casa e i primi sospetti ricadono – come purtroppo la cronaca nera talvolta suggerisce – sulla madre. Una donna sensuale, capricciosa, che ha alle spalle un passato equivoco e un matrimonio d’interesse e che investe il suo presente in traffici loschi. Passato e presente sono valsi all’ambigua Lorena il soprannome di “Uva ‘gnura”, uva nera in dialetto pugliese.
Come nelle precedenti puntate (è proprio il caso di utilizzare questo termine, visto che presto il sexy commissario Lobosco sarà protagonista di una serie TV!), l’indagine è animata dalle vicende sentimentali di Lolita, dedita alla conquista del procuratore Giovanni Panebianco e impegnata nell’individuazione dell’autore di scritte ingiuriose contro di lei.
Sarà una telefonata di Montalbano (sì, proprio lui, quello di Camilleri!) a fornire all’intuito investigativo tutto femminile di Lolita uno spunto per risolvere il caso.
Anche questa terza avventura di Lolì riconferma che Gabriella Genisi, organizzatrice del recente evento letterario “Il libro possibile” giunto in Polignano a Mare alla sua undicesima edizione, è autrice sensibile, spiritosa e fantasiosa.
Un libro indicato a regalare anche piacevoli pause di intrattenimento sotto l’ombrellone, nell’opinione di …

… Bruno Elpis

Chi lo desidera, può leggere la mia intervista all’autrice sul mio sito personale a questo link:
http://www.brunoelpis.it/le-interviste/202-tutti-pazzi-per--lolita-intervista-a-gabriella-genisi

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Camilleri e gli altri episodi di Lolita. E anche a chi voglia partire da questo.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uva noir 2012-07-06 06:27:19 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    06 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uva gnura

L'uva che ci offre Gabriella Genisi in questa terza indagine del commissario Lobosco,è aspra, non ubriaca ma stordisce quel poco che basta a darci coraggio è convincere noi e Lolitasua a guardare in un sacco nero, nero come l'anima di certi esseri umani, dove hanno seppellito un innocente, un bambino di nome Morris.
Ci vuole coraggio assai per indagare su un delitto tanto orribile e Lolita ci prova, all'inizio tentenna, sembra quasi mantenere un profilo basso, si fa distrarre dal bel magistrato, bisticcia con Danilosuo,la madre e la sorella, poi c'è quella strana faccenda delle scritte ingiuriose contro di lei nel parcheggio della Questura. Alla fine Lolita comincia a fare sul serio, interroga i vari testimoni,il padre dottor Lorenzo Milone,ricco farmacista, la madre Lory Depalma bella arrivista, la tata straniera, gli scagnozzi messi a guardia della villetta,perchè? E' una storia anche di mafia? Tutti giurano di aver voluto bene a quell'anima innocente,eppure c'è fra loro qualcuno che mente,quando muore un bambino, ucciso in quel modo,l'orco come nelle favole ha avuto la sua,vendetta? Toccherà a pollicina-Lolita, scoprire, cercare le mollichine che portano nell'antro dove si nasconde il mostro.
Un thriller originale e gustoso proprio come i piatti della cucina barese, si legge slow food,accompagnato con un Pardas Aspriu bianco,parola di Pepe Carvalho.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La circonferenza delle arance,giallo ciliegia
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oryx e Crake
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri