Narrativa italiana Letteratura rosa I sogni non fanno rumore
 

I sogni non fanno rumore I sogni non fanno rumore

I sogni non fanno rumore

Letteratura italiana


I sogni, si sa, ogni tanto ti coinvolgono in un contropiede fulminante. Così Giulia, studentessa universitaria, si trova ad alternare tacco dodici e tacchetti da calcio in un turbine di vicende che la vedrà protagonista. Scoprirà che in amore, come sul campo da gioco, è meglio attaccare che difendere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I sogni non fanno rumore 2017-07-17 17:10:56 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    17 Luglio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Palla al centro

Tacchi vertiginosi o tacchetti da calcio? Mondo classico o shopping contemporaneo? Cicerone o Catullo? L’esempio di Medea o i consigli di un uomo saggio? Ricordi o speranza? Amore o morte? Sogni o realtà? Il romanzo di Roberta Dieci si muove tra dicotomie e contraddizioni superficiali o profonde, apparenti o inevitabili, che si rincorrono e si intrecciano. Come accade nell’amore e nel calcetto.

Il calcetto non è uno sport per femminucce. Il calcetto è una metafora dell’amore. Non c’è alcuna contraddizione tra queste due affermazioni, perché l’amore è rosa ma anche rosso, è gioco ma anche vita. Il calcetto come l’amore non si spiega ma si racconta, non si misura ma si illustra, attraverso le azioni e le emozioni.

Sì, questa è una storia di amore e di morte, un romanzo sospeso tra la leggerezza dell’adolescenza e la durezza delle scelte obbligate. Qui tutto è gioco, anche nei piani narrativi che contaminano i sogni con i ricordi e sorprendono il lettore con finte, attacchi imprevedibili e colpi di scena. Nel campo, come nell’amore, si segna o si subisce, si insegue o si fugge, si perde o si vice in un lampo e non si è mai soli: gli amici possono salvarci con una parata spettacolare, ma possono fare poco quando la fortuna decide di atterrarci con uno sgambetto crudele.

Il ritmo del libro incalza il lettore, lo palleggia tra miti greci e riti da spiaggia, baci lievi e pallonate micidiali, incontri in treno e scontri con il destino, lo trascina al finale senza noia e senza sconti. Lo stile è fresco e non sbaglia mai un rigore, regalandoci un romanzo che fa vivere lo sport anche a chi lo detesta e dipinge una storia d’amore che non si perde in acqua di rose. Una partita comunque da non perdere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
d'amore e di sport.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri