Narrativa italiana Letteratura rosa Te lo dico sottovoce
 

Te lo dico sottovoce Te lo dico sottovoce

Te lo dico sottovoce

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mia ha trent'anni, alle spalle storie d'amore che non hanno lasciato bei ricordi, e una madre che le organizza appuntamenti al buio, forse spinta dal senso di colpa per non averle mai dato l'affetto di cui aveva bisogno. Ogni notte sogna il suo principe azzurro, ma la mattina si sveglia accanto a un meticcio con le orecchie cadenti e il pelo ispido. Durante il giorno, invece, gestisce una delle cliniche veterinarie più conosciute di Torino e coordina l'attività di pet therapy presso l'ospedale locale. L'amore, quello vero, sembra proprio non arrivare nella sua vita. O almeno così pensava Mia, prima di conoscere Alberto, un medico affascinante, e Diego, un poliziotto che si è appena trasferito a Torino dalla Puglia. Cupido sta finalmente per scagliare la sua freccia: riuscirà a colpire il cuore dell'uomo giusto per Mia?



Recensione della Redazione QLibri

 
Te lo dico sottovoce 2016-02-01 09:23:14 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    01 Febbraio, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Opinabile.

Mia Vitale, trentenne, è una giovane veterinaria attiva e dedita alla sua causa con passione e determinazione. In particolare presta la sua opera tanto nella propria clinica, “Qua la zampa”, che presso l’ospedale torinese dove è stato avviato il suo progetto di pet therapy.
La sua vita è però priva di una figura maschile, da anni infatti la dottoressa non riesce a lasciarsi andare, troppe ferite hanno segnato la sua anima e al tempo stesso non ha trovato la persona giusta per lei. Quando quindi incontra Diego, poliziotto originario di Gallipoli trasferito vicino alla sua abitazione e con cui dovrà lavorare vista la sua collaborazione con le forze dell’ordine che si trovano a dover fronteggiare cani e altri animali in difficoltà, e Alberto medico ospedaliero presso la struttura in cui ella metterà in atto il suo progetto, è spiazzata, ha paura di soffrire ancora. Inutile dire che dopo essere stata corteggiata da entrambi, e dopo il susseguirsi di varie peripezie, finirà con l’innamorarsi di uno dei due.
Il testo di per sé presenta tutti gli elementi per poter affascinare il lettore; la storia d’amore c’è, la cura del prossimo e dei cuccioli a quattro zampe anche, situazioni paradossali ma ilari si aggiungono al mix già presentato, ed infine, il lieto fine è assicurato. La varietà di tematiche non sorprende ma nemmeno delude le aspettative affrontando problematiche attuali e fortemente discusse.
Quello che in parte può disturbare è la scarsa originalità e la forma linguistica adottata, nello specifico i tempi verbali che sono presi e buttati li come un dado. Questi due elementi rendono, per scarsa arditezza, la trama prevedibile tanto che chi legge può prefigurarsi gli avvenimenti successivi e facilmente può intuire il finale, e, per stile narrativo, a tratti farraginoso l’elaborato che fatica a fluire, a scorrere. Non solo, verso la metà dello scritto l’autrice tira fuori il cd “asso nella manica” svelando un avvenimento intimo e che dovrebbe essere percepito quale determinante per comprendere l’indole e l’essenza della protagonista. Il problema è che lo inserisce così, di punto in bianco, senza accompagnare, introdurre, avvicinare, o far semplicemente intuire che dietro alla facciata si può nascondere qualcosa del genere, così che questa perdita è percepita quasi come irreale se valutata in relazione all’età, all’intreccio narrativo e ai dialoghi che si susseguono pagina dopo pagina.
In conclusione, “Te lo dico sottovoce”, è un romanzo leggibile ma da cui il lettore non deve aspettarsi troppo e/o per il quale di certo non può gridare al capolavoro. Risulta essere adatto ad un pubblico prevalentemente femminile e di tutte le età, ed in particolare a chi cerca un libro non impegnativo con cui trascorrere qualche ora.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = a chi cerca un romanzo semplice, leggibile ma che non si distingue per particolare originalità;
no = a chi cerca un testo be scritto, con un contenuto sostanziale e un intreccio narrativo solido. Amo gli animali in modo incommensurabile, ma in questo romanzo qualcosa, almeno secondo me, stona.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Te lo dico sottovoce 2016-04-29 22:02:13 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    30 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA STORIA PIACEVOLE CON ALCUNI PUNTI DI DOMANDA

La storia non è riuscita subito a coinvolgermi, i primi capitoli sono stati abbastanza difficili ma proseguendo la lettura, la narrazione è stata più scorrevole .
Ho apprezzato molto l'iniziativa della pet therapy e l'amore che la protagonista ha per gli animali, ma mi aspettavo qualcosa di più da questo romanzo, qualche emozione che non ho provato.
Forse il problema è mio, perchè credevo che la storia prendesse una piega diversa rispetto a quella che invece l'autrice aveva prospettato.
Mia è una giovane donna di trent'anni che ha realizzato il suo sogno di bambina, lavorare in una clinica veterinaria, lei ha lottato con tutte le sue forze ed è riuscita insieme ad un'amica ad aprire quest’ attività.
A Torino è molto conosciuta ed apprezzata, chi invece, non crede al suo talento e alle sue aspirazioni è proprio la sua famiglia,in particolare la madre che non la considera all'altezza della sorella.
Mia verrà contesa da due ragazzi ma nel suo passato ha avuto un evento doloroso che ancora la accompagna.
Ecco su questo mi fermo, io non avevo nemmeno sospettato, fino a metà del libro, che Mia potesse aver vissuto un episodio così traumatico, l'autrice ha volutamente tenuto segreto il passato della ragazza?
Ma perchè poi non lo ha approfondito?
I personaggi sono ben caratterizzati e delineati anche dal punto di vista psicologico ma tutti nel loro passato hanno un qualcosa che li ha colpiti negativamente.
Lo stile è semplice e mi piace il modo in cui scrive Lucrezia, preferisco leggere una storia in cui la scrittura è più vicina al lettore e non ci sia una ricerca accurata di parole alte e discorsi complicati che in fondo non hanno un senso.
Mia è un personaggio che da una parte ho apprezzato ma che non ho capito fino a fondo, nelle sue scelte, nei suoi atteggiamenti, nelle sue paure e insicurezze.
La domanda finale che al lettore sorge spontanea è “per Mia ci sarà il lieto fine?”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Te lo dico sottovoce 2016-01-31 11:20:31 violetta89
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    31 Gennaio, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo fresco e giovanile!

Premetto che di solito non è il mio genere di libri preferito, ma ho ricevuto questo libro dalla Newton Compton, mi son detta "leggiamolo!" e devo dire che ne sono rimasta sorpresa.
Il libro è assolutamente ben scritto, non è il classico rosa, ma un romanzo che tocca tanti argomenti anche profondi e ti aiuta a riflettere su certe cose. La cosa che mi ha colpito di più è l modo con cui sono descritti i personaggi, in particolare Mia, li fa sembrare così reali con le loro debolezze e i loro errori, tanto che ti sembra di conoscerli da sempre.
E' una storia semplice, fresca e giovanile ma allo stesso tempo profonda, vi consiglio di leggerla. Io invece spero di leggere presto altro di questa autrice!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri